1354 visitatori in 24 ore
 265 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 1354

265 persone sono online
Autori online: 14
Lettori online: 251
Poesie pubblicate: 321’181
Autori attivi: 7’368

Gli ultimi 5 iscritti: maria grazia savonelli - Laide vanesia - Elena Arlotta - Laura Cl - Meggy
Chi c'è nel sito:
♦ Annalisa Amadei Messaggio privatoClub ScrivereRasimaco Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privatoClub ScrivereAnna Rossi Messaggio privatoClub ScrivereJosiane Addis Messaggio privatoClub ScrivereVivģ Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privatoClub ScrivereWilobi Messaggio privato ♦ Jo Kondelli Ghezzi Messaggio privato ♦ Luca Falangone Messaggio privato ♦ RossellaP Messaggio privato ♦ Maddalena Gatto Messaggio privato ♦ romeo cantoni Messaggio privatoClub ScrivereEmilia Otello Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura









Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Chiddru ca facemu avemu fattu

Dialettali

Ricurdava Pippineddra a so mammuzza ca ogni matina si susiva lesta lesta.

Era na fimmina di punzu, affamigliata e travagliata, cu tanti picciliddri ancora nichi.

A so jurnata accuminciava quannu u gaddru cantava, quannu u suli timidu e lentu accuminciava a tuppiari ni persiani. Ancora i carusi eranu tutti sutta i cuperti e iddra, adasciu adasciu senza pipitari s’ accuminciava a priparari a jurnata.

Nisciva, dopu un pocu, tutta cummigliata, un nc’ era mancu un’ arma ni ddra strata, allungava u passu e cuntava i vaneddri e lu cori c’ iacchianava fin’ a mmucca, quannu vidiva di luntanu qualchi canazzu.

Avia prescia e un vidiva l’ ura d’ arrivari ni so matri e so patri.

Unn’ eranu ranni, ma nun stavano tantu boni, eranu tutti dù sempri malati e u primu so pinzeri eranu iddri.

Apriva ca so chiavi, trasiva e si l’ accarizzava comu picciliddri na naca. So matri la taliava tutta priata, a so patri si ci apriva u cori e cu vuci ancora lenta e nzunnacchiata, ci diciva sempri ogni matina “ ma chi vinisti a fari figlia mia, cu tanti picciliddri intra di sfamicari? ”

Arrispunniva iddra “ è u cori ca mi porta ni vossia, un pezzu da me vita è ndra sti mura, nun penzu a li fatichi, nun minteressa, nun pozzu fari nenti si nun mi cuietu a testa pi li me vecchi di prima matina .

Ci lassava ncapu u tavulu na bella mbroglia di pani frisca e riturnava suddisfatta a so casuzza .

Addrivigliava a tutti e s’ allistiva a priparalli pi a scola.

Pippineddra taliava a so mà tutta cuntenti ma po’ vidennula di prima matina troppu stanca, s’ affungiava e ci diciva “ Picchi tu sula fa sti matinati, picchi cu tanti soru e frati? E iddra surridenti e senza pila ni la lingnua, c’ iarrispunniva cu ddra vuciddra fina e senza cirimonii “ Chiddru ca facemu, ricordalu sempri, un gnornu l’ avemu fattu, beddra mia. Ora nun po’ capiri si ancora nica, ma quannu l’ anni diventanu un pisu, scrivitillu nfrunti e un ti scurdari nenti, puru a ttia ponnu mancari li forzi e sulu allura pinzannucci po’ capiri.

Si zittiva Pippineddra e nun capiva ancora ..

Passà tantu tempu, currì lesta la so vita, cu a peddri vecchia e puru iddra ora cu tanti storii di cuntari.. pinzava a li so nanni e si truvà a so matri sempri cchiù stanca e vecchia e cu tanti acciacchi ca l’ abbattivanu, lu scantu di perdila ogni jornu si faciva sempri cchiù granni, era bianca, malata e senza forza di parlari, era abbattuta di ddra vita travagliata c’ avia fattu..

Si ci stringi lu cori a Pippineddra vidè iddra nun si sintiva tantu bona ma.. ci tiniva i mani a so matruzza e ci macinavanu ntesta ddri paroli, ca quann’ era picciliddra so mà ci faciva schifiari (chiddru ca facemu un gnornu l’ avemu fattu) e s’ addisiddrava, cu tuttu u cori, di vidila campari senza piniari e senza ca u Signuri ci dava duluri..

E pinzava sempri “ a vita è na rota ca firria, aieri appi bisognu me nanna, oi me matri e dumani na vicchiaia tocca a mia”.

Melina Licata


Melina Licata 06/01/2014 19:40 1 817

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Melina LicataPrecedente di Melina Licata

Nota dell'autore:
«Il rispetto per gli anziani si insegna con l'esempio...
Loro sono una risorsa, una fonte inesauribile di saggezza, senza dimenticare anche il fatto che il ciclo vitale č uguale per tutti...
I giovani di oggi un giorno saranno i vecchi di domani con gli stessi problemi, lo stesso bisogno d'aiuto e d'affetto dei loro nonni...
»

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Bellissimo racconto in dialetto siciliano ben scritto e ben curato. Condivisibili i contenuti sui legami familiari sempre stretti ed affetuosissimi. Racconto letto con piacere e molto apprezzato.»
Michelangelo La Rocca

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Melina Licata:
Melina Licata
 I suoi 4 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Stella (24/07/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Un mondo da scoprire (13/09/2015)

Il racconto più letto:
 
Non fidarti dalle apparenze (06/08/2013, 1070 letture)


 Le poesie di Melina Licata

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it