Autore Topic: Sito Scrivere: parliamone.  (Letto 1587 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Saverio Chiti

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 832
  • Sesso: Maschio
  • " C’è un vuoto nel mio giardino..."
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Sito Scrivere: parliamone.
« Risposta #15 il: Venerdì 9 Marzo 2018, 09:47:23 »
ciascuno vive le cose a proprio modo, insindacabile, per me la poesia è una parte importante della mia vita, indipendentemente dal pubblicare, dalle letture, dal gradimento, per cui curare uno scritto al meglio delle mie piccole capacità e possibilità. è un atto di rispetto verso me stessa e, nel caso lo renda pubblico, verso chi leggerà

tu sei libero, quanto me, di viverla e pensarne quel che vuoi

Certo che sì, piena libertà di vivere la vita come uno meglio crede!
Bè sì, questa è una bella forma di rispetto... E non solo per sé stessi!
...lì dove ti avevo lasciato
neanche il sole fa più capolino...

Offline Duilio Martino

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 139
  • Sesso: Maschio
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Sito Scrivere: parliamone.
« Risposta #16 il: Martedì 27 Marzo 2018, 18:11:47 »
Pensare di scrivere na poesia di getto è pura illusione. Anche Montale (mi pare di ricordare) affermava che passava nottate per apporre o spostare una virgola.
Al massimo di getto si butta giù un pensiero poetico; altra cosa è la poesia che non può non avere "significante" ovvero quella "cosuccia" che si affina con la tecnica e che la distingue dalla prosa.
Strappare le lacrime?
Se si riesce nell'intento significa che si è in grado di stimolare l'anima del lettore in modo inusuale e per farlo usando le parole bisogna essere davvero bravi e conoscere la retorica... quindi la tecnica.

Leggo una frase bellissima sul profilo di Elisabetta Randazzo:
"La poesia non è un modo di esprimere un'opinione. E' un canto che sale da una ferita sanguinante o da labbra sorridenti."
Kahlil Gibran.

Allora mi domando come sia possibile mettere sulla carta "un canto"  se non si conosce la musica?

E quindi ancora mi domando perché nessuno evidenzia dei testi postati gli aspetti significanti?
Una risposta io penso di averla: credo che il sentiero dello studio e della conoscenza non sia affatto agevole, anzi credo sia scomodo, polveroso e molto faticoso.
Il risultato?
Si trovano in rime scelte sonetti con errori metrici grossolani...
si leggono commenti incredibili a testi prosaici di nessun valore ben lontani da ciò che si può definire poesia.
Con questo non intendo fare alcuna polemica, anzi, comprendo la Redazione; non è facile trovare la disponibilità a collaborare nei poeti bravi e qualora la si trovasse questa potrebbe rivelarsi controproducente poiché la critica oggettiva diventerebbe sicuramente spietata scoraggiando o forse allontanando dal sito troppi iscritti.
Saluti.
« Ultima modifica: Martedì 27 Marzo 2018, 18:26:10 da Duilio Martino »

Offline Demetrio Amaddeo

Re:Sito Scrivere: parliamone.
« Risposta #17 il: Martedì 27 Marzo 2018, 19:40:53 »
Ci sono poesie che si scrivono di getto, poesie che si scrivono con le lacrime e con il sangue, poesie pensate e così mentali che alla fine diventano fredde e banali, poesie che si seppelliscono per anni in un cassetto, poesie che si scrivono con l'anima, poesie che rimangono in gola, poesie che sono vere e proprie opere d'arte...ognuno di noi  scrive non solo per comunicare ma anche per un bisogno di espellere il proprio sentire...ci sono più poeti che lettori e ognuno con qualcosa da dire...
ricordiamoci di non prenderci troppo sul serio e ricordiamoci che siamo su un sito di poesia ma è anche vero che siamo su un "Social di poesia"
« Ultima modifica: Martedì 27 Marzo 2018, 19:44:07 da Demetrio Amaddeo »

Offline Amara

Re:Sito Scrivere: parliamone.
« Risposta #18 il: Martedì 27 Marzo 2018, 22:32:20 »
ricordiamoci di non prenderci troppo sul serio e ricordiamoci che siamo su un sito di poesia ma è anche vero che siamo su un "Social di poesia"

ecco, io non l'ho mi vissuto come un social, se non nel bellisimo periodo della chat, quando funzionava a meraviglia ed era frequentatissima, ma l'aspetto social, lo limitavo a quello, per il resto lo vedo come un sito di pubblicazione, tanto è vero che i commenti sono unidirezionali, senza possibilità di risposta
Il dubbio è uno dei nomi dell'intelligenza
(J. L. Borges)

Offline Antonio Terracciano

Re:Sito Scrivere: parliamone.
« Risposta #19 il: Martedì 27 Marzo 2018, 23:30:40 »
E' inutile dire che io sono d'accordo con il Martino : basta guardare i miei due vecchi interventi sull'argomento. Però comprendo pure le ragioni dell'Amaddeo: siamo (anche) su un "social", e non certo in una selezione per il premio Nobel... Una volta, francamente, mi arrabbiavo parecchio leggendo certe poesie- non poesie, magari inserite nelle "Rime scelte" : ora non più (al massimo sorrido, come sorrido ancor più quando vedo le troppe composizioni scritte in un ridicolo dialetto napoletano, l'unico che conosco abbastanza bene, anche se non lo parlo: ho cercato, fino a non molto tempo fa, di evidenziare alcuni errori, ma non tutti i criticati sono stati contenti... ) E' un po' come con la gastronomia: chi di noi riuscirebbe a far capire a un ragazzo quanto è buono, poniamo, il pollo ruspante (ammesso che se ne trovi ancora qualche esemplare) , se il suo gusto, fin dalla più tenera età, è abituato al "junk food" ? Personalmente sono contento (come il Manzoni) di avere la mia ventina di buoni lettori, e lascio volentieri le poesie-non poesie al palato diversamente strutturato di molti autori-lettori...

Offline Demetrio Amaddeo

Re:Sito Scrivere: parliamone.
« Risposta #20 il: Mercoledì 28 Marzo 2018, 08:30:44 »
Chi pubblica in un sito di poesia, e quindi anche su Scrivere, deve essere "consapevole" e accettare le "regole del gioco"...che sono poi quelle di un Social, tu hai più visibilità se hai più amici, funziona così...se in Rime Scelte poi ci sono testi non meritevoli significa che c'è poco controllo e poca attenzione nella valutazione da parte della Redazione...però va in contrasto su alcune scelte della stessa Redazione che a volte non accetta alcune pubblicazioni che a parer suo sono poco poetici.
Se non ho capito male Amara poneva l'attenzione sui commenti e su una eventuale risposta...su questo ho delle perplessità perchè sono sicuro succederebbe il finimondo.

Offline Amara

Re:Sito Scrivere: parliamone.
« Risposta #21 il: Mercoledì 28 Marzo 2018, 14:21:42 »
Se non ho capito male Amara poneva l'attenzione sui commenti e su una eventuale risposta...su questo ho delle perplessità perchè sono sicuro succederebbe il finimondo.

no no, per carità :D va benissimo così, lo segnalavo solo per rilevare la struttura 'non social' del sito, ne abbiamo già a sfare di luoghi così, io continuo a stare qui da tanti anni proprio per il silenzio e non mi sono mai preoccupata del numero di letture e commenti
Il dubbio è uno dei nomi dell'intelligenza
(J. L. Borges)

Offline Demetrio Amaddeo

Re:Sito Scrivere: parliamone.
« Risposta #22 il: Mercoledì 28 Marzo 2018, 16:31:07 »
Per Social intendevo "condivisione" di un pensiero come mezzo di comunicazione...che poi non è tanta una cattiva idea se esposta in termini "poetici"
« Ultima modifica: Mercoledì 28 Marzo 2018, 16:34:27 da Demetrio Amaddeo »

Offline Azar Rudif

  • Autore
  • *
  • Post: 279
  • Sesso: Maschio
  • Non esiste mondo sotto le mie ali, ma sopra sì
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Sito Scrivere: parliamone.
« Risposta #23 il: Mercoledì 18 Aprile 2018, 01:12:34 »
Cari Autori ed Autrici del sito,
era da tempo che avevo in mente di esporre alcune note esplicative sul complesso rappresentato dal Sito Scrivere. Tutto questo scaturisce dalle richieste e domande che quasi quotidianamente mi giungono, e via email e via mp, tendenti a conoscere sia la il funzionamento del sito sia il direttivo e relativa formazione. Intanto metto in chiaro che il funzionamento del sito è assicurato da una Redazione, e da un direttivo rappresentato da un amministratore (Elisabetta Randazzo) e dal Webmaster e  amministratore (Luigi Bruno). Il lavoro svolto dalla Redazione è importantissimo in quanto  essa è il fulcro della vita stessa del Sito poiché svolge un lavoro di coordinamento delle varie attività e di controllo sia sulla homepage di quanto pubblicato sia sulle proposte di pubblicazione.

Fatta questa premessa, passo a presentarvi i componenti la Redazione (cosa che mi proponevo di fare da tempo) iniziando dalla neoredattrice Rosetta Sacchi, da poco entrata a far parte della Redazione, dalla quale molto il direttivo si attende data la sua capacità in campo letterario ed organizzativo ed alla quale auguriamo buona permanenza e buon lavoro, da Arelys Agostinis, valida componente che da anni con abnegazione opera sia in redazione sia come editor poesie in lingua spagnola, Marina Como, anch'essa autrice ed exredattrice rientrata dopo un periodo di stasi per motivi familiari, da Antonio Biancolillo che, sebbene i medici gli abbiano imposto un rigoroso stop, ha continuato e continua a prodigarsi per il Sito, da Nicomar Nico Martino,  che con le sue apparizioni spesso contribuisce in maniera determinante nell'attività decisiva,  da  Rasimaco che, nonostante i suoi molteplici impegni, dà il suo apporto con capacità e dedizione ed, infine, da Salvatore Azzaro, per quelle volte che riesce a ritagliarsi un momento intervenendo con le caratteristiche sue capacità. Fatta questa presentazione piuttosto capillare desidero porre alla vostra attenzione un fatto: l'ordine di presentazione è stato semplicemente casuale e non preferenziale, cedendo il passo prima alle signore in quanto tali, pertanto mi preme precisare che di fronte al direttivo sono tutti uguali per importanza all'interno della redazione. In questo periodo ci sono stati eventi che hanno reso la vita del sito un po' difficile a causa di malfunzionamenti vari che ancora, nonostante l'alacre lavoro del Webmaster, non sono stati del tutto risolti ma che ormai sono quasi marginali. Mi sono giunte molte lamentele in proposito ma anche voci tendenziose su possibili virus e quant'altro. Riguardo quanto precede rassicuratevi, nè virus nè hackers hanno infettato il sito ma si tratta semplicemente di un enorme carico di lavoro cui è sottoposto il server su cui si appoggia il Sito, dovuto anche ad autori che si iscrivono  o si riiscrivono mantenenendo anche svariati nickname (cito solo un autore, di cui naturalmente non faccio il nome per questione di privacy, che è presente sul sito con ben 5 nickname e qualche altro anche con 6). Passo ora a fare un po' di chiarezza, sempre in aderenza a richieste e domande pervenutemi, Autore del mese viene scelto dal direttivo; Autore della settimana scelto dal sistema in base a segnalazioni degli autori del sito, ed a proposito di questo volevo farvi presente che nei vostri commenti è perfettamente inutile che mettiate segnalo e fiocco perchè quelle segnalazioni fatte da quell'autore saranno annullate in quanto utilizzate come merce di scambio e ciò è semplicemente puerile; Autore del giorno scelto dal sistema in maniera del tutto casuale; Rime scelte vengono date dal direttivo;
Nell'azione di convalida dei testi proposti per la pubblicazione occorrono almeno tre pareri concordi dei redattori e comunque sempre sotto la supervisione e con l'assenso del direttivo.

Sperando di essere stata esauriente rispetto alle vostre richieste.

Un cordiale saluto,
Elisabetta Randazzo



Riprendo il post iniziale, che mi sono ritrovato a leggere stasera, e mi chiedevo se c'è qualcuno della Redazione in particolare che si occupa del forum e di rispondere ad eventuali email.
Quindi, approfitto di questo messaggio per chiedere se devo rivolgermi a qualcuno in particolare per avere chiarimenti su una mia richiesta.
Grazie.
La Legge è uguale per tutti, ma non tutti sono uguali per la Legge e non cercate la Legge Umana. Essa è statica ed imperfetta, cercate ciò che evolve e mai è uguale a sè stesso e ribolle del Bene e del Male