4457 visitatori in 24 ore
 243 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4457

243 persone sono online
Autori online: 4
Lettori online: 239
Poesie pubblicate: 325’319
Autori attivi: 7’373

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
Club Scriverepoeta per te zaza Messaggio privato ♦ Sanzi Messaggio privatoClub ScrivereMatteo Bio Matteucci Messaggio privato ♦ Augusto Cervo Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Il grande Amore non muore mai

Amore

Sembrava tanto solida la piccola sfera d'amore quando d'improvviso la sorte infausta s'era insinuata nel mezzo, annullando quella metà che le dava vita. Erano stati scelti loro due, infine soli e stretti in un abbraccio lungo più di cinquant'anni, nella comunione di due fiati che si erano realizzati con l'amore umano. Dopo l'affetto autentico, indissolubile che niente può distruggere, rimaneva Lei, anziana, indifesa sotto il peso degli anni e del rammarico. Vivere non era più lo stesso. S'era annullato in Lei, il senso per il quale, ogni giorno, ci si copre di speranza per conquistarlo. Tutto le scorreva intorno come immagini di un film muto, mancava quella voce messa a tacere per sempre e quell'imperioso silenzio dominava troppo. Insieme s'erano rafforzati in un sentimento incardinato in gioventù fra due cuori attrattisi immediatamente senza mai mutare nelle parole, nei gesti. Quanti gradini superati sulla scala dell'esistenza, sempre uniti con entusiasmo. A volte le avversità apparivano pesanti, ma bastava che le loro mani si congiungessero e una forza immensa li pervadeva aiutandoli a continuare. Tanta era stata la loro felicità cresciuta con i figli che adesso erano rinati in nuove vite, dando frutti belli e sani. Evitavano di guardarsi allo specchio, preferivano specchiarsi l'uno nel volto dell'altro ritrovandosi sempre negli sguardi giovani del primo incontro. Era veramente un grande amore il loro, anche se a volte per divergenze si accendevano come stelle che cadenti poi, sparivano nell'immenso, senza lasciare alcuna traccia nel loro stellato cielo. Erano invecchiati e l'amore nei loro stanchi corpi si esprimeva più lentamente, ma in un modo dolce, sicuro e tuttavia acceso di tenera passione, colto come un fiore d'inverno, prezioso, considerato cosa rara. Ora invece, il tempo le girava attorno come un gatto affamato, e Lei sapeva di soddisfarlo nell'impotenza di porgli un freno. Sbiadivano colori intorno tra i sorrisi speranzosi dei suoi cari che la sostenevano con un'ansia celata. Ma lei lo sapeva, aspettava nell'anticamera della vita, dove i vecchi prima o poi vanno a finire. Notava come gli altri ignorassero di come negli anziani i pensieri non invecchiano con il corpo, i desideri le emozioni rimangono fresche come acqua che dalla fonte zampilla .Più che mai questa constatazione la rendeva molto incompresa perchè tutto ciò che provava di riversava nel baratro lasciato dall'assenza dell'altra sua metà di quella loro piccola sfera d'infinito nella quale erano vissuti così lungamente. Gonfia di sconforto l'anima le pesava ricordandole ovunque la sua solitudine più profonda, l'inutile e difficile presente. Appena poteva si estraniava sedendosi silenziosa in disparte .Chiudeva gli occhi ritrovando ciò che le era stato tolto. La sua mente le fabbricava un ricordo dietro l'altro intensamente, ritrovava Lui sentendosi ancora bene, ma quando li riapriva, improvvisa la realtà, sembrava darle il solito schiaffo .Poi un giorno di primavera, mentre seduta in giardino ascoltando i nipotini giocare dietro ad un cespuglio di rose, nel rivivere perdute emozioni, si sentì stringere il cuore, una stretta forte, più forte del suo dolore. Istintivamente si portò le mani al petto, chiuse gli occhi .Stranamente non era spaventata, là sulla linea dell'azzuro, c'era Lui, sorrideva e le porgeva le mani adorate, quelle che sapevano regalarle carezze dolci quando Lei aveva timore. S'illuminò d'un sorriso e credette di alzarsi, di muovere alcuni passi, avviandosi all'incontro. Si tutto ricominciava, tutto si illuminava ancora come un mattino quando la luce sbiadisce ogni ombra. Si ricomponeva quella sfera d'amore infinito. I bambini ormai stanchi di giocare in giardino nel passarle accanto notarono la nonna dormire sulla sedia, la lasciarono là,per andare dalla mamma a chiedere la merenda, riferendo con le loro vocine che la nonna sì era addormentata sulla sedia nel giardino. La figlia, allora con premura, prese una leggera coltre e s'avvicinò alla madre per poggiargliela sulle ginocchia, stava cedendo oramai il sole .La madre, s'era liberata del suo corpo fisico per rinascere nell'amore spirituale che và altre a quello terreno, silenziosamente. Con il volto disteso appena abbozzato ad un lieve sorriso, sembrava sognasse<.Mamma>,chiamò la figlia percependo un presagio nella mente. Nella buona e nella cattiva sorte un tempo lontano Lui e Lei si erano giurati di non lasciarsi mai ed ora la sua fine terrena era ciò che nel suo profondo aspettava. La lama della nera Signora questa volta non recideva nulla, dava solo una leggera spinta avvicinandola a Lui che l'aspettava questa volta nella grande sfera d'amore senza fine.






.


rita iacobone 20/02/2015 17:21 412

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di rita iacobonePrecedente di rita iacobone

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Meraviglioso racconto,tocca il cuore! (Anna Rossi)



Ritratto di rita iacobone:
rita iacobone
 I suoi 29 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
La Morte beffarda (26/10/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
L’inattuabile diventa realtą (06/12/2017)

Una proposta:
 
L’inattuabile diventa realtą (06/12/2017)

Il racconto più letto:
 
Gavino (24/03/2014, 20603 letture)


 Le poesie di rita iacobone

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it