4551 visitatori in 24 ore
 287 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4551

287 persone sono online
Autori online: 10
Lettori online: 277
Poesie pubblicate: 322’664
Autori attivi: 7’359

Gli ultimi 5 iscritti: sabrina russo - Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereDonato Leo Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Monopoli Messaggio privato ♦ Libera Mastropaolo Messaggio privato ♦ Eolo Messaggio privato ♦ fausto di pasquale Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Licata Messaggio privatoClub ScrivereVivģ Messaggio privatoClub ScrivereAnna Rossi Messaggio privatoClub ScrivereMarcello Moiso Messaggio privato ♦ Michele Serri Messaggio privato
Vi sono online 7 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Uso del Cialis
Acquistare Cialis: Acquistare Cialis generico
Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info
Questo racconto è inserito in:
 Parte 2 della raccolta "Le visioni oniriche della speranza " di Annamaria Gennaioli (13 racconti)
 Racconti che si susseguono tra passato e presente per innescare un futuro

L'accampamento

Dramma

L’accampamento!

Tutto era silenzio nella notte Andalusa, nell’accampamento gitano era scesa la sera. Ormai si stavano organizzando per la cena; dove intorno al fuoco si ritrovavano per raccontarsi la giornata.

I ragazzi si preparavano, il lavoro era stato duro, il passare di casa in casa per cercare tegami da accomodare o vendere monili; certo non era facile trovare persone disposte ad accoglierli: la loro fama li precedeva. Imperterriti e soprattutto ostinati, sopravvivere cercando di custodire le proprie tradizioni. Desiderio più forte della paura di essere trattati male.

La sera quando tornavano all’accampamento con il fuoco acceso, le cene insieme, le chiacchiere e le danze che s’inoltravano a tarda notte, sotto un cielo stellato e ogni stella cadente: un desiderio avverato.

Il lavoro aveva fruttato qualcosa, bastavano pochi soldi per andare avanti: l’essenziale. Anche le ragazze si preparavano: i loro capelli neri, lucidi, con un fiore rosso all’orecchio che, incorniciava la bellezza di uno sguardo fiero come quello di una zingara.

Le risate arrivavano lontano fino a gente vuota, la quale si nutriva solo dell’apparenza e il fastidio arriva dentro. Non sempre la ragione va a spasso con la mente, a volte un miscuglio di sentimenti crea la forza a gente misera di trovare il coraggio e fare del male.

Il male, quello in testa dei quattro ragazzi seduti a un bar, il vino bevuto mischiato a birra, aveva tirato su di giri la anima. Un’anima scarsa, tetra, di vagabondi, mantenuti solo da madri stanche che non ce la facevano a lasciare quella famiglia vuota; dove un padre padrone, prepotente: incuteva terrore. Seduti al bar, sentivano i canti e le risate dei giovani. I bambini piccoli, andati a letto, la mattina frequentavano la scuola e allora il riposo ci voleva e la musica di sottofondo gli cantava la ninna nanna. Abituati a quella vita che altri non sopportavano. L’allegria scandita da piccoli gridolini di ragazze destava ancora di più quegli animi. Volevano fargliela pagare! La loro magra vita ,allevata a schiaffi e urla; non sopportavano che altri potessero ridere di così poco.. Decisero di calarsi nei panni di persone che ripuliscono le città dai diversi; da quelli che si approfittano degli altri. Le donne sfruttate o mandate a chiedere la carità, bambini rubati. Quei ragazzi si credevano il bene; quelli che eliminano la feccia. Sono i figli di tante bugie.

Prendono ancora da bere, fumano una sigaretta, sniffano qualcosa e s’incamminano verso l’accampamento. Avvicinandosi: la musica era ancora più bella, il violino perforava la notte e le ragazze ballavano intorno al fuoco. La danza trascinava dentro l'ardore e la poesia si mescolava ai profumi quasi estivi e il cobalto del cielo faceva ornamento all’ indago della gonna; dove cosce perfette saltavano e danzavano un ritmo suadente.

I ragazzi stettero un attimo a guardare e piano, quasi strisciando, dietro le carovane. Avevano portato stracci e una tanica di benzina, con passo felpato, disperso il carburante sotto i carrozzoni e con gli stracci imbevuti accesi il fuoco. Il ritorno di fiamma ha coinvolto anche uno di loro. Gli altri scappati a gambe levate, inseguiti dallo sfortunato che cercava in qualche modo di spegnersi le fiamme. Si rotolava per terra dimenandosi. Riuscito nell’intento, gli altri ridevano e fuggivano.

Intanto all’accampamento

Il fuoco era divampato, i bimbi svegliati e tratti in salvo; tutti scampati meno che l’anziana zingara. La madre di tutto, quella che aveva la storia nella mente, le origini delle famiglie tramandate fin dalla notte dei tempi e lei, lasciandosi andare, il vivere a volte stanca ed è meglio togliere il disturbo. Il mondo quando non ti vuole, non ti accetta perché diverso. Diverso da cosa? Solo per il semplice fatto che la tua casa è sulle ruote? Che la tua vita è libera da qualsiasi costrizione e la tua giornata è scandita da piccoli mestieri per sopravvivere? Non sei costretto a lavorare giorno e notte per arricchire altri. E prendere la colpa se il mondo va male? Tu chiedi troppo? Non vuoi vivere nel lusso e non sei troppo genuflesso, ma solo fiero.

Spente le fiamme: gli sguardi attoniti, il bilancio era grave. La grande nonna non c’era più, la mancanza delle sue parole già si faceva sentire. E poi c’erano le carovane distrutte, cosa fare? Come andare avanti? Arrivata la polizia, fatto il necessario, denuncia verso ignoti, ma con la consapevolezza che tutto era vano.

Il ragazzo ferito fu preso: curato e disperato. Solo, aveva perso il coraggio e l’arroganza. Capito il danno fatto, il rimorso forse non lo aveva, perché per lui quella era gente di serie inferiore. La lezione l’aveva compresa: i suoi amici lo avevano abbandonato; anche lui poi era di una categoria diversa.

La mente piena di stereotipi, le idee confuse, quando basta poco solo la libertà in ognuno e il rispetto delle regole. La vita e il mondo non sarebbero troppo complicati.


Annamaria Gennaioli 05/08/2014 07:41 645

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Annamaria GennaioliPrecedente di Annamaria Gennaioli

Nota dell'autore:
«Dare ogni tanto, voce a chi non ce l'ha... Grazie a tutti per le letture-»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Annamaria Gennaioli:
Annamaria Gennaioli
 I suoi 49 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
L'albero (13/07/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Dove osano le aquile (19/05/2017)

Una proposta:
 
Dove osano le aquile (19/05/2017)

Il racconto più letto:
 
Il giardino incantato (04/08/2014, 1162 letture)


 Le poesie di Annamaria Gennaioli

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it