4522 visitatori in 24 ore
 200 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4522

200 persone sono online
Autori online: 6
Lettori online: 194
Poesie pubblicate: 322’747
Autori attivi: 7’360

Gli ultimi 5 iscritti: Giovanna Pivotti - acquaflora - sabrina russo - Iacopone - SabrinaPfeil
Chi c'è nel sito:
Club ScriverePeppe Cassese Messaggio privato ♦ Maria Fiorella Corazza Messaggio privatoClub ScrivereLaura Fogliati Messaggio privato ♦ Giovanni Perri Messaggio privato ♦ Carmine Ianniello 1 Messaggio privatoClub ScrivereMaria Luisa Bandiera Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura







Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info
Questa è un racconto erotico: se può turbare la tua sensibilita o se non hai più di 18 anni dovresti evitare di leggerlo.

"Un'altra vita" cap. 24

Erotismo e per adulti

cap 24

Sergio era, in quei momenti, davvero inesistente, perchè sentiva la sua individualità dissolta, mentre viveva nel corpo di lei. Una simbiosi in cui ogni distinzione tra il corpo e la mente si estingueva.

Quasi inavvertitamente, dentro quella dissoluzione, i loro corpi erano scivolati altrove, come in nessun luogo.

Supino sul letto, Sergio sentì le carezze di lei attraversarlo tutto; con forte e sorpresa emozione, la sentì distendersi con tutto il corpo lungo la sua schiena, le sue gambe, sentì la loro pelle aderire completamente, i suoi movimenti dolci e profondi avvolgerlo nella più estesa delle carezze.

Si abbandonò completamente, le braccia spalancate, le gambe divaricate, completamente sciolto e recettivo di quel suo abbraccio.

Gli sembrava magica quella fantasia di Irene, inattesa, impulsiva e ricca di amore pieno; era completamente rilassato accogliendo quella totale carezza, l'assorbirva dentro sè con abbandono passivo e inesistente; nella sua propensione alla fantasia sensuale immaginava i loro corpi sciogliersi e diventare uno.

Sentiva tra loro uno spirito di gioco, unica regola alle loro effusioni quella d' amore, libero e quasi bambino, che poteva liberarsi non frenato a contenere la loro fantasia. Erano completamente aperti alle espansioni dell'amore e trascinati dallo stesso impulso di offrirsene a piene mani.

Sergio si sentiva con grande desiderio anche dentro quella loro dimensione attiva- passiva, e nella sua spalancata immobilità si sentiva vivo attraverso di lei e, dentro quel loro tempo chiuso e condizionato, provava una sorta di dispetto nel trovarsi limitato nella possibilità di ampliarsi in ogni sorta di fusione fra loro, fusione che fluiva e sbocciava in guizzi subitanei.

Era immenso il benessere che sentivano, uno stato di pace calda dentro cui non sembrava esistere niente oltre l'abbraccio, come se si potesse prolungare all'infinito. Come se, al moto con cui instancabili i loro corpi si amavano, corrispondesse anche una loro fissità; un moto infinito, una rigenerazione continua, che dentro quella competa fusione diventava quasi un annullamento del moto stesso.

Ora erano teneramente e fortemente abbracciati, a guardarsi in modo illimitato, con occhi liquidi di emozione.

Con le mani, e le braccia, avide, si stringevano nei loro corpi, sempre di più, sempre di più...ancora con l'impossibile anelito di essere l'uno nell'altro.

I loro sguardi erano pieni e, muti, dicevano tutta la loro immensa emozione, che in nessun altro modo sarebbero riusciti a dire.

Con la stessa intensità quell'emozione si espandeva nel loro bacio.

Un bacio tremante, giocoso, bizzarro, saltellante, ora impetuoso ed ora carezzevole.

La lingua di Sergio entrava piena di desiderio e lambiva la lingua di lei, quasi a rappresentare l'amplesso delle loro anime.

Era un bacio che non finiva mai, volteggiava in ogni direzione, guidato da loro impeto appassionato di sentirsi sempre più avvinti.

Quella forte emozione di sguardi e baci si propagava contemporaneamente a tutti i loro sensi e si sentivano avviluppati dentro un'immensa, unica, carezza.

Il loro desiderio, invasivo, intenso, ma lieve e senza asprezze, vibrava in loro.

Sempre sentiva il suo pene sussultare e rigido della più dolce e calma eccitazione; la sentiva perfetta, una crescita dei sensi che avanzava naturale fra di loro, si stavano già appartenendo in tutti i modi possibili e non esisteva nulla fra di loro che non sentissero completamente aperto e desideroso di completarsi.

Nel loro vivido abbraccio pieno di luce, Sergio aderiva col suo pene alle tenere fibre di lei, le sfiorava, le accarezzava, le percorreva invaso di dolce frenesia, e le sentiva aprirsi sempre più, bagnate di caldi umori e anelanti di accoglierlo.

Finalmente entrò dentro di lei, con la più libera naturalezza, il suo nido si apriva tenero, umido e caldo e sembrava lo aspirasse dentro di sè.

Sergio entrò dentro di lei, piano, sentendosi immediatamente invaso da una vampata di piacere, che si diffuse ovunque in loro.

E di piacere gli sembrò un'esplosione quando affondò completamente in lei e ne percepì la carezza più globale, vibrante e trascinante, sentì come se il suo pieno si fosse fatto vuoto, il vuoto di lei pieno.

Era una liberazione totale, il piacere del piacere, lontanissimi da qualsiasi giudizio o colpa in ciò che vivevano, in una piena appartenenza, che niente riusciva a turbare.

Non si possedevano, vivevano insieme in contemporaneità, in nulla si prevalevano o forzavano, ma si comprendevano in dolce fusione.

NELL'ABISSO

Per me sei un abisso

ti osservo e non vedo mai il fondo

ma lo intuisco

e non resisto

non sono circospetto

è buio ma son sicuro

annaspo nella confusione

ma già tu sei la soluzione

e non sento altra ragione

tu sei

tu sei

c'è in te l'indefinito

che subito mi aspira

c'è in te l'indefinito

dove vedo l'assoluto

stai ferma

non ti muovere

guardami

e non parlare

guardiamo lontano

siamo lontano

per sentire il mondo

mi basta la tua mano

tutto è fermo

ma noi voliamo

non ho lacrime

ma piango

dentro quei colori

che salgono nel cielo.

Vivevano una sensazione di appartenenza totale, in una dimensione di reciprocità piena e lineare.

Il piacere che provavano, in quei momenti di massima intimità, si espandeva ovunque in loro, dal loro centro di fuoco.

Si sentivano come un grande mare, dove rapidamente le onde calme e dolci diventavano impetuose, per poi placarsi e ancora rianimarsi.

La loro coscienza soggettiva era amalgamata con i loro sensi, unico altalenante turbinio di emozioni.

Si stringevano appassionati, le bocche si cercavano continuamente, avide di appartenersi come i loro corpi.

Con mani profonde si cercavano la pelle, la tenevano stretta, si sentivano sempre più vicini e provavano ogni contatto, mentre Sergio si muoveva lentamente dentro di lei. Saliva e scendeva nel suo ventre, e insieme salivano e scendevano i loro corpi.

Sentiva intorno al suo pene tutto il dolce calore del suo accogliente nido, ogni tuffo in lei era un piacere pieno e travolgente, come una scossa che simultanea si espandeva in ogni direzione. In ogni movimento, quando più profondamente entrava in lei, egli stesso si diffondeva, si distendeva interamente nell'abbandono.

Le loro mani seguivano ogni sinuosità dei corpi, le natiche, gambe schiena, sature di sensualità, come in un orgasmo tattile.

Ogni carezza si trasformava in invadenti brividi di piacere.

Interi i loro corpi si muovevano in una sorta di danza, insieme dolce e appassionata; nessuno spazio resisteva a dividerli e ogni attenzione, coscienza di loro stessi, spariva completamente, aspirata dentro i loro occhi.

Saliva e scendeva dentro di lei lieve ed eccitato, ora piano, quasi immobile, lasciandosi trasportare da un piacere sottile che ondeggiando si irradiava ovunque in lui, ora impetuoso, coinvolto dal crescendo del piacere, ed allora resisteva a quel desiderio prorompente che lo voleva trascinare irresistibilmente lungo la china degli estremi sussulti di piacere.

Provava, dentro quella simbiosi d'amore, un desiderio di eternità, uno stato di pienezza che desiderava conservare, viveva quel piacere, ora caldo, ora sottile, come la più dolce delle agonie e con calmo abbandono non voleva che avesse mai a finire, viveva il suo desiderio e il suo piacere in ogni luogo del loro abbraccio, nei suoi occhi, nella sua pelle liscia, nella meravigliosa unione in cui si sentiva avvinto e sempre tratteneva il suo desiderio di naufragio e galleggiava in quell'immobile agonia.

Irene era completamente aperta, plastica e molle, lo accoglieva dentro di sè come un mare il suo fiume, scivolata nel silenzio più bello, lo avvolgeva del suo amore, come un grande mantello che lo conteneva tutto e che lo aspirava sempre più fortemente in sè; era completamente sensuale. In quei momenti, fra di loro, ogni intercapedine era svanita, ogni controllo delle emozioni era volato via, erano un'unica emozione, dolce e impetuosa, coinvolgente e calda.

Si erano trovati dentro un attimo indimenticabile, che poi per sempre sarebbe riaffiorato nei loro ricordi come perfetta immobilità; era stato solo un breve tempo, ma l'avevano sentito come eterno, come pace assoluta. Ne avevano assaporato la liberazione dall'inquietudine, dall'angoscia di esistere che spinge ad moto inarrestabile ed è forse una condizione insita e costante dell'esistere.

Serrati l'uno all'altro in quell'attimo dilatato si erano sentiti immersi nella più dolce fissità, con la sensazione che quella fissità fosse la più perfetta sintesi della felicità.

Distesi sul fianco Sergio la attraeva contro di sè con forza dolce e appassionata. I loro occhi si penetravano, brillando fermi.

Con mani intense Irene lo cingeva a sè, desiderosa della loro massima unità, con le sue gambe lo circondava di dolcezza.

Si muovevano lentissimi l'uno dentro l'altro, come l'onda più lieve di un mare calmo; un piacere sottilissimo, ma ormai ovunque diffuso in loro, li invadeva.

Si muovevano solo come se se quel muoversi fosse stato il respiro necessario della loro immobilità; ma lo stesso erano immobili, dentro la pace che provavano, pregna di piacere.


Michele Serri 17/05/2014 21:29 3031

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Michele SerriPrecedente di Michele Serri

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Michele Serri ha pubblicato in:

Libro di poesieFoto di gruppo con poesia
Autori Vari
Un ritratto degli autori del sito attraverso le loro poesie

Pagine: 200 - € 14,00
Anno: 2009 - ISBN: 978-88-6096-494-6


Libro di poesieTibet
Autori Vari
«E’ con grande gioia che leggo questo bellissimo libro, che contiene parole che illustrano le caratteristiche e la bellezza della cultura e della religione Tibetana, dello splendido paesaggio del “tetto del mondo”. Le poesie contenute in questo libro dimostrano sintonia con il puro, amorevole e semplice cuore del popolo Tibetano. Apprezzo moltissimo l’amore e l’affetto degli autori di queste poesie verso le tradizioni del Tibet e verso la sua eredità spirituale.
Agli autori di queste poesie va il mio ringraziamento e le mie preghiere, ma anche a tutti coloro che le leggeranno!»
Lama Geshe Gedun Tharchin
Il ricavato della vendita di questo libro sarà dedicato al beneficio dei monaci e dei rifugiati tibetani


Pagine: 59 - € 10.99
Anno: 2008


Libri di poesia

Ritratto di Michele Serri:
Michele Serri
 I suoi 52 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
L'arrivista (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
I tre amici (15/01/2017)

Una proposta:
 
I tre amici (15/01/2017)

Il racconto più letto:
 
Lo stupro (30/09/2012, 65535 letture)


 Le poesie di Michele Serri

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it