3942 visitatori in 24 ore
 214 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3942

214 persone sono online
Autori online: 4
Lettori online: 210
Poesie pubblicate: 343’356
Autori attivi: 7’515

Gli ultimi 5 iscritti: Maurizio vassalli - Terryna86 - Marta ceresoli - Elettral - Filippo Asero
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereMariasilvia Messaggio privatoClub ScrivereDonato Leo Messaggio privatoClub ScrivereSalvatore Pintus Messaggio privatoClub ScrivereMaurizio vassalli Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Vergogna!

Sociale e Cronaca

VERGOGNA!

Parole forti, quelle di Papa Francesco, che incidono la pelle.

Chi deve vergognarsi?

Io credo che dovrebbero farlo per primi coloro che sfruttano da sempre questo fenomeno, a partire dagli scafisti per arrivare ancora e sempre alla politica che continua a credere che tutti i cittadini siano stupidi.

La TV ci ha proposto Immagini sconvolgenti, decine di corpi avvolti, fattezze misteriose e anonime, e il pianto disperato e visibile di una soccorritrice che io vedo come il simbolo di questa impotenza al rimedio mancato di questa continuativa tragedia che incide ribellione in ogni persona responsabile e viva dentro.

Sono sconvolta anche io. Ma il rimedio non è limitato solo all’ accoglienza; occorre fare in modo – ci sono istituzioni mondiali per questo- che nei paesi di origine di questi disperati, le dittature scompaiano.

L'occidente ha una grande responsabilità perché sfrutta le loro guerre intestine per vendere armi e tecnologie che saranno usate per uccidere e fare fuggire chi non è d'accordo.

Ecco da dove arrivano i viaggi che spesso finiscono con la morte di creature piccole e grandi: dalla indifferenza e cupidigia di politiche internazionali senza scrupoli.

Si tollera ormai da tempo il grande business dell’ accoglienza, centri costruiti per risollevare sorti di immigrati e forse anche di chi accoglie, contributi a non finire e mai, dico mai, si levi una voce a spiegare questo fenomeno in termini che siano meno di parte.

Perché scappa una gran parte di queste persone, di queste famiglie che come noi hanno sentimenti di radici, anche se la terra che calpestano è ingrata?

Scappano da una società che ancora più della nostra ha esaltato il dio denaro che ha le sembianze delle dittature, dei loro fratelli che si arricchiscono, dittatori che li tengono ignoranti e impauriti.

Perché l’ ONU non interviene? Perché l’ Europa tace sull’ Italia che si sta lacerando sulle posizioni assurde della politica: accogliere o limitare?

Forse perché contro ogni logica si auspica che questa povera umanità arrivi da noi.

Per avere l’ alibi di risorse finanziarie da distribuire con il solito metodo mafioso. E ciò è evidente a chi riesce ad usare solo un poco di raziocinio.

Forse perché questo occidente ipocrita vende armi e tecnologie permettendo genocidi e guerre civili, costringendo migrazioni, Il cui costo di vite, salute e miseria ricadrà su chi paga da sempre tasse esose.

Per favore, diciamolo fuori dai denti una volta per tutte: per fare uno sporco business.

Se davvero in ogni uomo ci fosse solidarietà per il proprio fratello, si proporrebbe qualcosa di più della solita compassione limitata a un telegiornale.

Si proporrebbero in continuazione relazioni e rapporti diplomatici più intensi, e soprattutto si insisterebbe nel fare leva sulla bontà residua di ogni essere umano.

Infatti, prima di condividere disgrazie, si dovrebbero condividere azioni, diplomazia mirata a eliminare ignoranze e avidità presente in uomini senza scrupoli. Le donne dovrebbero fare di più per questo povero mondo...



rosanna gazzaniga 04/10/2013 12:46 2 617

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di rosanna gazzanigaPrecedente di rosanna gazzaniga

Nota dell'autore:
«Un mio punto di vista sull'ennesima crudele tragedia del mare...»

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«le considerazioni sono innumerevoli, dal sogno di molti che pagano per il miraggio di una vita migliore (come i nostri migranti) a chi di questo sogno ne fa un business, agli stati, ricordo ancora il ricatto di Gheddafi sul controllo delle partenze... quello che resta sono quei bambini, quegli uomini e quelle donne lasciati morire nell'indifferenza di stati e governi, mentre il cuore dei più piange per l'ennesima e non ultima, purtroppo, tragedia»
Annamaria Barone

«La scrittrice traccia in modo mirabile
una linea di demarcazione invalicabile
tra la stupidità umana e la sofferenza
dei più deboli della terra.
Complimenti!!!!!!!»
Sergio Melchiorre

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Interessante analisi e chiare e forti proposte. (Antonio Terracciano)



Ritratto di rosanna gazzaniga:
rosanna gazzaniga
 I suoi 17 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Polvere d'amore - 3 settembre 2011 (06/11/2011)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
World Wide Income e Clandestinità (30/08/2019)

Una proposta:
 
World Wide Income e Clandestinità (30/08/2019)

Il racconto più letto:
 
Chi la fa (19/03/2012, 1724 letture)


 Le poesie di rosanna gazzaniga

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it