4642 visitatori in 24 ore
 258 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4642

258 persone sono online
Autori online: 12
Lettori online: 246
Poesie pubblicate: 325’142
Autori attivi: 7’375

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
♦ Umberto De Vita Messaggio privato ♦ Anna Eustacchi Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privato ♦ massimo turbi Messaggio privato ♦ Gentiana Marika Messaggio privato ♦ Michele Serri Messaggio privato ♦ pompeo conte Messaggio privatoClub ScrivereWilobi Messaggio privato ♦ adrianab Messaggio privatoClub ScrivereSara Acireale Messaggio privato ♦ Carmine Ianniello 1 Messaggio privatoClub ScrivereRasimaco Messaggio privato
Vi sono online 5 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Uso del Cialis
Acquistare Cialis: Acquistare Cialis generico
Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Un caffč con la morte

Dramma

Ancora due ore alla fine del turno. E' stata una lunga notte, purtroppo non molto tranquilla. Ho solo dieci minuti di pausa e mi serve un caffè.

Sono stanco, ho la testa pesante e i pensieri di piombo. Troppo sangue, troppi incidenti, troppa disperazione. Sono quindici anni che lavoro qui dentro e ancora non mi sono abituato a tutto questo.

Mi hanno sempre detto di non preoccuparmi, di staccare il cuore dalla mente, di essere freddo e distante, ma quando vedo quegli sguardi sofferenti, quando sento la voce del dolore e la disperazione nel pianto, come posso non pensare che sto duellando con la morte? Allora devo cercare di fare tutto il possibile con rapidità e precisione, ma chi può rassicurarmi di avere eseguito l'umanamente possibile?

Mi piacerebbe essere in contatto con Dio e, come un alunno, chiedergli se avessi potuto fare di più per evitare la sconfitta. Ma è un sogno chiuso nel mio desiderio.

E poi esisterà un Dio?

Da quando la mia unica compagnia è la morte, ho iniziato a credere che l'uomo sia solo una macchina destinata a spegnersi per poi essere gettata in loculi che dovrebbero sopravvivere al tempo. La memoria è labile e quando morirà, non avrà uno spazio dove essere sepolta e ricordata. Anche le infermiere, vedendomi in questo stato, sono preoccupate per me. Mi considerano il dottore più bravo e gentile, ma a volte la stanchezza spegne qualsiasi desiderio di essere migliore.

Allora mi rimprovero e mi infliggo delle punizioni, tipo fare cose che non mi piacciono, e le scrivo per essere sicuro di non dimenticare gli errori.

Ci sono giorni che ritorno a casa così stanco da non avere nemmeno la forza di respirare e ci sono altre volte che la mia stanchezza è mentale. Quest'ultima è pericolosa, perché non passa con una bella dormita. In quei momenti leggo le lettere dei pazienti che ho curato e immediatamente mi sento nascere dentro una forza nuova, uguale a quella passione che avevo da studente, quando leggere un libro e superare un esame di medicina mi sembravano le cose più belle del mondo.

Ricordo ancora che da ragazzino curai il ginocchio scorticato di una bambina caduta dalla bicicletta. Rivedo quello sguardo di gratitudine e quel bacio che mi lasciò sulla guancia dopo la medicazione. Allora mi resi conto che qualsiasi tesoro non sarebbe stato più prezioso di quel gesto e che avrei voluto rivivere quel momento in tutti i secondi della mia vita.

Odio la morte, la odio così tanto da non riuscire a liberarmene.

Dicono che nella vita bisogna avere un nemico e io ho lei. Una volta, senza rendermene conto, durante una pausa le feci un caffè tanto la consideravo viva e presente, vicina a me. Anche oggi le farò un caffè, se lo merita poiché ha perso un'altra partita.

Proprio così, oggi ho visto gli occhi di un ragazzino riaprirsi meravigliosamente e sorridere alla vita. Poi il paziente mi ha guardato, ha preso la mia mano destra e mi ha detto il grazie più bello di tutta la mia esistenza.

Sì, cara nemica, un caffè consolatorio te lo meriti proprio.


Paolo Gugnoni 06/01/2014 22:11 1 493

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Paolo GugnoniPrecedente di Paolo Gugnoni

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Racconto originale, una consolatoria battaglia vinta contro la morte, il caffč č la bilancia che fino all'atto dell'essere consumato fa pendere il tempo dalla parte dell'umana caducitą.»
Rosafio Giancarlo

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

L'ego di ogni autore limita fortemente il senso (Rosafio Giancarlo)

critico in questa sezione dei racconti. (Rosafio Giancarlo)

Che Dio mi scampi sempre da questo inganno (Rosafio Giancarlo)

Grazie per il tuo commento (Rosafio Giancarlo)

raccontino breve e sentito piaciuto ! (emiliapoesie39)



Ritratto di Paolo Gugnoni:
Paolo Gugnoni
 I suoi 35 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Come una foglia al vento (Lettera a Babbo Natale) (28/12/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Vi auguro una lunga vita (29/03/2015)

Una proposta:
 
La prima domenica del mese (11/01/2015)

Il racconto più letto:
 
Claire, Adam e... io (23/01/2014, 5757 letture)


 Le poesie di Paolo Gugnoni

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it