Autore Topic: Tre spunti di-versi - 140a Edizione  (Letto 3101 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Rita Stanzione

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 291
  • Sesso: Femmina
  • Niente hai se di quel niente la bellezza ti sfugge
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #15 il: Martedì 17 Ottobre 2017, 23:43:09 »
Come si sta

Come si sta a fare i piccoli acrobati
della costanza, gli smarriti nel binario
del certo e più meriti da eresie
di zigomi tondi -l’opera assurta,
le repliche al teatro dei tarli che
insabbiano le stelle. Slanci -come
si sta a dirli al pulviscolo che
non lascia spiegare i rumori
delle belle giornate, della lava
venuta su da ossa di conchiglie.     


« Ultima modifica: Mercoledì 18 Ottobre 2017, 19:30:24 da poeta per te zaza »
Rita Stanzione

Offline adriana sini

  • Autore
  • *
  • Post: 413
  • Sesso: Femmina
  • Le passioni forti e ardite fanno sogni senza senso
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #16 il: Mercoledì 18 Ottobre 2017, 00:22:24 »
Mentore

Perseguendo con costanza
tutti i suoi suggerimenti,
io rinchiusi in altra stanza
dubbi e ancor ripensamenti

Modellando con passione
la mia opera più bella,
diedi vita a un’ossessione
che divenne la mia cella

Pochi meriti in quei versi,
solo sogni in cui mi persi

Offline Saverio Chiti

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 860
  • Sesso: Maschio
  • " C’è un vuoto nel mio giardino..."
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #17 il: Mercoledì 18 Ottobre 2017, 14:56:31 »
Come un Musical

Servirà più costanza
non ti applichi abbastanza
né nel canto né nella danza
e certo, non avrai il posto che meriti
nella cosiddetta prima fila...
Questo è un musical, non un'opera
tutto è finzione, anche la vita
or sfuggevole fra le dita.
Se ti turbi degli altrui commenti
in poco riuscirai, non v'è altrimenti.

Ch.S

« Ultima modifica: Mercoledì 18 Ottobre 2017, 17:28:30 da poeta per te zaza »
...lì dove ti avevo lasciato
neanche il sole fa più capolino...

Offline Tonia La Gatta

Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #18 il: Mercoledì 18 Ottobre 2017, 16:40:50 »
Fine

Un’opera così non l’ho mai vista
né mai sentita sopra quella pista
coi meriti legati al tuo apparato
che la costanza in blocco ha edificato
nella coscienza piena di moine
con sotto le parole “lieto fine”.


Offline Tonia La Gatta

Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #19 il: Mercoledì 18 Ottobre 2017, 16:41:55 »
Meriti e demeriti

Meriti o meno il mio deprezzamento
deciso a dedicarti un monumento
sopra quest’arte opera indiscussa
con la costanza vergine che bussa
alla tua porta nera del destino
e giace addormentata a te vicino.


Offline Wilobi

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 103
  • Sesso: Maschio
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #20 il: Mercoledì 18 Ottobre 2017, 17:28:48 »

LA PERMALOSA


Non ho meriti per questa opera
belle e chiare  le istruzioni erano,
tanto care che strada da sola
parea quasi  volesse fare,
 
con fede inseguite ed eseguite
solo di necessaria costanza.

Ravveduta in seguito ha capito
che solo m'avrebbe lasciato

e sebbene con uno strano fare
s'è lasciata almeno accompagnare.

Offline Giuliano Esse

Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #21 il: Mercoledì 18 Ottobre 2017, 21:10:12 »
Tre spunti

Tre spunti e l’opera non sa che osare
Rullando per i meriti da dare
Ed usa la costanza per ronzare.

Spogliamo noi quest’opera divina
Purificando l’anima assassina
Un po’ per i suoi meriti e i suoi mali
Nel lampo che minaccia i temporali.
Tutto si muove e tutto si tramuta
In seno alla costanza mai abbattuta.


Offline Giuliano Esse

Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #22 il: Mercoledì 18 Ottobre 2017, 21:10:54 »
Scrivere

Scrivere con costanza ogni giorno
Col sole che risplende al tuo ritorno
Rischiando di confondersi col bruco
In questo breve volo senza fuco.
Vedi che l’opera ha cambiato aspetto
E giace a piedi nudi sopra il letto
Ragione con i meriti e un elogio
Estremo tic tac senza orologio.

Offline Azar Rudif

  • Autore
  • *
  • Post: 283
  • Sesso: Maschio
  • Non esiste mondo sotto le mie ali, ma sopra sì
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #23 il: Mercoledì 18 Ottobre 2017, 22:35:30 »
Primato della coscienza
 
Son, talvolta, incerta opera
a ricercare meriti incompresi
che sol costanza insegue
e nascondo se oscura è l’opera.
 
Ma vivo fin che morte sia
per opera certa e viva
che coscienza sceglie
e di meriti non abbisogna.
 
E l’umana genia per meriti opera
e sine costanza si muore.
 
« Ultima modifica: Mercoledì 18 Ottobre 2017, 22:38:22 da Azar Rudif »
La Legge è uguale per tutti, ma non tutti sono uguali per la Legge e non cercate la Legge Umana. Essa è statica ed imperfetta, cercate ciò che evolve e mai è uguale a sè stesso e ribolle del Bene e del Male

Offline Azar Rudif

  • Autore
  • *
  • Post: 283
  • Sesso: Maschio
  • Non esiste mondo sotto le mie ali, ma sopra sì
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #24 il: Mercoledì 18 Ottobre 2017, 22:54:43 »
A chi d’opera vive
 
Lezione di costanza e di maniera
meriti da gran maestro d’opera.
Non sei Rigoletto
né barbiere ricercato.
Forse andrai donna in Algeri
o scoccherai frecce contro mele.
Sempre la musica ondeggerà coscienza
e coscienza dubiterà come Amleto.
La Legge è uguale per tutti, ma non tutti sono uguali per la Legge e non cercate la Legge Umana. Essa è statica ed imperfetta, cercate ciò che evolve e mai è uguale a sè stesso e ribolle del Bene e del Male

Offline Saverio Chiti

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 860
  • Sesso: Maschio
  • " C’è un vuoto nel mio giardino..."
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #25 il: Mercoledì 18 Ottobre 2017, 23:57:13 »
Dissonante costanza

Non vedendo alternativa
la mente testé ho messo all'opera,
certamente riuscirò nella disfida
e vincerò con la mia costanza,
la vita è debole in tutti i campi
non ha nulla che meriti la mia attrattiva,
a tutti gli effetti, mal s'adopera
a strisciar come vipera, ma ancor confida,
cercando di nascondere, nella sua baldanza,
i suoi difetti e sofferti inciampi.

Ch.S





« Ultima modifica: Giovedì 19 Ottobre 2017, 15:10:30 da poeta per te zaza »
...lì dove ti avevo lasciato
neanche il sole fa più capolino...

Offline adriana sini

  • Autore
  • *
  • Post: 413
  • Sesso: Femmina
  • Le passioni forti e ardite fanno sogni senza senso
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #26 il: Giovedì 19 Ottobre 2017, 00:22:28 »
Mettimi alla prova!

Se l’astio è pertinace
il cuore non ha pace:

presumi ch’io meriti
l’acredine e il rancore
che tu mi mostri in opera
con bieco e ostil livore.

Rinnovo con costanza
pertanto mia richiesta:
concedimi libertà
per dimostrarmi onesta



Offline Antonio D’Auria

Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #27 il: Giovedì 19 Ottobre 2017, 01:23:26 »
Iperspazio

Opera in melanconia, nel volgere a sera,
il lavorio delle mancanze,
dell'imprimere di se ogni tramonto.

E' costanza cadenzata del respiro
ampio di ogni firmamento
e degli occhi che l'esplorano
oppure di tracce ed intrecci
disegnati nel palmo di una mano.

Meriti di ricordare tutti gli alfabeti
che i secoli hanno cullato.

Offline Giovanni Monopoli

Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #28 il: Giovedì 19 Ottobre 2017, 09:01:10 »
Onori e meriti

Dipinge il destino la sua tela
la colora con certosina costanza
imprime le tinte con acuzie
in un’opera senza sbavature
del compimento ne è felice
e con onori e meriti si cinge
dimenticando a volte le brutture
ma che di quella vita fan tesoro
per evitare altre disavventure

Offline Giovanni Monopoli

Re:Tre spunti di versi - 140a Edizione
« Risposta #29 il: Giovedì 19 Ottobre 2017, 09:02:23 »
Leggera mano

Una leggera mano, l’accarezzo
premiata l’insistenza, costanza
la ragione viaggia spedita
aleggia sulla gratificata opera
e oltrepassa i limiti della grazia
nei meriti espressi con delizia
passeggiando con delicata veste
al giacer d’emozione goduta
a vegliar su d’un sogno posseduto