Autore Topic: Mister d'Amore  (Letto 702 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

perosino

  • Visitatore
Mister d'Amore
« il: Sabato 1 Dicembre 2007, 23:31:06 »
    Mister d'Amore

    Amor, da una parola un gran mister s'è fatto,
    che prender già nol può
    chi mai n' sia 'fflitto nè matto,
    e pur 'si dal di fuor l'amante insano è fatto
    se presta fede 'l cor a li dettam' del patto.
    Ma sempre brucia l'alma
    e dentro infuoca e infiamma,
    l'ardor d'una vision, che mai 'si non t'inganna.
    Per quella solo lotti, e cento scudi porti,
    e s'essa t'appartiene, parlar io non potrei
    del più brucior che 'si ne viene.
    Ma s'ella schiva e scansa,
    e trista fugge  e si ripara nella stanza,
    cede il cuore moribondo, che di sua man
    s'annega in quell'abisso sanza fondo.
    Ivi sospira e invan gemendo chiama,
    il nome a tutta voce di chi pur non l'ama;
    ivi si strugge ed il suo cor si spezza,
    che di sua vita omai non resta più che mezza;
    ivi piangendo disperato cade,
    in sui ginocchi, quand'Amor l'assale.
    Ma un tal malanno noi vediam che vale
    quanto più riempe il dell'amor boccale,
    che di votarsi anela e pur già non lo spera,
    se manca amata 'si che 'l succo beva.
    Profonda fossa, de lo cor prigione,
    sol di tristezza non è pur cagione,
    ch'al cielo innalza e 'l petto inver sobbalza,
    se 'l suo saluto e la parola porta a te mentre s'avanza..
    luce, d'angelico amor sempre ed i suoi cori,
    sonando cento note e musicando dentro ai cuori.
    Così, pria che la palpebra s'abbassa,
    da morte a vita, il vero amante passa.