Autore Topic: Tre spunti di-versi - 138a Edizione  (Letto 3854 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline poeta per te zaza

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 2044
  • Sesso: Femmina
  • Infinito è spazio che precede e segue l'orizzonte
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 138a Edizione
« Risposta #60 il: Domenica 8 Ottobre 2017, 09:20:15 »
Desidero il potere del gioco, oppure desidero il gioco del potere, oppure gioco col potere del desiderio.
Sintetizzando, sono le combinazioni più usate nelle poesie.
La prima rappresenta poesie di argomentazione varia, la seconda a sfondo politico, la terza a sfondo sentimentale.

Quelle di genere politico sono quasi tutte incentrate sullo scontro tra potere politico e chi lo subisce o chi ne viene estraniato.
In “Desiderio di Libertà” (Pinotota) la storia si ripete ed aggiungo che nessuno dei politicanti vuole impararla. Quello che l’autore ha scritto nel IV e V verso, purtroppo, si trasforma in forme di ribellione violenta. Lo stesso leggo in “Catalunya” (Terracciano) dove la violenza è stata usata dal governo centrale, per ora. Più in là chissà, ma la storia insegna che ogni comunità ha diritto a vivere secondo le proprie leggi e la catalogna è storicamente indipendente. Su questa linea si pone anche la poesia “Sogni di libertà” (Scimonelli) e concordo sull’ultima strofa (ed aggiungo: “in un modo o nell’altro”)
Invece, la poesia successiva (Scacchi di Terracciano) apparterrebbe alla prima categoria ed anche io ci gioco usando un computer visto che gli scacchisti sono sempre di meno e nessuno ha la pazienza di impararlo.
Stracondivisa la condanna del potere del gioco (Poeta per te Zaza).
La poesia “Tutto è un gioco” (Chiti) va un poco fuori gli schemi anche se potrebbe rientrare nella prima categoria, ma presenta una sottigliezza che la differenzia e la rende fonte di molte considerazioni. Una fra tutte è che dovremmo lasciarci trascinare dalla vita come fa un bambino quando gioca, che si fa trascinare dal gioco e si ribella alla vita se questa si intromette.
Vita dalla quale si può morire, ma dal morire si può solo rinascere, bambini però. Questo pensiero ritrovo anche nella seconda poesia di Chiti con l’affascinante VII verso (Vita e morte, son solo una domanda). Che Dio conosca la risposta non c’è dubbio, ma chi fa questa domanda se non lo stesso Dio?
Sta a noi rispondere, adesso: possiamo cambiare il nostro vivere e girare la clessidra (Tutto passa di Mariasilvia), dar vita ai nostri sogni (Dipingo un sogno di Scimonelli), cercare di combattere la cattiva politica (in molte poesie), farsi trascinare o vincere dall’amore o dal desiderio (in molte altre poesie), lasciare i nostri pensieri al potere delle parole (Scrivere di Esse ed Il potere delle Parole di Monopoli).
Fuori da ogni categoria, ma molto apprezzata la rievocazione storica del Re Desiderio e di Adelchi (Cassese).



 :) Azar è tanto bravo quanto schivo per onori e ringraziamenti.

Ma una tantum , a nome degli Autori del gioco, glieli faccio, per questa esegesi dei testi, per le precedenti e per le future
che avrà tempo e modo di pubblicare.

Questi commenti danno un valore aggiunto alle nostre poesie, rivelando spunti, connessioni e significati di grande interesse,
che a volte sorprendono chi ne è l'autore.

Un abbraccio di stima e affetto.  :D


di sabbia e catrame è la vita...
o scorre o si lega alle dita...

Offline Azar Rudif

  • Autore
  • *
  • Post: 283
  • Sesso: Maschio
  • Non esiste mondo sotto le mie ali, ma sopra sì
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 138a Edizione
« Risposta #61 il: Domenica 8 Ottobre 2017, 09:47:20 »


 :) Azar è tanto bravo quanto schivo per onori e ringraziamenti.

Ma una tantum , a nome degli Autori del gioco, glieli faccio, per questa esegesi dei testi, per le precedenti e per le future
che avrà tempo e modo di pubblicare.

Questi commenti danno un valore aggiunto alle nostre poesie, rivelando spunti, connessioni e significati di grande interesse,
che a volte sorprendono chi ne è l'autore.

Un abbraccio di stima e affetto.  :D


Io l'ho sempre detto, ai moderatori manca sempre la moderazione!!
Non lo so se ho fatto un'esegesi, ma la moderatrice è di sicuro un'esegereta.... diceva il nostro Lino televisivo :)

La Legge è uguale per tutti, ma non tutti sono uguali per la Legge e non cercate la Legge Umana. Essa è statica ed imperfetta, cercate ciò che evolve e mai è uguale a sè stesso e ribolle del Bene e del Male

Offline poeta per te zaza

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 2044
  • Sesso: Femmina
  • Infinito è spazio che precede e segue l'orizzonte
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 138a Edizione
« Risposta #62 il: Domenica 8 Ottobre 2017, 17:24:46 »
 :) ;) :D

Tramite il POTERE del banditore della 138a Edizione, Antonio D’Auria (grazie :)), nel nostro GIOCO sono venuti fuori, espressi da 26 autori, 42 tipi di DESIDERIO.

In chiusura di questa bella 138a Edizione, voglio ancora ringraziare:

 :) i 26 partecipanti  (bravi!!!)
 
 :) gli  interventi per commenti, osservazioni  e Risposte, da parte di:

 :)  Antonio D’Auria, Delinquente, Wilobi, adriana sini, franca merighi 42, enza fontana, Giacomo Scimonelli, Azar Rudif  :)

 (ma ricordate che c’è ancora tempo sino a mezzanotte per intervenire)

 :) auguro in bocca al lupo a Wilobi, neo banditore della 139a Edizione di Tre spunti di-versi, domani lunedì  9  Ottobre 2017!

Siamo forti, siamo bravi:
con gli spunti come chiavi
spalanchiamo in compagnia
porte aperte alla poesia!


di sabbia e catrame è la vita...
o scorre o si lega alle dita...

Offline Antonio D’Auria

Re:Tre spunti di-versi - 138a Edizione
« Risposta #63 il: Domenica 8 Ottobre 2017, 20:04:39 »
Ripropongo, sul finire di questa edizione, la composizione generata per gioco ulteriore scegliendo uno o due versi da ogni poesia inviata, nell’ordine di apparizione di ogni autore e rispettando rigorosamente la cronologia di pubblicazione (la punteggiatura è mia).

Chiedevo un titolo. L’unico, proposto da Delinquente, che ringrazio, mi è sembrato un po’ riduttivo viste le tante sfaccettature che secondo me emergono dall’assemblaggio. Ho pensato, quindi:


EPPURE SCORRE

Come un gioco passa il tempo,
come un sogno naviga il pensiero.

E’ il potere della vita
con desiderio e piacere,
col garbo e quell’intuito da saggezza,
se vinci o perdi diventa un dettaglio,
sembrano pagine aperte a caso o per gioco.

Respirare il potere di una passione
ma molto spesso non in modo serio
e sull’arte poetica ben poco
di giorno in giorno perderebbe linfa.

Potere altrui richieste soddisfare,
l’altrui desiderio di libertà:
troppi fili ed ingranaggi.

Lo sciame è un esodo di senza terra
che capriccioso, punta i piedi alla vita
nell’effimero bisogno di capire,
che dell’amor fa polpette,
che gira nella testa e naviga nell’aria.

E siamo quattro e uno
sull’onda di questo mare,
verso isole di sogno,
quando abbraccia la notte
e strega il cuore.

Un desiderio che ti pervade:
ricordare l’alfabeto che usavi
del nulla in ogni dove,
nel gioco delle parti preparato,
nel gioco d’estro serico,
per ricamare un finto amore
a distanza del potere.

In questo incontro il cuore resta muto,
vale la pena osare
cercando forse d’essere me stesso
e tra sguardi di pause a effetto
un viaggio emozionale che coinvolge,
un enigma da risolvere,
un canto dietro il vento.

E vivo il desiderio
e il cuore vola, batte forte
dato che apparteneva al grande Marte
biondo alto e riccioluto!



Ringrazio ancora tutti per l'ispirata partecipazione e per le le attente osservazioni espresse a seguire.

Offline Ela Gentile

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 51
  • Sesso: Femmina
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di-versi - 138a Edizione
« Risposta #64 il: Lunedì 9 Ottobre 2017, 00:52:51 »
Ho dimenticato

Alla fine spiace non potere,
anche se per gioco, partecipare
a spunti di-versi.
E’ tardi, troppo tardi,
ho perso il treno,
mi resta il desiderio…
E faccio i complimenti agli altri,
a quelli bravi, con buona memoria.
A me è saltata qualche valvola,
ho azzerato tutto nella mente.