4674 visitatori in 24 ore
 237 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4674

237 persone sono online
Autori online: 14
Lettori online: 223
Poesie pubblicate: 322’722
Autori attivi: 7’360

Gli ultimi 5 iscritti: Giovanna Pivotti - acquaflora - sabrina russo - Iacopone - SabrinaPfeil
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereMaria Luisa Bandiera Messaggio privato ♦ Gabriella Cantoni Messaggio privatoClub ScrivereNunzio Buono Messaggio privato ♦ Elena Artaserse Messaggio privatoClub ScrivereStefania Siani Messaggio privatoClub ScriverePaola Riccio Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Licata Messaggio privatoClub Scriveremaurizio nerozzi Messaggio privato ♦ RossellaP Messaggio privato ♦ ex Lorenzo Crocetti Messaggio privato ♦ lunadeva Messaggio privato ♦ Bruno Leopardi Messaggio privato ♦ Eolo Messaggio privatoClub ScrivereRita Stanzione Messaggio privato
Vi sono online 5 membri del Comitato di lettura







Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info
Questa è un racconto erotico: se può turbare la tua sensibilita o se non hai più di 18 anni dovresti evitare di leggerlo.

Lo stupro di gruppo

Erotismo e per adulti

Negli anni settanta, non c’ erano cellulari, computer, internet, social network, face book, linkelin, Netlog, Badoo, Sky: esistevano soltanto sguardi furtivi, parole non dette, baci rubati, sogni infranti, illusioni perdute…


Era l’ epoca in cui la parola d’ onore data a una persona valeva più di una firma su una cambiale in bianco.


I maschietti di Amardolce si concentravano nella lettura di Tex Willer, Topolino, L’ Uomo Ragno, Batman, Il Monello,L’ Intrepido, mentre le femminucce leggevano i famigerati fotoromanzi d’ amore.


Amelia e Rocco abitavano nello stesso paesello, frequentavano la stessa scuola, respiravano la stessa aria frizzante di montagna, accarezzavano gli stessi sogni, ed erano segretamente innamorati.


Nessuno sospettava del loro intrigo amoroso perché in realtà era soltanto platonico. Soltanto una volta, Rocco riuscì ad accarezzarle la mano, durante una processione, e Amelia arrossì come un peperoncino per la vergogna.


All’ uscita nelle sale cinematografiche del film Malizia di Salvatore Samperi, gli spettatori del paese si resero conto della straordinaria somiglianza tra Laura Antonelli e Amelia.


La cosa, all’ inizio, fece piacere alla ragazza, data la conclamata avvenenza dell’ attrice, ma, con il passar del tempo, tale somiglianza cominciò a darle enormemente fastidio, perché era diventata improvvisamente l’ icona erotica di una moltitudine di giovanotti che scalpitavano davanti a lei come puledri impazziti.


Durante le onoranze funebri di un lontano parente, deceduto alla veneranda età di cento anni, sentì addirittura la mano morta di un arzillo vecchietto sul sedere.


I due giovani innamorati si scrivevano lettere d’ amore infuocate che venivano lette furtivamente e poi immediatamente distrutte perché gli amori giovanili di quegli anni erano legati a una cultura adolescenziale diversa.


Quando qualche studente dell’ istituto si avvicinava ad Amelia, Rocco faceva finta di niente, ma era pazzo di gelosia, pur sapendo che la sua ragazza gli era fedele.


A scuola, addirittura, non osava neanche guardarla per pudore e, soprattutto, per non svelare pubblicamente i suoi sentimenti.


Poi, appena Amelia compì diciotto anni, si fidanzarono ufficialmente.

Era usanza aspettare la maggior età per ufficializzare apertamente il fidanzamento, discutere della dote da dare alla futura sposa e, soprattutto, scambiarsi gli anelli di fidanzamento.


A dire il vero, cambiò poco nella vita di Amelia perché, essendo donna, doveva sottostare a delle rigide regole familiari che le precludevano qualsiasi contatto amoroso con il ragazzo di cui era molto innamorata.


Tuttavia, avendo superato entrambi l’ esame di maturità con voti eccellenti, e nell’ attesa del giorno del matrimonio, la cui data era stata fissata precedentemente, i genitori di Amelia allentarono le redini e, a volte, chiudevano un occhio quando i due fidanzatini s’ incontravano di nascosto alla Pineta, per scambiarsi qualche bacio.


Intere generazioni di giovani coppie amardolcesi avevano pomiciato e si erano scambiati il primo bacio giurandosi eterno amore nella Pineta che si trovava proprio alla fine de “ la strada degli innamorati”.


La Pineta, dove Amelia e Rocco sognavano segretamente di consumare il proprio amore in anticipo, era situata in un posto, così ben mimetizzato tra il fogliame degli alberi, che per uscire con la macchina si doveva ingranare la retromarcia e fare molta attenzione perché, di solito, si spegnevano i fari per non dare nell’ occhio.


Mancava un mese alla data del matrimonio, quando i futuri sposi colsero al volo un’ occasione irripetibile: i genitori di entrambi erano andati a mangiare una pizza insieme, per discutere gli ultimi dettagli della cerimonia nuziale, e sarebbero tornati tardi, per cui avevano almeno due ore per stare un po’ insieme.


Rocco era così emozionato di poter abbracciare Amelia, senza sentirsi osservato dall’ occhio vigile e impietoso della futura suocera, che non riusciva neanche a innestare la prima marcia.


Amelia aveva indossato il suo vestito più bello perché avevano deciso insieme, dopo qualche incertezza soprattutto da parte della ragazza, che quella sera avrebbero finalmente fatto l’ amore.


In prossimità dell’ agognato nido d’ amore, Rocco spense i fari della macchina e si addentrò lentamente nella Pineta, facendo molta attenzione a non graffiare la macchina del padre.


Dopo aver spento il motore, Rocco cominciò ad accarezzare i capelli di Amelia, la baciò appassionatamente, poi le toccò i seni e le gambe tornite con una dolcezza che la fece rabbrividire.


La ragazza si stava togliendo la maglietta, quando improvvisamente i fari abbaglianti di una macchina di grossa cilindrata li accecarono.


Tutto si svolse in pochi minuti: tre uomini, che indossavano una calza di nylon sul viso, scesero precipitosamente dall’ auto e bloccarono quella in cui si trovavano Amelia e Rocco.


Il primo uomo prese per il bavero Rocco e lo trascinò con forza fuori dalla macchina, gli sferrò un pugno sul muso, poi gli legò le mani dietro la schiena e gli tappò la bocca con del nastro adesivo.


Amelia rimase paralizzata dalla sorpresa, poi resasi conto di ciò che stava succedendo, cercò disperatamente di fuggire, ma appena aprì lo sportello si trovò di fronte al secondo uomo, di corporatura robusta, che la immobilizzò, la prese per i capelli, la trascinò fuori, le sferrò un montante che la fece svenire, e la buttò per terra, in mezzo ad un tappeto di foglie morte, proprio davanti al fidanzato che cercava inutilmente di liberarsi.


Il terzo uomo, che sembrava essere il capo banda, assistette impassibile alla scena fino al momento in cui la ragazza non perse i sensi, poi si avvicinò a lei, le sollevò la maglietta, le strappò il reggipetto, le sollevò la gonna, le strappò le mutandine, si abbassò i pantaloni e, con una violenza inaudita, la possedette sotto lo sguardo ebete degli altri due uomini mascherati.


Rocco chiuse gli occhi per non assistere alla brutale aggressione.


Appena l’ uomo ebbe finito di stuprare la ragazza, fece un cenno ai suoi loschi compari che, a turno, violentarono la ragazza.


L’ ultimo che abusò di lei, aspettò con perfidia che la ragazza riprendesse conoscenza, prima di sodomizzarla selvaggiamente sul tappeto di foglie insanguinate.


Qualche giorno dopo l’ aggressione, i tre uomini, appartenenti a famiglie bene, furono arrestati in un bar di un paese limitrofo, dove si vantavano di aver violentato Laura Antonelli.


Furono processati per direttissima, incarcerati ma rimessi in libertà un anno dopo per buona condotta.


Rocco e Amelia si sposarono, contro il parere ottuso dei genitori di Rocco, ebbero quattro figli e vissero insieme per tutta la vita, anche se quella violenza di gruppo aveva fatto traballare il loro forte legame d'amore.



Sergio Melchiorre 07/09/2013 19:43 3 41341

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Sergio MelchiorrePrecedente di Sergio Melchiorre

Nota dell'autore:
«Due cose mi hanno sempre sorpreso: l'intelligenza degli animali e la bestialità degli uomini.
(Tristan Bernard)
»

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Un racconto coinvolgente, fedele immagine degli anni 70 nei quali purtroppo già esisteva -e forse è sempre esistito- quell'avidità erotica incontrollabile tipica delle persone senza freni inibitori, che oggi forse per la comunicazione, sembrano diventate numerose... Donne che comunque riescono a risorgere con l'aiuto del vero amore, mentre le meno sfortunate soccombono ai loro ricordi devastanti. Complimenti, molto bello!»
rosanna gazzaniga

«Purtroppo questi malvagi sorprusi si ripetono in continuazione e la donna continua ad assere la vittima prediletta di questi volgari esseri, che non voglio chiamare "umani" ma che non so come definire... ma che hanno tutto il mio disprezzo.
Il racconto è ben elaborato e risulta chiaro e veritiero.»
Antonella Modaffari Bartoli

«Mi fa venire in mente il mostro di Firenze e i suoi degni compari, anni '80, che spiavano le coppiette appartate in solitarie stradine per stuprare e uccidere.
questo finale è decisamente migliore ma credo che quell'esperienza dolorosa non si sia mai cancellata dal cuore di Amelia»
francesca maria soriani

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

bella lettura , complimenti e saluti (francesca maria soriani)

ricorda vari esempi di dura cronaca... (Antonella Modaffari Bartoli)



Sergio Melchiorre ha pubblicato in:

Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieFesta delle Donne 2010
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 107 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Sergio Melchiorre:
Sergio Melchiorre
 I suoi 88 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Gina non ha più lacrime per piangere (07/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La moglie del sindaco (23/08/2017)

Una proposta:
 
La verità nascosta (07/07/2017)

Il racconto più letto:
 
La stanza del peccato (03/08/2013, 43775 letture)


 Le poesie di Sergio Melchiorre

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it