3’496 visitatori in 24 ore
 285 visitatori online adesso




Pubblicare poesie Pubblicare poesie
Pubblicare poesie

Menu del sito

Le #parole nelle poesie
Alba Amicizia Amore Anima Bambino Cielo Coraggio Corpo Cuore Delusione Desiderio Destino Donna Emozione Felicità Gioia Giorno Libertà Luce Luna Madre Malinconia Mano Mare Memoria Morte Musica Natura Nostalgia Notte Nuvola Occhio Pace Paura Profumo Rabbia Ricordo Sentimento Serenità Sogno Sole Solitudine Speranza Stelle Tempo Terra Tristezza Uomo Vento Vita


Visitatori in 24 ore: 3’496

285 persone sono online
Autori online: 6
Lettori online: 279
Ieri pubblicate 63 poesie e scritti 99 commenti.
Poesie pubblicate: 321’213
Autori attivi: 7’368

Gli ultimi 5 iscritti: maria grazia savonelli - Laide vanesia - Elena Arlotta - Laura Cl - Meggy
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereGiuseppe Vullo Messaggio privato ♦ Eolo Messaggio privato ♦ Sharon Messaggio privato ♦ pompeo conte Messaggio privato ♦ Marco Canonico Baca8175 Messaggio privatoClub ScrivereAntonio Biancolillo Messaggio privato

SpiegaAutore della settimana
Francesco Rossi


Francesco Rossi nato a Sestri Levante il 24/01/1958 Pensionato. Terminata la scuola dell'obbligo...(continua)

autore della settimana Le sue poesie


SpiegaAutore del mese
Rasimaco

Mariasilvia

unaquaeque hora inveniat
te pingentem aeternitatem ...(continua)

Autore del mese Le sue poesie





Seguici su:



Settembre 2017  
do lu ma me gi ve sa
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23

Raccolte di poesie Raccolte di poesie
Imperfezioni di Nutellina Cinzia Pallucchini
Ruggero di Azar Rudif
Brevi Riflessioni Istintive di Salvo Scamporrino
LiVidi del CuoRe di Patrizia Cosenza
Le voci remote di Felice Serino

SpiegaPoesie riproposte
Oltre e passa di Rosaria Catania
Galoppo di Carmine Ianniello 1
In cerca di luna di Franca Donà astrofelia
Anima e Corpo di Aledam
Nel Mar di Fantasia di Ferny Max Curzio
La battaglia di Himera di Giuseppe Vullo
Questa vita di Umberto De Vita
Lettera da Ravenna di Valentino Mazzuca
Madre di Pippo Di Vita
Io, tu e Nolde di Willy Zini

I 10 autori più recenti:
Poeta Laura Cl: 1 poesie
Poeta Argenth: 1 poesie
Poeta Lothar mago: 2 poesie
Poeta Augusto Cervo: 4 poesie
Poeta Talita: 6 poesie
Poeta lunadeva: 3 poesie
Poeta RossellaP: 6 poesie
Poeta Sara aberdane: 1 poesie
Poeta Giulia Grimaldi: 1 poesie
Poeta Giuseppe Blando: 4 poesie

Autori del giorno
Autore del giorno Stellaerratica
(23 Settembre 2017)
Autore del giorno Stefano Sini Fossiànt
(22 Settembre 2017)
Autore del giorno Arelys Agostini
(21 Settembre 2017)
Autore del giorno anna di principe
(20 Settembre 2017)
Autore del giorno Francesco Pozzato
(19 Settembre 2017)
Autore del giorno Giuffj
(18 Settembre 2017)
Autore del giorno Bob
(17 Settembre 2017)

Autori del mese
Autore del mese Rasimaco
(Settembre 2017)
Autore del mese Melina Licata
(Agosto 2017)
Autore del mese Giovanni Ghione
(Luglio 2017)
Autore del mese Pierangela Fleri
(Giugno 2017)
Autore del mese Alberto De Matteis
(Maggio 2017)
Autore del mese Mariasilvia
(Aprile 2017)






Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale
Pubblicare poesie

Trovati 509 commenti di Giuseppe Vullo

Commento n° 509
«Cosa dobbiamo dire di questo grande autore? Egli è uno dei pochissimi che merita di esser letto, prolifico, profondo delicato a prescindere dalla struttara e dal tema. Egli si trova a rimirar un paesaggio marino, sente la brezza marina e guarda oltre l’orizzonte e l’infinito, e vede una scritta giustizia e libertà tra gli uomini. Lo diciamo da migliaia di anni. Complimenti sempre.»
Inserito il 23/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Sognando l’Infinito (ricordi d’estate)" di Alberto De Matteis  

Commento n° 508
«Senza nessuna nota esplicativa ritengo che sia amore tradito o sogno equivalente alla realtà, o sogno realtà sempre di maria si tratta, particelle elementari che si attraggono e respingono a secondo l’energia ed il segno. Naturalmente parlo di fisica quantisitica che si può ragionevolmente accostare alla poesia. Infatti sto leggendo un libro fisica quantisitica per poeti. Complimenti. Giuseppe Vullo, piacere.»
Inserito il 22/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Esamino Sogni " di Pino Buro  

Commento n° 507
«Cogito ergo sum, riconescere il proprio sè, ovvero conosci te stesso, ma spesso vogliamo riconoscerci negli occhi degli specialmente se si tratta di amore. Ma il nocciolo è l’archetipo del sè, sembra che parliamo di filosofia o di psicoanalisi ed autrice e commentatori psicologi, psichiatri o filosofi più che poeti. Comunque una imponente e prorompente! Complimenti.»
Inserito il 22/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Come i sè, archetipi pensieri dell’anima" di Giuseppina Di Noia  

Commento n° 506
«I sogni, i ricordi sembrano una realtà impalpabile, disgiunta dal corpo ma non e cosi. Noi siamo materia fatta principalmente di atomi di carbonio e di particelle elementari. I medici, fisici e neuro scienziati ci insegnano che i sogni ed i ricordi fanno parte della nostra coscienza integrata e la nostra coscienza nasce e muore nel zona "talamo- corticale" del cervello che si trova nella scatola cranica. Quindi i sogni sono la nostra coscienza notturna e quando arriverà l’alba riacquisteremo la coscienza integrata diurno, con i nostri ricordi, malizie, poesie ed ipocrisie. Cme quelle descritte da Pirandello! Notte!»
Inserito il 21/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Inseguo un sogno" di Sara Acireale  

Commento n° 505
«Un tema cosi imponente e prorompente e per forza di gravità una poesia in prosa, ma che importa, l’importante il messaggio che arriva perché la poesia e la prosa non sono fini a se stesse. Un abito di fuoco, Bruxelles, Parigi, Berlino, Londra, Barcellona abbiamo l’imbarazzo della scelta di come il male possa arrivare, attraverso la natura o peggio per mano dell’uomo malvagio.»
Inserito il 21/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Un lampo vestito di fuoco" di Stefana Pieretti  

Commento n° 504
«Una poesia che parla di disagio ed handcap, io che in epoca giovanile ho lavorato come ricercatore presso la cattedra di neuropsichiatria infantile, oltre avere lavorato nei reparti di psichiatria di etc. Non sto qui a decantare la mia vita professionale ed il mio curriculum di medico specializzato in neuropsichiatria. Casistica di malattie con pubblicazioni. Etc. purtroppo spesso c’è sempre il cittadino incivile ed insensibile che mal sopporta l’handicappato con i suoi diritti, come capita anche nella mia città vedere occupato il posto auto riservato. Cmq encomio per il tema e per la padronanza di scrittura. Sef»
Inserito il 21/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Oltre il mio dolore" di Antonio Biancolillo  

Commento n° 503
«Autrice brava, sensibile, profonda, piena d’amore. Ma un cuore senza scudo è sempre in pericolo, per questo forse ogni tanto è bene costruire una fortezza contro i pericoli degli uomini malvagi. Quando arriverano gli uomini e donne di apce e d’amore allora abbasseremo gli scudi e le lance.»
Inserito il 21/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Amarsi" di Maria Fiorella Corazza  

Commento n° 502
«Amare è anche questo bruciarsi come la farfalla in quell’unico volo. Il tema è quanto mai attuale, parliamo della violenza contro le donne, una malattia folle che si diffonde come un’ipidemia. Essere morti milioni di volte nelle parole e nel cuore. Apprezzata»
Inserito il 20/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Il tuo giorno unico o il niente" di Giuseppina Di Noia  

Commento n° 501
«Lode, apprezzamento e sincero ringraziamento per avere scritto di una malattia sociale, cosi impertante che colpisce una di soggetti, pazienti anziani che perdono la memoria e non riconoscono più neanche i proprii familiari. La validissima autrice, scrive quattro quartine ben strutturate in rima alternata, molto scorrevole e significativa. Vengono descritte con verseggiare poetico le varie tappe dello sfacelo, della mente del corpo, fino a che la morte sopraggiunge. Sincero elogio.»
Inserito il 20/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia ""Alzheimer"" di franca merighi 42  

Commento n° 500
«Condivido il bravo autore portabandiera del sonetto, vanto di Jacopo da Lentini e della poetica alla corte di Federico secondo. Io avevo scritto una satira sull'haiku che è solo un puerile passatempo.»
Inserito il 19/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Sonetti ... per il sonetto" di ex Lorenzo Crocetti  

Commento n° 499
«Le lacrime come la pioggia del cielo possono essere trattenute per pudore ed allora sentiremo gli occhi umidi che tuttavia si percepeiscono agli occhi indiscreti della gente o di chi tivuole bene. Complimenti bella!»
Inserito il 19/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Lacrima" di Angela Schembri  

Commento n° 498
«Brava autrice con una poesia colorata e con una vena di malinconia, dedicata all'estate che scivolavia. Una bella scrittura creativa senza metrica ne regole letterarie e poetiche stringenti. Tutttavia il verseggiare e fluido ed elegante.»
Inserito il 19/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Scivola l'ultima estate" di Nunziata Mannino  

Commento n° 497
«Un verseggiare classico fatto di quattro terzine una rima alternata, fluida elgante musicale e con un tema riguardante una gentile fanciulla adocchiata al centro commerciale. Perchè no? Anche in mezzo al consumismo più pacchiano si trovare bellezza e amore!»
Inserito il 19/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Vibra violino" di Giovanni Ghione  

Commento n° 496
«Splendido sonetto del grande autore, con la solita maestria, due quartine in rima alternata e due terzine, come inventò Jacopo da Lentini della poetica siciliana, alla corte di Federico, che successivamente si diffuse in toscana e quivi nacque la lingua italiana. Complimenti per il senso della famiglia ed alla dedica fatta alla propria amata, insieme da 47 anni, ormai questi matrimoni sono perle rare che di solito è difficile trovare, nei tempi moderni dove la famiglia tende a disgregarsi.»
Inserito il 19/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Quarantasette anni d'amore" di Alberto De Matteis  

Commento n° 495
«Padre mio e figlio mio, non so se il padre terreno o nel senso di Dio. Comunque il passato, presente e futuro. Lo sfregio di un sorriso? Ma un padre, ne tantomeno Dio, possono sorridere per sfregio. Cmq una preghiera struggente. Dalla sensibile e valente poetessa.»
Inserito il 18/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Lo sfregio di un sorriso" di Rosanna Peruzzi  

Commento n° 494
«Suppongo che la stella in cielo sia una ragazza morta. Naturalmente quando si subiscono gravi lutti personali, io parlo e scrivo con cognizione di fatto, una poesia scritta per mia sorella che è volata in cielo per omicidio stradale. Ma questo bella e struggente poesia poi l'ho eliminata dal sito per pudore. Complimenti al poeta.»
Inserito il 18/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Stella solitaria" di Vito Marco Giuseppe  

Commento n° 493
«Peccatore seriale finirai all'inferno, ammesso che esista l'inferno. Il potere delle parole nel bene e nel male è certificato dalla fisica quantistica, dove le particelle elementari, subatomiche si attraggono o respingono, secondo le quattro forze della natura. Naturalmente meglio le parole dell'amore, piuttosto che quelle della violenza e dell'odio. Complimenti al grande autore.»
Inserito il 18/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Il potere delle parole" di Sergio Melchiorre  

Commento n° 492
«Un testo particolare quasi filosofico. Una riflessione monumentale, sulla passione oscura avvolgente, nella notte impenetrabile e carnale. A volte facile ed a volte inafferrabile. Molto intrigante e da rileggere per entrare nell'animo dell'autore.»
Inserito il 18/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Inafferrabile" di Franco Scarpa  

Commento n° 491
«L'amicizia è come l'amore fa guarire dai mali della vita e star bene con il mondo intero. Poi un po' di scherzo e d'ironia e come il sale sulla vita.»
Inserito il 18/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Oltre il cavo del telefono" di Marinella Fois  

Commento n° 490
«In questo continuo stillicidio di femminicidio, come un virus del male e la pazzia che si diffondo. le composizione come quella impegnata dell'autrice, mia concittadina, non sono mai troppe. Complimenti»
Inserito il 18/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "“Amor non è violenza”" di Maria Assunta Maglio  

Commento n° 489
«Un caldo eccessivo un'estate infinita, i tre versi del grande autore, mi portano refrigerio finalmente. Grandine, pioggia, gelo... viva l'inverno. E' assurdo ma mi viene in mente la canzone di Bruno Martino "odio l'estate"! No io non odio l'estate ma sinceramente amo la primavera!»
Inserito il 18/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Haiku 78" di Donato Leo  

Commento n° 488
«Il tempo di un soffio per trovare i tuoi occhi e le parole come le foglie in autunno lasciate volare, con il ricordo di vite vissute. Poesia elegante come l'autrice mi sembra di capire. Comunque benvenuta e complimenti.»
Inserito il 16/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Piovono foglie" di Manola Gini  

Commento n° 487
«Una composizione struggente, lacerante. La perdita dell'amata, il lutto interiore ci porterebbe a gridare il nostro dolore. Ma una forma di pudore, di auto censura ci fa solo bisbigliare e lamentare nel silenzio universale. Solo le lacrime calde nel silenzio della notte esistenziale ci possono per brevi attimi consolare. Complimenti per il pathos.»
Inserito il 14/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Il dubbio diventerà salvezza" di Giacomo Scimonelli  

Commento n° 486
«Il sole porta calore, luce, vita ed amore. Il sole ci riscalda, ma il sole ci può anche scottare, come anche l'amore. Ma quando il nucleo solare finirà il carburante, morirà e cosi anche la terra.»
Inserito il 14/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Il sole porta calore" di Mariasilvia  

Commento n° 485
«Dal vociare festoso dei bambini, dai vecchi che giocano a carte, dalle donne che preparano tavole imbandite, dal brulicare di vita dei cortili di mondello ed isola delle femmine, tutte cose da cui io fuggivo. Ora il vuoto e la desolazione danno malinconia. Un altro anno di vita è passato.»
Inserito il 14/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "La spiaggia vuota" di piera tola  

Commento n° 484
«Quattro quartine sempre eleganti e scorrevoli e dal sapore Carducciano. Mi risuona "pianto antico e san Martino" nell'incedere con classe con questa rima incrociata e ricamata come un merletto d'altri tempi. Il nonno un vulcano di rime e poesie, che prende spunto dalle movenze del fortunato nipotino è inconsapevolmente protagonista ed oggetto di una poesia dolce e sublime. Lode al grande autore. Un gigante tra i nani compreso me.»
Inserito il 13/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "L'estate è andata via" di Alberto De Matteis  

Commento n° 483
«Siamo simili ma non uguali. Abbiamo colori diversi, lingue diversi. ma nelle vene delle donne e degli uomini scorre lo stesso sangue. Se vogliamo allargare il concetto siamo figlia della stessa terra e polvere di stelle, atomi e particelle elementairi che compongono l'universo. Tutti gli essere viventi sulla terra, compresi gli animali. come scheletro hanno tutti atomi carbonio e poi idrogeno, azoto, ossigeno. Perciò pace sulla terra e nei cieli.»
Inserito il 13/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Diversi ma uguali" di Sara Acireale  

Commento n° 482
«Sogni strappati, sogni stuprati, agghiddati da parole, veli ipocrisie di uomini colpevoli. Donne strappate alla speranza di una vita serena, una vita normale ma ecco la violenza arriva improvvisa inaspetta, la brama di possesso, lussuria indecente, volgare e senza amore. Sangue e lividi, sul proprio futuro. Complimento per questa poesia verità.»
Inserito il 13/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Brandelli di voce" di Rosanna Peruzzi  

Commento n° 481
«La notte s'avvicina, poi il sonno ti coglie e raramente bei sogni raccoglie. In genere il sonno ristora ed il sogno rielabore tutti i pensieri quotidiani che i genere sono ansie ed angosce che si riverberanno sui sogni della notte, ma tutto bello e brutto morirà all'alba. Complimenti.»
Inserito il 13/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Aspettando la notte" di Silvana Poccioni  

Commento n° 480
«Brava porfssa che invita i suoi alunni ed il mondo ad ubriacarsi di sapere e conoscenza. Leggete studiate, senza legare l'amore per i libri alla scuola ed al voto che può essere congruo o deludente. Studiare per sapere, sapere per conoscere, conoscere per giudicare, giudicare per assolvere o condannare. Viva la scuola e viva la cultura!»
Inserito il 13/09/2017 da Giuseppe Vullo alla poesia "Ubriacatevi" di Franca Mugittu  

Successivi 30

509 commenti trovati. In questa pagina dal n° 509 al n° 480.



Lo staff del sito
Poesie su Internet
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore - Cookie policy
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .


Copyright © 2017 Scrivere.info Poesie Poesie erotiche Poesie d'amore Nuovi poeti Poesie scelte Poesie sulle donne AquiloneFelice.it