Autore Topic: Tre spunti di-versi - 134a Edizione  (Letto 3859 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline poeta per te zaza

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 2044
  • Sesso: Femmina
  • Infinito è spazio che precede e segue l'orizzonte
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 134a Edizione
« Risposta #60 il: Venerdì 1 Settembre 2017, 15:37:05 »
:) ;) :D

FILO – ABBRACCIARE - DESERTO
I miei commenti:
SECONDA PARTE



Abbracciare di Tonia La Gatta (Riflessioni)

Ritmo e sensibilità positiva in questa poesia di Tonia. E si parla di verbi amici come “abbracciare”… originale!

Nel deserto di Tonia La Gatta (Riflessioni)

Nel deserto in pieno giorno
faccio il filo al tuo ritorno
e non certo per celiare:
solo te voglio abbracciare.


Il mondo è solitudine e deserto senza la presenza di chi amiamo…

" QUEL FILO SOTTILE " di Giacomo Scimonelli  (Riflessioni)

Quel filo sottile tra cielo e mare
che separa fantasia e realtà
...
quel filo sottile non ha colore
e appare sempre dopo la tempesta
alla fine di un improvviso pianto
o quando vince l'odiata amarezza.


Quando si parla – e sovente – di un filo sottile a separare – fantasia e realtà – cielo e mare – pianto e sorriso …

Sfiancata di Paola Pittalis (Riflessioni)

Senza un filo logico
seguo la tua impronta
in questo mio navigare stanco
mentre osservo dubbiosa
un orizzonte offuscato
...

Come ad abbracciare un deserto, sfiancata.

Quante cose facciamo e seguiamo senza un filo logico…

Persa di Paola Pittalis (Introspezioni)

Persa, in questo deserto
continuo
ad abbracciare un sogno,
appeso ad un filo.
E vago
senza sosta
alla ricerca
di te.


Espressioni molto partecipate - ampia platea...

Tre spunti di Giuliano Esse (Riflessioni)

Tre spunti nel deserto da curare
Restano sopra il filo da legare
Estranei al sentimento da abbracciare.

Sospendo il filo sopra la mia testa
Per dire alla tue voglie cosa resta
Un bacio un bel saluto una promessa
Nel cielo mio deserto e una scommessa:
Ti avrò ti sentirò in questo mare
Insieme alle tue onde da abbracciare.

Acrostico di Tre spunti. Prima parte strettamente dedicata ai tre spunti.
Seconda parte dedicata all’amata.

Scrivere di Giuliano Esse (Riflessioni)

Solitamente scrivo a cielo aperto
Con tutta la valenza che ho scoperto
Reagendo al mio presente ormai deserto
In questo mondo avido e profferto.
Voglio abbracciare te e il tuo passato
E certamente rapido e dotato
Riannodo con il filo a me donato
Eccelse parti vere che hai celato.

Acrostico di Scrivere. .. “Solitamente scrivo a cielo aperto…” che bell’immagine!

Anima Nera di Delinquente (Introspezioni)

Introspezione-  confessione da un reo-confesso che d sicuro otterrà perdono!

Febbraio in un fremito di vento di Lauretta48 (Impressioni/Riflessioni)

                                      Fremiti di vento e frizzi di umidità
                                               pestano l’unico filo d’erba
                                          ...         con  la primavera che annaspa...
                                                    L’anima vorrebbe abbracciare
                                           l’aria che mi nutre come l’acqua.
                                                   Zolle brulle come il deserto del cuore
                                           intravedono nel silenzio solo un pezzo
                                                    di luna portato dagli angeli.


Similitudini fra la natura intorno a ni e il nostro animo, la nostra interiorità.

Se  guardo  te di Lauretta48 (Impressioni)

Ricordo di una notte “dove la luna fece un balzo” a illuminare lo sguardo dell’amato e scacciare
così lo spazio deserto di un cielo senza amore.

Anime di plexiglass  di Marcella Usai (Impressioni)

È deserto tutt'intorno
aridi, distratti sguardi
spezzano filo
di sorriso nascente.
È  dura destreggiarsi
tra automi
e anime di plexiglass
abbagliate da piccoli
luminosi schermi
ad abbracciare il vuoto.


Molto attuale il contributo di Marcella, e da meditare. Nell’etere dei Social (F.B. –Twitter ecc.) possono gravitare quelle “anime di plexiglass” richiamate, dalla luce dello schermo di un computer, ad affacciarsi anch’esse con la loro interiorità di facciata, di plastica. Sono come virus per noi e per il nostro civile convivere.

La legge del leggere di Antonio D’Auria (Riflessioni)

Potrei studiare come gira il mondo,
capire il duro clima del deserto
in fondo ho degli studi a tutto tondo.

Se provo a dissentire a viso aperto
ma pronto sei nel ridere e abbracciare,
anche se poi con me non sei in concerto

ed intricato il filo è da sbrogliare,
infine stare in pace e rispettosi
è ciò che la cultura ci sa dare.


Farsi la propria cultura e opinioni studiando, leggendo, formando la propria personalità in un franco e civile confronto con gli altri, rispettosi dell’altrui pensiero.

CORREDATO DA UN BACIO di Wilobi (Riflessioni)

Un Wilobi romantico – innamorato perso – che con estrema cura e con parole chiare fa arrivare
il suo “ti amo” su un aquilone che attraversa deserti “come l’aria volesse abbracciare”…
 


Vivere d'intorno di Azar Rudif (Riflessioni)

come filo d’erba
in arido deserto
viene vento ad abbracciare
così al naufrago va il mare
ed ognun si vive dell’intorno
se nessun si vive di sé


L’uomo è un animale sociale e socievole, non può vivere solo. Non vive di sé “ognun si vive dell’intorno”. Efficace l’immagine del mare che va al naufrago, che lo avvolge a sé, o il vento che parte ad abbracciare quel filo d’erba nell’arido deserto. Tutto il mondo c’è per ogni creatura che  esiste in questo momento al mondo – e noi… viviamo d’intorno…

Diario di Loretta Zoppi (Introspezioni)

...
Domani resetto, m'invento un cestino
...ma ancora stasera ti voglio abbracciare.


Diario di oggi – con la terminologia di Internet – ma senza tempo i sentimenti annotati sul primo incontro d’amore da un giovane cuore.

Asilo di Komandante99 (Riflessioni)

Abbracciare di rimando
è del cuore il mio comando
che deserto ogni momento
cerca a volo il tuo tormento
che legato a doppio filo
deve darmi in fretta asilo.

Cercare rifugio in quell’abbraccio che il proprio cuore esige di avere – e in fretta…

Il mio porto di Komandante99 (Amore)

E se ti faccio il filo
tu segui la mia traccia
nel cielo o nel deserto.
...

Aspettavo che qualcuno usasse la formula “fare il filo”… eccola!

Dietro un altro pensiero di witto42   (Impressioni)

Come il pittore getta dei tocchi
di colore su tela così fa il sole d’Africa
quando allunga i suoi raggi nel deserto
che non ha confine...


Pennellate di colore sulle dune africane al tramonto (è così in Namibia). E un viandante sperduto che deve trovare la giusta direzione.

Mi ritorna in mente… di Julie (Riflesssioni)

Ricordo l'acqua d’argento nell’aria d’agosto
le passeggiate notturne sull’orlo del mare.
Amara  musica nel filo di malinconia
che non riesco a tagliare
e soffoca il cuore deserto di parole.


Tutto ricorda il tempo delle promesse  e dei sogni...

Nella memoria di Marinella Fois (Riflessioni/Cronaca)

Dolore muto
oltre il filo spinato
sguardi smarriti in cenere mutati
in volti unti d’infelicità.

Da deserto scenario
unica speranza ad abbracciare fiori
canti d’angeli nel mare cupo
dell’ ultimo viaggio.


Lo scenario di un dramma che si ripete mille e mille volte.

E’ finito il tempo di Marinella Fois (Riflessioni)

Spezzato è il filo della tolleranza
con l’ultimo grido di corvo.
Deserto desiderio nel rosario di pietra.
Ad abbracciare speranza
volo di gabbiani inneggia libertà.

Disperazione e speranza.

A Ferragosto di catherine (Riflessioni)

In vacanza si deve andare dentro di noi – se no, non serve cambiare aria  (o cambiare afa…)

FILO (Il migrante) di catherine (Cronaca/Sociale)

Fuggito da guerra e deserto
In bilico nel mare aperto
La nostra terra potrà abbracciare
Ora che a filo d'orizzonte appare?

Acrostico di FILO – Argomento di cronaca di oggi sul dramma dei migranti.

Il filo d’erba-1 di  Peppe Cassese  (Introspezioni) e Il filo d’erba - 2  di Peppe Cassese (Introspezioni) -
vedere post nr. 59.

Banchi d’aria di Antonio D’Auria (Natura)

Oggi luce ed aria
hanno i colori del deserto,
riverberi di sabbie e marziane rocce.
Inalare sprazzi di rossi viranti a iodio
colma la nostalgia dell’onda,
la voglia di abbracciare non solo ombre.
Evoca un tocco ruvido ma consolante
il tessuto fitto delle voci che si narrano
sovrapposte a tanto sole a tratti sul filo del mio mirare.


Ispirato dai “banchi d’aria” al mare, Antonio tratteggia con lirismo quelle atmosfere. 

La vera accoglienza di adriana sini (Riflessioni)

Se potessimo abbracciare
tutto il mondo con lo sguardo
superare ogni barriera
pur rischiando qualche azzardo

quel deserto senza fine
che chiamiamo diffidenza
riusciremmo a sopraffare
con un filo di pazienza


La mia interpretazione del messaggio di speranza di Adriana vede quel “tutto il mondo”  circoscritto, per ovvi motivi, al mondo di ciascuno, dove esiste, spesso immotivata, quella diffidenza dell’uno verso l’altro, verso il prossimo. Usare quel filo di pazienza vicendevole (tenendone ciascuno un capo) aiuterebbe il sereno vivere di ogni gruppo sociale.






« Ultima modifica: Sabato 2 Settembre 2017, 08:02:08 da poeta per te zaza »
di sabbia e catrame è la vita...
o scorre o si lega alle dita...

Offline Franca Merighi

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 141
  • Sesso: Femmina
  • La vita è ciò che accade quando fai altri progetti
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 134a Edizione
« Risposta #61 il: Venerdì 1 Settembre 2017, 17:22:12 »
La vera accoglienza

Se potessimo abbracciare
tutto il mondo con lo sguardo
superare ogni barriera
pur rischiando qualche azzardo

quel deserto senza fine
che chiamiamo diffidenza
riusciremmo a sopraffare
con un filo di pazienza

Io invece interpreto questa bella poesia di Adriana, proprio tale e quale l'ha scritta lei, e cioè, guardare tutto il mondo, per me, significa proprio tutti, nel senso degli altri esseri umani che ci circondano, riferendosi la nostra Poetessa sicuramente a quello che stà succedendo proprio in questi momenti: intolleranza, razzismo, persino odio e si, anche paura. Quella diffidenza da lei nominata, forse non si potrebbe superare con un filo di pazienza, ma con moltissima pazienza si, se volessimo, ne sono convinta! Brava!
« Ultima modifica: Venerdì 1 Settembre 2017, 17:28:53 da franca merighi 42 »

Offline adriana sini

  • Autore
  • *
  • Post: 413
  • Sesso: Femmina
  • Le passioni forti e ardite fanno sogni senza senso
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 134a Edizione
« Risposta #62 il: Venerdì 1 Settembre 2017, 22:45:21 »
E’ finito il tempo

Spezzato è il filo della tolleranza
con l’ultimo grido di corvo.

Deserto desiderio nel rosario di pietra.

Ad abbracciare speranza
volo di gabbiani inneggia libertà.

La conclusione di un rapporto arriva spesso quando non si tollera più nulla dell’altro: è in quell’istante che l’ultimo sottilissimo filo che manteneva uniti coloro che in precedenza s’erano amati, si spezza.
Così il rammarico per qualcosa che finisce (il corvo che strilla) si confonde con la speranza in una presunta libertà riconquistata (il volo di gabbiani).
Molto attenta la Fois nella cura della cura dei dettagli: il nero del corvo in contrasto col grigio/bianco dei gabbiani, a simboleggiare appunto la morte di un sentimento superata grazie alla speranza di un futuro senza catene.

Offline adriana sini

  • Autore
  • *
  • Post: 413
  • Sesso: Femmina
  • Le passioni forti e ardite fanno sogni senza senso
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 134a Edizione
« Risposta #63 il: Venerdì 1 Settembre 2017, 23:00:44 »
Il filo d’erba-1

Cercavo un filo d’erba nel deserto
con cui abbracciare il mondo e questa vita
più verde che più verde non si può.
Ho attraversato mondi e spazi immensi
cuori viaggianti ventri doloranti
dame di corte donne scollacciate
mani di ghiaccio vergini inviolate
ma il mio destino è ancora un punto inverso
in questo cielo grigio in cui disperso
io cerco e non ritrovo luce e pace.


Ognuno di noi nasconde nel cuore una speranza, un sogno, un sottile filo d’erba verde appunto, che lo spinge a vagare in ogni dove e in ogni tempo, tra differenti umanità (in questo caso esplicitamente femminili), con il solo obiettivo di trovare quel suo personale tesoro che, unico al mondo, potrà donargli serenità di cuore: la sua metà della mela…

Offline adriana sini

  • Autore
  • *
  • Post: 413
  • Sesso: Femmina
  • Le passioni forti e ardite fanno sogni senza senso
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 134a Edizione
« Risposta #64 il: Venerdì 1 Settembre 2017, 23:20:12 »
Se  guardo  te

Notte di maggio tra petali di rose,
fori d’arancio e un filo
di perle coltivate  al collo.
Sogno spesso quel momento
dove la luna fece un balzo
per illuminare il tuo supplice sguardo.
Abbracciare quella luce
fu l’ultimo atto che colsi
nello spazio deserto
di un cielo senza amore.

Non è una notte qualunque, quella di cui Lauretta ci canta, è la notte delle nozze (la richiamano il mese di maggio, i fiori d’arancio, le perle al collo);
è una notte indimenticabile di cui si continua a sognare per tutta la vita perché legata ad una grande emozione: quella dell’amore che esprime il suo sì e chiede, con supplice sguardo, che quel sì sia ricambiato.
La chiusa mi lascia un po' perplessa: se la luna illumina l’abbraccio degli sposi, perché quel cielo è senza amore?

Offline adriana sini

  • Autore
  • *
  • Post: 413
  • Sesso: Femmina
  • Le passioni forti e ardite fanno sogni senza senso
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 134a Edizione
« Risposta #65 il: Venerdì 1 Settembre 2017, 23:29:15 »
Anime di plexiglass

È deserto tutt'intorno
aridi, distratti sguardi
spezzano filo
di sorriso nascente.
È  dura destreggiarsi
tra automi
e anime di plexiglass
abbagliate da piccoli
luminosi schermi
ad abbracciare il vuoto.

Insopportabili cellulari: son stati capaci in pochi anni di uniformare l’umanità in maniera tanto asettica da renderci degli automi, anime di plexigass, sulle quali un sorriso non può che rimbalzare piuttosto che venir assorbito per poi venirci restituito.
Marcella Usai ha ben centrato il punto.

Offline adriana sini

  • Autore
  • *
  • Post: 413
  • Sesso: Femmina
  • Le passioni forti e ardite fanno sogni senza senso
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 134a Edizione
« Risposta #66 il: Venerdì 1 Settembre 2017, 23:58:16 »
Nella memoria

Dolore muto
oltre il filo spinato
sguardi smarriti in cenere mutati
in volti unti d’infelicità.

Da deserto scenario
unica speranza ad abbracciare fiori
canti d’angeli nel mare cupo
dell’ ultimo viaggio.

Nessuno mai potrà cancellare dalla memoria storica il dramma vissuto dagli Ebrei: in pochi toccanti versi la poetessa ci fa rivedere i volti e soprattutto gli occhi impauriti di tanti che hanno perso la vita.
Unica certezza è che dopo tanto soffrire siano stati gli angeli ad accompagnarli in Paradiso.
Voglio segnalare questa poesia come "rime scelte" del gioco.


« Ultima modifica: Sabato 2 Settembre 2017, 23:33:31 da poeta per te zaza »

Offline adriana sini

  • Autore
  • *
  • Post: 413
  • Sesso: Femmina
  • Le passioni forti e ardite fanno sogni senza senso
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 134a Edizione
« Risposta #67 il: Sabato 2 Settembre 2017, 00:33:31 »
Antonio Terracciano

A una certa età

Riflessione che involontariamente ritorna più volte nel corso della nostra esistenza, anche per motivi differenti: ci si domanda come mai quella canzone che tanto ci piaceva ora non ci piaccia più, ci si chiede come sia stato possibile provare emozioni che oggi non esiston più, ci si meraviglia di come sia stato possibile scordare di questo o quell’evento, in passato così importanti per noi…
E’ il tempo che passa che gioca con noi, che cambia le prospettive, muta i ricordi, cancella episodi ed emozioni che pensavamo essere indelebili.

                                             *************************************
La confessione d’un ballista

Purtroppo per noi tutti, il mondo di ballisti ne ha partoriti tanti, ma il peggio è che anche gli ingenui abbondano oltremisura!

« Ultima modifica: Sabato 2 Settembre 2017, 00:42:32 da adriana sini »

Offline poeta per te zaza

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 2044
  • Sesso: Femmina
  • Infinito è spazio che precede e segue l'orizzonte
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 134a Edizione
« Risposta #68 il: Sabato 2 Settembre 2017, 22:24:43 »
Il filo d’erba-1 di  Peppe Cassese  (Introspezioni)

Cercavo un filo d’erba nel deserto
con cui abbracciare il mondo e questa vita
più verde che più verde non si può.
Ho attraversato mondi e spazi immensi
cuori viaggianti ventri doloranti
dame di corte donne scollacciate
mani di ghiaccio vergini inviolate
ma il mio destino è ancora un punto inverso
in questo cielo grigio in cui disperso
io cerco e non ritrovo luce e pace.

Risposta col dubbio di Zaza

È  un filo di speranza nel deserto,
quello che spinge a vagare in ogni dove,
cercando quella luce e quelle prove
per un cammino interiore anche profondo,
tramite il quale abbracciare il mondo,
o la semplice ricerca di un cuore solitario
della donna che non ha nell’inventario?


di sabbia e catrame è la vita...
o scorre o si lega alle dita...

Offline poeta per te zaza

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 2044
  • Sesso: Femmina
  • Infinito è spazio che precede e segue l'orizzonte
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 134a Edizione
« Risposta #69 il: Domenica 3 Settembre 2017, 20:24:49 »
 :) ;) :D

FILO -  ABBRACCIARE -  DESERTO

 :) grazie Mariasilvia!

Ci hai dato un filo da seguire, una traccia per salvarci da qualunque deserto, e ci siamo trovati ad abbracciare un’idea e a scriverla in forma di poesia. 

- Alla  134a edizione  di Tre spunti di-versi  hanno partecipato 30 autori con 51 poesie

In chiusura di questa bella edizione, voglio ancora ringraziare:
 
gli  interventi per commenti, osservazioni  e Risposte, da parte di:

 :)   Mariasilvia, Delinquente, franca merighi 42, adriana sini  :)

 (ma ricordate che c’è ancora tempo sino a mezzanotte per intervenire)

Auguro in bocca al lupo ad adriana sini :), banditrice all’esordio della 135a  edizione di Tre spunti di-versi, domani lunedì 4 settembre 2017!!


Tre spunti di-versi è un bel modo di poetare, giocando con gli altri autori, in modo ironico o introspettivo. riflessivo o letterario o fantasioso, non per vincere, ma per completare una visione del mondo che abbiamo dentro e che ci circonda, riflessa nei versi l’uno dell’altro, insieme! E partendo dalle stesse tre parole!

Tu che leggi e tentenni, prova domani! Entrata e uscita sono libere!

Vi aspettiamo numerosi come sempre... sarà bello esserci!

Forza Adriana, dacci tre spunti diversi che siano spunto di versi buoni!!!

  :) ;) :D




« Ultima modifica: Domenica 3 Settembre 2017, 20:58:00 da poeta per te zaza »
di sabbia e catrame è la vita...
o scorre o si lega alle dita...

Offline Rita Stanzione

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 291
  • Sesso: Femmina
  • Niente hai se di quel niente la bellezza ti sfugge
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 134a Edizione
« Risposta #70 il: Domenica 3 Settembre 2017, 23:03:17 »
Il filo della poesia unisce voci
ognuna si versa in altre
non c'è deserto dove esse sgorgano
a brillare, sussurrare, gridare
abbracciare un'idea, un'anima,
un'ombra altrimenti fuggita.

Trasportata nella lettura di ognuno anche stavolta
Grazie :)
ai poeti e alle due care referenti Mariasilvia e poeta per te zaza

Un caro saluto a tutti
Rita

Rita Stanzione