L'agniddruzzu pasquali


Autore Topic: L'agniddruzzu pasquali  (Letto 354 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Melina Licata

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 31
  • Sesso: Femmina
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
L'agniddruzzu pasquali
« il: MERCOLED? 26 Ottobre 2016, 22:14:01 »


A storia di n’agniddruzzu vi vogliu cuntari
mpastatu di duncizzi
di mennuli, zuccaru e pistacchiu, frutti da terra e du suli.

Un chilu di mennuli scricchiati
trasi e nesci ndra na pignata d’acqua vuddruta
pi livarisi ddra piddrazza scura arripuddruta.

Ora bianca resta a mennula comu a nivi
pronta pi si fari macinari
e già a vucca accumencia a disiari
ddra cosa fatta tutta cu caluri.

Ora tocca o zuccaru sciogliri, pi mpastari.

Si metti na pignata nchianiata,
ottucentu grammi di duncizza,cu nfilu d’acqua cummigliata.

Vuddri l’acqua e abbrazza a mennula macinata
coci, coci e nesci tanta scuma, ca mpasta u pistacchiu macinatu
e gira puru iddru come a cruna
e prontu ora p’esseri mangiatu.

U cucchiaru gira tanti voti
adasciu a mennula si stacca da pignata
è pronta ora a pasta p’arripusari
du notti e tri jorna senza cuntari.

L’agniddruzzu ora pò campari
na furma va a pasta a finiri
ndra mezzu latu a pasta nchianiata
e nmezzu u pistacchiu è un piaciri.

Si vasanu i du lati di ddra furma,
si stacca l’agniddruzzu duci duci
è tuttu prontu ora pi mangiari
mangia a picca a picca, si u nvò ngrassari.

Melina Licata