4985 visitatori in 24 ore
 239 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4985

239 persone sono online
Autori online: 8
Lettori online: 231
Poesie pubblicate: 314’960
Autori attivi: 7’397

Gli ultimi 5 iscritti: Procursus - Alessia De Gennaro - Cretu Andrei - Emanuele4 - neropaco
Chi c'è nel sito:
♦ Marcella Usai Messaggio privatoClub ScrivereGiacomo Scimonelli Messaggio privato ♦ Francesco Di Martino Messaggio privato ♦ Raffaele48 Messaggio privato ♦ Paola Paolina Segatto Messaggio privato ♦ Marco Forti Messaggio privato ♦ Matteo Tiburzi Messaggio privato ♦ emiliapoesie39 Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Questa è un racconto erotico: se può turbare la tua sensibilita o se non hai più di 18 anni dovresti evitare di leggerlo.

Questo racconto è inserito in:
 Parte 7 della raccolta "Amore e passione " di Mirella Santoniccolo Mairim14 (7 racconti)

Eccitante esperienza

Erotismo e per adulti

La metropolitana era affollata come ogni mattina, ma Lucia ormai non ci badava più. In piedi, attaccata al sostegno che la teneva, assorta nei suoi pensieri, guardava distrattamente la vita scorrerle su binari sempre dritti, senza mai uno scossone che la svegliasse da quel torpore.

Erano anni che faceva quel percorso per arrivare al lavoro, stesso orario, stesse persone, stesso tram-tram logorante.

Per non parlare poi della vita privata che girava sempre alla stessa maniera. Legata sentimentalmente a Marco, il suo ragazzo, non ricordava neanche più da quanto tempo lo conosceva, forse anche lui da sempre.

Era annoiata da quell’esistenza piatta che non le regalava mai nulla di diverso, di elettrizzante, di eccitante.

Anche quando si incontrava con le amiche, non riusciva a trovare soddisfazione come una volta, si parlava sempre delle stesse cose; il ragazzo, il lavoro e in via eccezionale del viaggio fatto da qualcuna di loro, ma per il resto era come lo stesso film che si ripeteva continuamente.

Da cosa dipendeva quell’apatia che sentiva intorno a lei? Erano gli altri che stavano trasformandosi in zombi o era lei che stava cambiando modo di vedere la vita?

Intanto la metro era arrivata al capolinea, Lucia scese come un automa e salì le scale che la portavano in superficie per prendere l’autobus. La gente seguiva la scia del percorso obbligato priva di volontà, come formichine in fila indiana con lo stesso scopo, arrivare al lavoro e timbrare il cartellino in orario. “Ma possibile che la vita sia solo questo? Sempre le stesse cose da diventare abitudine e la mente estraniata come non servisse più a niente?” Tutto ciò le metteva una certa tristezza, era deprimente.

Era da un po’ di tempo che nella pausa pranzo, andando a mangiare in mensa con le colleghe di lavoro, incrociava lo sguardo di un ragazzo che sicuramente lavorava da quelle parti. Anche lui era sempre in compagnia di altre persone e quindi difficile sarebbe stato trovare un pretesto per conoscerlo. Peccato, perché l’emozione che le trasmetteva era forte da farla rimanere eccitata anche quando ci ripensava. Infatti era diventato oggetto del suo fantasioso desiderio sessuale che fervidamente spaziava in mille modi.

Era un bel giorno di primavera e Lucia in compagnia delle colleghe rideva e scherzava in mensa alla solita pausa. Gli sguardi incrociati con quel ragazzo, che ormai faceva parte della sua vita, erano sempre più intriganti, colloquiavano senza parlare tra telepatia e complicità. Si alzò dal tavolo “vado a rifarmi il trucco ragazze” e si avviò verso il bagno sfilando con grazia ondeggiante come si addice ad una modella sulla passerella. Il suo corpo slanciato e sinuoso era appariscente al passaggio e la scia di profumo che emanava andava a completare il fascino di quel bel vedere.

Camicetta attillata da mostrar seni ben dritti, gonna a tubo fin sopra il ginocchio, calze a rete autoreggenti e tacchi a spillo, era uno schianto e lo sapeva bene.

Aperta la porta del bagno andò allo specchio per rifarsi il trucco, voleva essere sempre bella e mentre era intenta a spargersi un filo di rossetto, sentì aprire la porta dietro le sue spalle, ma non ci badò, il bagno era pubblico quindi normale che qualcuno entrasse.

Pensava a quel ragazzo “chissà come si chiama, da dove viene, ma poi in fondo la cosa che mi interessa di più è farci sesso, mi eccita” e mentre la mente viaggiava sulle ali della perdizione si sentì sfiorare sulle natiche.

D’incanto lo specchio riflettè la figura tanto desiderata, era apparso dietro di lei ma non era un sogno, era reale sentiva le sue mani palparle il corpo, non c’erano dubbi, era concreto.

Senza pensare si abbandono a quel tocco, chiuse gli occhi come già aveva fatto nella sua fantasia, per lasciarsi andare al piacere. Quelle mani esperte, quante volte le aveva desiderate sulla sua pelle ed ora magicamente la stavano esplorando negli anfratti più intimi della sessualità, curiose e vogliose di conoscerne ogni angolo nascosto, mentre il seno scoppiante di piacere, incontenibile in quella camicia troppo stretta, esplodeva al di fuori mostrandosi in tutto il suo splendore. I capezzoli si irrigidivano al lieve tocco di labbra e la lingua serpentina andava su e giù dal seno al collo facendola inarcare da brividi intensi di beatitudine per arrivare alla bocca, dove schiudersi in un bacio passionale. Una situazione che la elettrizzava, non sapeva neanche il suo nome, ma voleva averlo e godere con lui. “Ti desidero, sono pazzo di te, voglio averti, mi sei entrata dentro e adesso io entrerò in te” quelle stimolanti parole sussurrate al suo orecchio con ansimi di lussuria la fecero ancor più eccitare “sono alla tua mercè, fai di me quel che vuoi” rispose con voce suadente.

Lui la sollevò da terra poggiandola sul lavabo, con tenacia maschia le allargò le gambe scostandole gli slip e scese a lei con ingordigia da goloso che vuole assaporare un dolce ambito da tanto tempo.

La lingua si insinuò avidamente facendola estasiare di piacere incontrollato mentre le mani di Lucia gli tenevano il capo in segno di possesso.

“Ti voglio non resisto più, prendimi adesso”, ma lui non ancora sazio continuò il gioco lussurioso lasciandola senza forze. Tornò su, fino ai seni e cominciò a morderli eccitandoli, poi di nuovo sulla bocca in un bacio che le succhio l’anima. Lucia era arrivata al culmine del piacere, il mondo e il tempo si erano magicamente fermati in quell’attimo eterno di passione, lui, così tanto desiderato nelle sue fantasie, era diventato realtà, stava godendo di lui come mai avrebbe immaginato. L’abbracciò con tutto l’ardore, mentre lo sentì entrare dentro sconvolgendole i sensi. Si muovevano alternando i ritmi in una danza magica che solo loro potevano sentire, mentre tutto quel che era fuori rimaneva fuori estraneo. Quando il ritmo si fece più intenso allora arrivò il momento di abbandonarsi all’orgasmo che li unì nell’estasi.

Si guardarono negli occhi, brillavano di passione, lui si staccò da lei e con un cenno di intesa si allontanò uscendo.

Lucia si sentiva bene, era come rinata da quella eccitante esperienza, sapeva che ci sarebbero state altre volte così e ne era felice.

Uscì dal bagno dopo essersi ricomposta, passò tra i tavoli dei commensali ancheggiando civettuola fino al tavolo dove l’aspettavano le colleghe. “Ma quanto ci hai messo, noi stavamo quasi per andare via” dissero le amiche con fare un po’ invidioso “si vero, solo che il trucco si era un po’ sfatto e ho dovuto ristrutturarmi bene” rispose ridendo soddisfatta.

Mirella Santoniccolo Mairim14 21/12/2010 15:44 2 44009

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Mirella Santoniccolo Mairim14Precedente di Mirella Santoniccolo Mairim14

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«E come direbbe Connie Sumner protagonista de "L'amore infedele": "... ti ho nella testa ancor prima di aprire gli occhi".
Le fantasie sono talvolta così reali da avverarsi nel nostro cuore ancor prima che succedano nella vita! Brava, mi piace il tuo stile!»
Chiara Vacchieri

«La sessualità femminile è un mondo misterioso tutto da scoprire! La toilette stimola non poco la fantasia; il fascino di andare con una persona sconosciuta per rompere la logorante quotidianità.
Piaciuto... complimenti!!»
Manuele Pizzi

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Semel licet....Ah ah...Bravissima. (Daniela Ferraro)

bravissima, molto coinvolgente come non tanti.. (Giuseppe Pasqua)

brava...piaciuto molto (Silvia Contessa)

Elegante e sconvolgente. Bel racconto. (Mimmo Mariano)



Mirella Santoniccolo Mairim14 ha pubblicato in:

Libro di poesieSe tu mi dimentichi
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2011, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Pagine: 208 - € 11
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686214


Libro di poesieTu che mi ascolti
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2010, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Pagine: 240 - € 12
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686108


Libro di poesieFesta delle Donne 2010
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 107 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Mirella Santoniccolo Mairim14:
Mirella Santoniccolo Mairim14
 I suoi 57 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
L'incontro (10/09/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Vacanza 2016 (Ultima parte) - Val d'Aosta (16/03/2017)

Una proposta:
 
Vacanze 2016 (5° Parte) - Val d'Aosta (20/01/2017)

Il racconto più letto:
 
Eccitante esperienza (21/12/2010, 44010 letture)


 Le poesie di Mirella Santoniccolo Mairim14

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it