5040 visitatori in 24 ore
 252 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 5040

252 persone sono online
Autori online: 18
Lettori online: 234
Poesie pubblicate: 322’520
Autori attivi: 7’357

Gli ultimi 5 iscritti: Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini - Marco Miserini
Chi c'è nel sito:
♦ Demetrio Amaddeo Messaggio privatoClub ScrivereGiulia Gabbia Messaggio privatoClub ScrivereWilobi Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privatoClub ScrivereLuciano Capaldo Messaggio privatoClub ScrivereMirella Santoniccolo Mairim14 Messaggio privato ♦ Alma Gjini Messaggio privato ♦ Rossi Alessio Messaggio privato ♦ Mimmo Mariano Messaggio privato ♦ pueraeternus Messaggio privato ♦ pompeo conte Messaggio privato ♦ Hariseldom Messaggio privatoClub ScrivereJulie Messaggio privato ♦ Tristano Messaggio privatoClub ScrivereDonato Leo Messaggio privatoClub ScrivereMidesa Messaggio privatoClub Scriverecarla composto Messaggio privato ♦ rosanna gazzaniga Messaggio privato
Vi sono online 8 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Il cacciatore di mosche

Azione e Guerra

Michele il flammiere era un simpatico vecchietto di circa novant’ anni, spigliato e loquace quando parlava della Prima Guerra Mondiale e silenzioso come un indiano, quando gli argomenti affrontati non lo coinvolgevano direttamente.


Si sedeva sempre su una piccola sedia di paglia davanti al fienile della masseria, dove viveva con la famiglia di suo figlio, e cacciava senza pietà le mosche con “ la paletta per le mosche”.


Dopo aver individuato una mosca, prendeva con cura la mira e la uccideva al primo colpo, con uno scatto fulmineo e sorprendente per la sua veneranda età, poi l’ afferrava con una pinzetta per le sopracciglia, la riponeva delicatamente in una scatola di zolfanelli, che richiudeva ermeticamente e, quando calava la sera, contava le mosche che aveva ucciso.


Oggi, ne ho uccise cento ventitré!”, mi disse la prima volta che lo incontrai nel 1977.


Lo guardai sbigottito perché non capii subito di cosa stesse parlando.

Prese la scatola di zolfanelli, l’ aprì e me la fece vedere: era ricolma di mosche variopinte di varie dimensioni, prese un accendino arrugginito dalla tasca laterale del suo giubbino militare e le bruciò. Le mosche bruciate emanarono nell’ aria circostante un puzzo insopportabile di carne bruciata che mi fece letteralmente rivoltare lo stomaco.


Tu pensi che io sia pazzo?”, aggiunse Michele che notò il mio turbamento.


Mi limitai a sorridere e a scuotere leggermente la testa in segno di diniego.


Si guardò attorno con circospezione, come se volesse assicurarsi che nessuno ascoltasse le sue parole, prima di confidarsi con me, liberandosi dai ricordi di fatti sconvolgenti di cui sentiva il bisogno inconscio di raccontare.


Partimmo baldanzosi per combattere una guerra che non ci apparteneva ma che era vista dalla maggior parte degli italiani come un conflitto necessario per riscattare chissà quale controversia bellica internazionale. Arrivammo al fronte che non conoscevamo neanche i motivi che avevano spinto l’ Italia a entrare in guerra. A malapena, riuscivamo a comunicare tra di noi, perché molti militari non conoscevano neanche l’ italiano. Avevo vent’ anni e vedevo la vita con gli occhi di un ventenne. Appena arrivato in prima linea, mi assegnarono d’ ufficio a una compagnia, dove svolgevo prima le mansioni di furiere poi, chissà per quale motivo, decisero che sarei diventato un fante in grado di maneggiare un lanciafiamme. Mi fecero seguire un corso accelerato per insegnarmi a usare quello strumento maledetto che aveva la capacità di ridurre a un ammasso di carboni ardenti il corpo di un giovane soldato tedesco in una frazione di secondo. Cercai di spiegare loro inutilmente che io fossi uno studente universitario con velleità artistiche.”


Rimasi sorpreso dal suo linguaggio forbito e nel contempo inusuale per un uomo della sua età. Parlava della sua esperienza bellica con dovizie di particolari e consapevolezza che avrebbe fatto drizzare i capelli anche a un pacifista.


Il lanciafiamme era molto utile nella guerra di trincea, ma il flammiere era molto vulnerabile ed era sempre in pericolo di vita perché diventava facile bersaglio del fuoco nemico, e spesso era il primo a morire in battaglia.


Mi ricordo che un ex garibaldino ci sbraitava nelle orecchie per incitarci: fate finta d’ aver delle mosche davanti a voi e non dei soldati!”


Guardai con attenzione gli occhi dell’ uomo che narrava le sue vicissitudini e notai che brillavano di una luminosità pazzoide soprattutto quando parlava del lanciafiamme.


Mi alzai lentamente e cercai d’ allontanarmi dall’ uomo che continuava a borbottare frasi senza senso, e improvvisamente mi afferrò il polso con veemenza e mi chiese a bruciapelo:


Perché mi hanno conferito una medaglia d’ oro al valore militare e nominato persino Cavaliere di Vittorio Veneto quando ammazzavo centinaia di persone con il mio lanciafiamme e adesso che ammazzo le mosche mi vogliono rinchiudere in un manicomio?”


Lo guardai dritto negli occhi, gli afferrai con delicatezza la mano che mi stringeva il polso e gliela accarezzai senza rispondere alla sua domanda.


Qualche anno più tardi, seppi casualmente che “ Michele il flammiere” si era suicidato dandosi fuoco dopo aver pregato a lungo, in ginocchio, davanti ad un cartello sul quale aveva scritto a matita:


Chiedo perdono a tutti i soldati e a tutte le mosche che ho ucciso con il mio lanciafiamme!”



Sergio Melchiorre 21/08/2012 11:42 1176

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Sergio MelchiorrePrecedente di Sergio Melchiorre

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

bella storia colma di triste tenerezza. Bravo. (Grazia La Gatta)



Sergio Melchiorre ha pubblicato in:

Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieFesta delle Donne 2010
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 107 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Sergio Melchiorre:
Sergio Melchiorre
 I suoi 88 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Gina non ha più lacrime per piangere (07/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La moglie del sindaco (23/08/2017)

Una proposta:
 
La verità nascosta (07/07/2017)

Il racconto più letto:
 
La stanza del peccato (03/08/2013, 43762 letture)


 Le poesie di Sergio Melchiorre

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it