4623 visitatori in 24 ore
 240 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4623

240 persone sono online
Autori online: 14
Lettori online: 226
Poesie pubblicate: 325’291
Autori attivi: 7’373

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereStefano Canepa Messaggio privatoClub ScrivereWilobi Messaggio privato ♦ daniela dessì Messaggio privatoClub ScrivereRosetta Sacchi Messaggio privato ♦ Michele Serri Messaggio privato ♦ Riccardo Piunti Messaggio privatoClub ScrivereStefana Pieretti Messaggio privato ♦ Lara Messaggio privatoClub ScrivereFrancesco Rossi Messaggio privato ♦ emiliapoesie39 Messaggio privato ♦ vannella simone Messaggio privato ♦ Alessia Giuca Messaggio privato ♦ luigi88 Messaggio privato ♦ Libera Mastropaolo Messaggio privato
Vi sono online 4 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Bestia e Pietro

Sociale e Cronaca

Giunto alla soglia dei quaranta Pietro scelse la compagnia della natura e si trasferì in montagna; suo unico compagno un labrador che aveva battezzato con il nome di Bestia. Un cane giovane cui Pietro aveva insegnato come portargli le pantofole e andare a prendere il giornale alla vicina e unica edicola del paese e di tutto il circondario montano che si trovava a pochi metri dalla residenza dei due amici. L’ ammirazione di Pietro nei confronti di Bestia non era dovuta alla fedeltà che egli considerava una qualità limitativa dell’ esuberanza quanto il fatto che nonostante tutti i tentativi di insegnargli a mingere negli spazi aperti che non mancavano in quel paese di montagna, Bestia era ostinatamente perseverante nel fare almeno due pisciatine al giorno nella stanza che Pietro aveva adibito a una piccola e personale biblioteca dove conservava i suoi libri preferiti.

Quest’ aspetto particolare di Bestia non faceva infuriare Pietro che tuttavia era geloso di quei libri che per lui rappresentavano la cosa più nobile della vita: il sapere. Si sforzava di capire il comportamento del labrador e in una serata grigia di autunno i suoi sforzi basati sulla riflessione di questo particolare aspetto ebbero la logica soluzione. Bestia forse voleva mettere in guardia l’ uomo che la gelosia del sapere non merita altro che una calda consacrazione. Fu’ come risvegliarsi da tanti anni di torpore, spesi a esclusiva conoscenza. Bestia aveva aperto una breccia nella sua mente. Da quel momento Pietro cambiò atteggiamento nei confronti del labrador e lo colmò di accarezzamenti e pasti curati per avergli dato quella sorta di ammonimento.

Fu’ in quella stagione autunnale che assieme a Bestia e in compagnia di svettanti Faggi egli si sforzava in ragionamenti che fino allora non lo avevano mai sfiorato. In quel ragionare, spesso ad alta voce chiacchierando con Bestia la gente del paese lo considerava pazzo. Egli della pazzia ne aveva un grande rispetto perché chi era prigioniero di quello stato mentale, non mentiva mai, anzi si avvicinava senza secondi fini e parlava liberamente. A volte pure in modo confuso, ma in quel parlare c’ era una sorta di verità atavica che egli segnava sul suo notes. Da quell’ autunno aveva compreso la ragione del sapere: condividere. Fu’ in una mattinata soleggiata che scese in paese invitando giovani e anziani a un pomeriggio in sua compagnia, il riscontro di questa sua apertura alla vita sociale fu’ sorprendente; si presentò alla porta della sua abitazione una quarantina di persone, gli fece entrare e presentò loro Bestia che dimostrava interesse per quella moltitudine di persone che affollavano i vani della casa di Pietro. Offrì caffè d’ orzo agli adolescenti e vino rosso a giovani e anziani. Gli accompagnò nella sua biblioteca privata mostrando loro i volumi ai quali lui era particolarmente affezionato e mise a disposizione quei testi a chi aveva voglia di leggere e di apprendere. La cosa si sparse nei dintorni e presto la casa di Pietro fu’ invasa da molti che volevano in prestito un libro da leggere. La cosa lo riempiva di orgoglio, ma i libri ormai erano davvero pochi rispetto all’ interesse che aveva contagiato gli abitanti dell’ intera vallata. Ancora una volta fu Bestia fonte d’ ispirazione per Pietro che nel corso di una passeggiata pomeridiana fu’ trascinato a forza dal labrador nei pressi del municipio e, in disprezzo di ogni buona creanza, alzò la zampa nei pressi del monumento ai caduti per una pisciata che sembrava un torrente in piena.

E nel momento della minzione del labrador la lampadina si accese. Doveva conferire con il Sindaco del paese, per proporgli l’ apertura di una biblioteca pubblica cui avrebbe donato i suoi libri. L’ occasione di conferire con il primo cittadino non mancò nel corso del lungo pomeriggio quando i due s’ incontrarono all’ osteria del paese. La proposta di Pietro fu’ accolta dal Sindaco con entusiasmo e promise che sarebbe stata messa al primo punto della seduta del primo consiglio Comunale. Il sindaco aggiunse che avrebbe proposto che a curare la biblioteca fosse proprio Pietro. Si congedarono con una calorosa stretta di mano e Pietro assieme a Bestia che nel corso della discussione era rimasta allungata sul pavimento dell’ osteria stuzzicando quello che i commensali gli gettavano si avviò a passo lesto verso la via di casa, soddisfatto dell’ esito della sua proposta e Bestia felice per l’ aperitivo fuori programma prima della cena.

Due settimane dopo l’ incontro con il Sindaco, ricevette una raccomandata. Aprì la busta mentre Bestia approfittando della concentrazione di Pietro sulla busta per andare nella stanza dove erano custoditi i libri a fare la sua lisciatina quotidiana. La proposta era sta accolta a maggioranza dai consiglieri comunali e ora la giunta doveva ratificarla per renderla al più presto esecutiva. In aggiunta un post scritto informava che la responsabilità della biblioteca sarebbe stata affidata a Pietro. L’ indomani mattina Pietro accompagnato dall’ inseparabile bestia si avviò verso il palazzo comunale. Bestia si mise accucciato ai piedi di un albero mentre Pietro si rivolgeva all’ usciere chiedendogli di voler conferire con il Sindaco. L’ usciere si mise in contatto telefonico con la segretaria del primo cittadino e dopo una breve conversazione posò il telefono e invitò Pietro a salire al secondo piano. Il Sindaco l’ avrebbe ricevuto. Nemmeno il tempo di prendere fiato che la porta dell’ ufficio si aprì e Pietro fu’ invitato a entrare. Con un cenno il sindaco gli indicò di accomodarsi sulla poltrona posta di fronte alla sua scrivania e gli espose in tono amichevole ma, formale gli atti che il Consiglio aveva deliberato in merito alla sua proposta. Tutto filava per il verso giusto. L’ unico momento di tensione arrivò quando il sindaco prospettò l’ ipotesi che Pietro doveva essere assunto come dipendente comunale. Svolgere quel tipo di mansione richiedeva aver conseguito un diploma di maturità, che egli stesso aveva ottenuto nel corso degli studi presso il liceo classico Marconi di Chiavari e proseguendo gli studi si era laureato in filosofia presso la facoltà di lettere di Genova. La tensione era dovuta al fatto che per Pietro il sapere non doveva essere pagato ma donato in modo gratuito e con quest’ argomentazione si offri di svolgere quel compito gratuitamente mettendosi a disposizione delle persone che risiedevano nella vallata. Il Sindaco rimase colpito da quest’ atto di generosità nei confronti della comunità che s’ impegnò personalmente ad attivare le risorse che consentissero al volontario Pietro di operare nella prossima apertura della biblioteca comunale; a tale proposito il sindaco si rivolse a Pietro e lo invitò a seguirlo. Lasciarono l’ ufficio ed entrarono in un locale abbastanza spazioso che la giunta comunale aveva individuato come locale da utilizzare allo scopo.

Uscito dal palazzo comunale, recuperò Bestia che aveva fatto amicizia con due bambini e s’ incamminò verso casa a passo spedito con il labrador che svogliatamente lo seguiva. Entrato in casa, mise nella scodella la zuppa per Bestia, poi con lentezza si preparò la cena. Finito di cenare radunò le stoviglie nel lavandino e si mise con rinnovata energia a compiere quel rito serale prima di uscire nel porticato con il suo fidato Bestia. Quella sera seduto su una panchina di marmo e imbacuccato a dovere per il vento che soffiava, estrasse dalle tasche il notes e annotò alcune sue considerazioni sulla giornata trascorsa che era stata produttiva come non mai. Rientrò in casa e con ispirazione compose una poesia, questa volta non nella solitudine consueta ma, in compagnia di una sensazione positiva dovuta al fatto che aveva incominciato a socializzare. Prima di allora affidò i suoi scritti al fuoco. Si disse che questo non doveva più accadere. Sarebbe stata la perpetuazione di una forma di egoismo narcisista.

EPILOGO

La vigilia di Natale era il giorno dell’ inaugurazione. Fu’ una giornata intensa per Pietro. Furono recapitati cinque colli del peso di trenta chili ognuno. Contenevano una tale quantità di libri che l’ amministrazione provinciale su invito del sindaco aveva donato alla biblioteca.

MORALE

Bestia, fece capire a Pietro che il Sapere si deve donare. E da buon filosofo Pietro, si mise a insegnare.

Francesco Rossi 08/10/2014 18:12 507

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Francesco Rossi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Francesco Rossi:
Francesco Rossi
 I suoi 11 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Bestia e Pietro (08/10/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
In quel 1974. L’inizio (07/12/2017)

Una proposta:
 
In quel 1974. L’inizio (07/12/2017)

Il racconto più letto:
 
Bestia e Pietro (08/10/2014, 508 letture)


 Le poesie di Francesco Rossi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it