Autore Topic: La redazione oggi che luna ha?  (Letto 1146 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Marco Passavanti

La redazione oggi che luna ha?
« il: Venerdì 13 Aprile 2012, 10:44:43 »
Riporto pari pari un mio messaggio scritto su facebook in cui più di un autore di questo sito condivideva lo stesso pensiero mio:

"Parere personalissimo: non capisco il metro di giudizio della redazione del sito! Dirò di più...con un po' di presunzione lo trovo "avvilente" per il messaggio della Poesia (con la P maiuscola stessa). Sono consapevole io in primis che certi miei testi non sono dei capolavori, ma sono altrettanto consapevoli che a volte la redazione non ha addirittura pubblicato testi che considero tra i migliori che abbia mai scritto (e non solo a detta mia) con "scuse" quali "troppo discorsivo, diretto, prosastico, termini comuni ecc...ecc..." e tanti altri inseriti nel Portfolio. Questa cosa mi ha fatto venire sempre di più la voglia di pubblicare poesie su quel sito perchè impediscono l'espressione dell'individualità del poeta che scrive. Vogliono pacchetti preconfezionati. Per gusto personale e sfida ho provato a pubblicare 2-3 testi che non mi piacicchiavano troppo, ma che secondo me seguiva i loro canoni e me li hanno pubblicati. La considero una cosa stucchevole da fare...e la redazione di quel sito sarebbe in grado e avrebbe anche il coraggio di non pubblicare un testo di Neruda (se non sapesse che fosse suo) perchè troppo discorsivo o prosastico...ed è un vero peccato...sono convinto che tra tanti nostri testi non pubblicati ci sia materiale che invece merita...e in ogni caso molti testi meritano di essere letti anche solo per il fatto di essere stati scritti di nostro pugno. Quindi comprendo il dispiacere di tanti.
Secondo me più di qualcuno nella redazione dovrebbe cedere il posto invece di seguire le proprie lune, preferenze e pensieri personali e lasciar spazio alle individualità di più di un autore che merita. Perchè ho letto poesie di autori da Portfolio o che non son state nemmeno pubblicate e che meritano tanto più di tanta roba pubblicata qui sopra già preconfenzionata. Un Neruda non si lascia MAI fuori perchè un po' prosastico, un po' discorsivo, un po' diretto, personale e perchè usa qualche termine che non piacicchia. Se qualcuno la pensa così....è un povero pazzo! Non sa cos'è la poesia da fine 800- inizio 900 in poi e soprattutto non sa cos'è la Poesia come esperessione artistica.

Opinione personalissima, ma condivisa da diversa gente da quanto vedo...ed è anche per questo che sto smettendo di pubblicare. Diversi testi che considero quasi scadenti mi sono stati pubblicati e questo lascia quasi il sorriso visto cosa non è stato pubblicato :-)

Meditiamo un po' tutti (gli autori che magari possono evitare di proporre certe cose e la redazione che è ora che si dia una svegliata perchè rende la Poesia quello che non è e accetta solo robette costruite su modelli standard e scontati).
« Ultima modifica: Venerdì 13 Aprile 2012, 16:54:04 da Rasimaco »

Offline Saverio Chiti

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 857
  • Sesso: Maschio
  • " C’è un vuoto nel mio giardino..."
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re: La redazione oggi che luna ha?
« Risposta #1 il: Venerdì 13 Aprile 2012, 13:22:34 »
mmm proprio non capisco!
pur non essendo sempre d'accordo con la redazione, ma per motivi assai personali...
credo che oggi sia tu caro autore ad avere la luna storta!
altrimenti, non comprendo il tuo post!
non sei d'accordo con chi "decide" le pubblicazioni? allora non farlo (non pubblicare)
e non tirare in ballo persone... c'è chi dice... in molti la pensano come me... tanti non pubblicano più...
a che serve dire questo?
la cosa che non sopporto, ma in tutti però... è la mancanza di educazione e rispetto!
questo mi fa imbestialire... e succede a volte ai redattori, come agli autori!
cosa sia la poesia, poi non è dato sapere... visto che penso, sia un "movimento" in continuo cammio e non statico. quindi ciò che va bene oggi, può darsi che non domani non sia così!
lasciamo stare Neruda dove sta molto bene, il sito ha i suoi regolamenti, quindi seguiamoli!
...anche sulle pubblicazioni!

scusami Marco, non ti conosco e non ce l'ho con te... ma o non comprendi le polemiche che puoi scatenare... oppure è proprio questo il tuo scopo!
potevi dire le stesse cose, senza tirare in ballo nessuno... sia redazione, sito o altri autori!
di la tua... è più che lecito, ma facendo attenzione a non coinvolgere altri... altrimenti non hai capito che chi dici condividere la tua stessa opinione ( credo basti andare su facebook), adesso ti renderà il conto!
fidati... ne so qualcosina!

Saverio.
...lì dove ti avevo lasciato
neanche il sole fa più capolino...

Offline Rasimaco

Re: La redazione oggi che luna ha?
« Risposta #2 il: Venerdì 13 Aprile 2012, 17:04:18 »
rispondo a Marco:
visto che hai tanti adepti su facebook ed avendo questo povero sito una redazione composta da poveri pazzi (sic)... pubblica pure in Facebook e lascia in pace i poveri pazzi che non comprendono i geni della poesia...
come l'abito non fa il monaco così lo strumento non crea musica

In Venere

  • Visitatore
Re: La redazione oggi che luna ha?
« Risposta #3 il: Venerdì 13 Aprile 2012, 17:09:40 »
sta di fatto che molte limitazioni le trovo incomprensibili

Offline Marco Passavanti

Re: La redazione oggi che luna ha?
« Risposta #4 il: Venerdì 13 Aprile 2012, 17:47:56 »
Rispondere stizziti non serve a niente nella vita :-)
Da studente di psicologia invito ad accettare un po' di più le critiche esattamente come molti dentro la redazione, ma anche molti stessi autori che pensano di essere più arrivati di altri qui sopra (secondo me a torto), si sentono in diritto di farle con le loro osservazioni ad ogni singola pubblicazione.

Voleva essere qualcosa di più costruttivo. Un'osservazione per evidenziare come una certa attenzione a non pubblicare proprio tutto ci sta... però non per gusto personale e su concezioni categoriche di cosa sia la poesia.

Nemmeno Neruda in persona forse sarebbe in grado di venire qui tra noi a dirci "Gente, la poesia è questa". Invece, mi lascia perplesso rendermi conto che probabilmente visto il metro utilizzato qui sopra (e non vuole essere un'offesa, ma una semplice constatazione) manco un Neruda verrebbe considerato o almeno non alcuni suoi testi. Questo lascia tanta perplessità  ::)

Invece di prendersela a male volevo porre un interrogativo e fare un invito a riflettere di più, esattamente come la redazione chiede agli autori di pensare prima di pubblicare qualcosa che giudica non consono.

Ribadito questo con cui posso dire di aver risposto a Rasimaco in buona parte, aggiungo che per fortuna pubblico anche da altre parti in cui i testi vengono ben accettati (intendo sia altri siti che frequento pure da più tempi prima ancora che iniziassi a scrivere seriamente, sia su facebook stesso).
Per fortuna alcuni testi qui rifiutati altrove vengono apprezzati. E questo fa sol che piacere. Roba che considero meno originale invece è pubblicata anche qui.
Fortunatamente posso esprimermi su altri siti, su Facebook in vari gruppi con cui posso interagire con tanti altri autori (anche di questo sito) e sorprendentemente mi son state proposte un paio di mezze occasioni (che sto valutando) di pubblicare con qualche piccola casa editrice gratuitamente. Dunque, non è certo un problema di pretese o altro. Altrove ho già parecchie possibilità di condividere ciò che scrivo. Semplicemente penso che questo sito ha un grosso potenziale volendo...ed è un peccato semplicemente vedere il metro di giudizio spesso adottato...e per di più in maniera non omogenea e altalenante a volte.
Volevo solo sottolineare come magari fosse il caso di cambiare qualcosa.

Per il resto non ci sono problemi. Effettivamente dopo le prime 4-5 poesie pubblicate o diminuito sempre più il numero dei miei tentativi di pubblicazione su questo sito perchè quasi comicamente a volte son state pubblicati i miei testi peggiori e non quelli più originali.

Quindi rispondendo a Saverio sto già seguendo la scelta di non pubblicare o farlo limitatamente. Però, parlarne pensavo e speravo che male non ne facesse :-)

Per il resto non ho coinvolto nessuno. Non ho fatto nè nomi nè cognomi. Ho solo detto che leggendo in giro su facebook (e su questo stesso forum) di gente che nei mesi si è sempre lamentata su un aspetto che mi lascia anche personalmente molto perplesso mi son sentito di farlo notare.
E non si tratta di educazione o meno. Altrimenti è anche poco educato cestinare per proprio gusto personale (o poco altro) una poesia di un autore anzichè un'altra :-)
Mentre il riferimento alla redazione è per forza di cose dovuto dal momento che la scelta di cosa debba venire pubblicato e cosa no è decisione della stessa.

Molte limitazioni sono per lo meno discutibili come ha confermato Venere veritas e sarebbe interessante poterne parlare pubblicamente e magari che chi fa parte della redazione si aprisse un po' mentalmente (non inteso come offesa) in tal senso. Perchè magari un Marco qualsiasi può anche decidere di smettere di pubblicare qui sopra...ha facebook, ha altri siti simili ecc...ecc...però è un peccato che un sito con un potenziale del genere faccia passare la voglia di partecipare a qualche autore e anche ad un Marco qualsiasi. Onestamente penso proprio che sarebbe utile meditare sopra alla questione. Esattamente come la redazione chiede uno sforzo all'autore che si vede rifiutato un suo testo per comprendere e riflettere su cosa pubblicare.

Non è nè luna storta, nè altro. E' un parere che ho avuto sin dall'inizio e che mi ero fatto già alle prime pubblicazioni leggendo in giro per il forum e altrove.
Sono davvero convinto che anche qualcosa di un Neruda verrebbe rifiutato qui sopra per scelta. Per quello ho aperto un thread per invitare tutti a pensarci un po' sopra...

poi se la richiesta viene accettata ed accolta, bene! Altrimenti, amen...
« Ultima modifica: Venerdì 13 Aprile 2012, 17:52:23 da Marco Passavanti »