Autore Topic: Filastrocche Natalizie  (Letto 12778 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Giovanni Monopoli

Re: Filastrocche Natalizie
« Risposta #30 il: Venerdì 20 Dicembre 2013, 19:07:50 »
Non è male la richiesta di inserire una nuova categoria " poesie per bambini", occorre solo valutare se possono essere inserite tra le fiabe... per non creare doppioni di categorie o eventuali confusioni... credo che in questo caso si potrebbe chiamare come categoria "filastrocca"...attendiamo la eventuale decisione in merito
un saluto
Giovanni

Offline Rossi Alessio

  • Cancellati
  • Autore
  • *
  • Post: 89
  • Sesso: Maschio
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re: Filastrocche Natalizie
« Risposta #31 il: Venerdì 20 Dicembre 2013, 22:40:01 »
Un'altra richiesta Luigi, tra le categorie sarebbe possibile aggiungere: poesie per bambini? Che non farebbero parte delle fiabe ma magari si potrebbero inserire quelle in rima. Che ne diresti?

Non voglio sembrare acido ma quella delle poesie in rima nella sezione bambini mi sembra un insulto e un'eresia...
che poi chi si accinga a scrivere in rima riesca a tirar fuori solo banali poesiole da scuola materna quello è un altro discorso...
ma per favore non facciamo confusione...

Offline Mariasilvia

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 694
  • Sesso: Femmina
  • Sempre gli occhi fissano lontano una stella
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re: Filastrocche Natalizie
« Risposta #32 il: Lunedì 23 Dicembre 2013, 15:44:38 »
 :)Una bella iniziativa che avrà un riscontro a coda. ;)
Nella Veglia  del Santo  Natale, il mio augurio più caro e sincero, nel modo che mi risulta più congeniale.
Con il ricordo di un mondo più povero, semplice, gioioso, nel microcosmo rassicurante di una stalla scaldata dal bue e l'asinello, di una Stella Cometa che indica la via... e nella visione del Presepe, tutti riuniti nei discorsi dei “vecchi” che raccontavano... e dei piccini che ascoltavano, con una naturalezza magica, avidamente....
Un messaggio cristiano di pace e serenità  e pensiero augurale per le nostre famiglie,  tutti i bambini e il mondo intero.
Ringrazio con il cuore e la mente,
 la Redazione al completo, gli Autori -Autrici, del Sito di Scrivere, che hanno fatto sì fossi, e permesso questo gradito regalo, nel mese più bello dell'anno... come l 'autrice della settimana.                                 
Buon NATALE  e Felice  Anno 2014 :)
esteso a Tutti!   GRAZIE! :)
Con stima       
                                                     Mariasilvia :)
Mariasilvia

Offline Duilio Martino

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 139
  • Sesso: Maschio
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re: Filastrocche Natalizie
« Risposta #33 il: Sabato 18 Ottobre 2014, 16:04:25 »
Le filastrocche sono difficilissime... contrariamente a quanto potrebbe sembrare... stilarle richiede una tecnina sopraffina e conoscenza delle regole metriche.
Comunque, se si vuole dare ai versi una cadenza confacente a filastrocche... suggerisco di usare verdi doppi (senari, settenari etc... e di evitare  gli enjambment che renderebbrro i versi più lineari, meno ritmici... più discorsivi. Ho sperimentato molto in merito lavorando sui sonetti, per avvicinarli ad un linguaggio più attuale e senza rinunciare ai suoni melofici di questi eterni componimenti. Ho appena acquistato un libro "Manuale di metrica Italiana e note di stilisticae lettrratura"  di Giovanni Di Girolamo (trovate l'autore su facebook)... e vi assicuro che non si finisce mai di apprendere. 
Pertanto al fine di evitare che in raccolta siano inserite  scritti orripilanti o assolutamente irrilevanti... a coloro che non hanno idea  di cosa sia una opera in metrica (qual'è la filastrocca) suggerisco vivamente di dedicare un po' del proprio prezioso tempo all'apprendimento...
Io, lo dico senza presunzione, mi offro per eventuali chiarimenti e solo a chi ha seriamente voglia di confrontarsi col fine di crescere in questo campo.
Quindi, riassumo, ribadendo che è una impresa ardua il propodito... ma non per chi... ha voglia e volontá... Altrimenti è meglio dedicarsi al verso libero dove c'è solo la grammatica a determinare gli orrori gravi e non, in aggiunta, le metrica.
Buon lavoro alla redazione... sono, nel caso servisse, anche a sua disposizione.
Saluti.
« Ultima modifica: Sabato 18 Ottobre 2014, 16:14:11 da Duilio Martino »