4541 visitatori in 24 ore
 240 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4541

240 persone sono online
Autori online: 15
Lettori online: 225
Poesie pubblicate: 324’012
Autori attivi: 7’366

Gli ultimi 5 iscritti: Simone1996Cedrone - Filippo Nardozza - Emanuela - Mariarosaria Angelo - Daniela Rinaldi
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereSara Acireale Messaggio privatoClub Scriverefranca merighi 42 Messaggio privato ♦ lazzarini gabriele Messaggio privato ♦ gabriele vacca Messaggio privatoClub ScrivereJulie Messaggio privato ♦ RossellaP Messaggio privato ♦ Valentino Mazzuca Messaggio privatoClub Scriveresergio garbellini Messaggio privatoClub Scriveresanto aiello Messaggio privato ♦ Grazia Bianco Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privato ♦ Musa di me stesso Messaggio privatoClub ScrivereParide Giangiacomi Messaggio privato ♦ Felice Serino Messaggio privatoClub ScrivereMarco Forti Messaggio privato
Vi sono online 6 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Calabria guerra e morte per non dimenticare la storia

Azione e Guerra

Il 13 Settembre 1943 ero un bimbo di 21 mesi. I miei parenti e genitori, sfollati dalla città di Mileto e riversati nelle campagne periferiche del paese, preventivamente avvisati da certi volantini lanciati da un aereo ricognitore, invitava la popolazione ad abbandonare il paese per imminente bombardamento degli aerei anglo/americani.

Quel giorno accadde anche un fatto tragico, finito nel dimenticatoio sia da politici che da storici locali: Ma nella mente di chi sopravvisse non può dimenticare quel maledetto giorno, di chi era li e pagò con la propria vita. Alcuni piloti, per la precisione quelli del 14° Gruppo Cacciabombardieri dell’ Air Force, si macchiarono di uno degli episodi più spregevoli commessi dagli angloamericani nella Calabria. Quel giorno si perpretò l’ assassinio di "circa" 39 civili (di cui 32 fra donne e bambini), in un lungo di campagna definita “ Carasaci” nella campagna in periferia di Mileto. Dove la popolazione era sfollata, a causa dell'avvertimento tramite volantini lanciati da un ricognotore aereo italiano, il cui allarmava la popolazione a evaquare l'abitato a causa di possibile bombardamento aereo. Intere famigie si riversarono nelle campagne circostanti, in cerca di un rifugio sicuro nella boscaglia. Alcuni di loro avevano scavato a ridosso dei naturali terrapieni di tufo, piccoli rifuggi a forma di grotta, per ripararsi alla meglio di eventuali attacchi aerei. Ero un adolescente quando miei genitori mi raccontavano che quel giorno a quell'ora, ero solo un bimbo che tentennava i primi passi, intento a scorrazzare sotto i rami dei centenari oliveti, nell'ambito di detti ricoveri, assieme con altri piccoli bimbi. Improvvisamente si creò un fuggi fuggi generale, allarmati da rumori di motori di aerei in avvicinamento. Alcuni degli sfollati dicevano che erano aerei angloamericani venuti a liberarci dai tedeschi. Quando il rombo assordante dei motori faceva vibrare la terra e i rami degli alberi, erano quasi sulla nostra testa, si verificò alle 11, 30 di quel mattino, mentre l'odore degli ulivi si spandeva nel cielo azzurro, e le cicale frinivano, improvvise le raffiche delle mitragliere degli aerei, si abbattevano sugli spiazzi falciando i rami degli alberi e anche le persone che non avevano fatto intempo a fuggire, per nascondersi nei ricoveri. La catastrofe immane senza alcuna ragione: da premettere che in loco, non c’ era alcun militare e/o mezzo militare, nessuna divisa militare, niente che potesse essere scambiato come obbiettivo militare. Quel luogo, era gremito di civili, specialmente donne e bambini. Gli aerei volavano radenti, quindi si deduce che i piloti erano in condizioni di visibilità ottimali per distinguere che in quel posto c'erano solo dei civili sfollati. Non si capì per quale motivo, improvvisamente cominciarono a mitragliare con accanimento, su quelle persone inerme, provocando una strage. Gente ferita sanguinante correvano urlando lasciavano sul terreno scie di sangue. Cadaveri sparsi da per tutto, il sangue di quelle povere persone, a rigagnoli scorreva sul terreno, perfino sui rami e le foglie degli ulivi. In quella campagna, dove qualche minuto prima, le cicale e i grilli libravano nell'aria la loro armonia al caldo afoso settembre. Dopo lo scalpitio delle mitraglie, nel silenzio si alzavano le urla dei feriti, il pianto disperato, il lamento delle mamme per i figli o parenti che un attimo prima ridevano e discutevano insieme. Le urla che si innalzavano in cielo riverbando nella campagna e nelle valli, la dove il rosso dei papaveri, ondeggiava come un mare di sangue piegandosi alla leggera brezza che sapeva di mare, mentre le teste piegate e visi bagnati dalle lacrime di quelle persone, padri e figli calabresi. Le donne con il capo coperto dai tradizionali fazzoletti neri, dondolavano disperati, abbracciando quei corpi martoriati dei propri cari.


Miknomi 09/10/2015 19:06 375

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di MiknomiPrecedente di Miknomi

Nota dell'autore:
«Questo mio racconto per non dimenticare le stragi della guerra e ricordare tutte quelle vittime che la bestia umana causa nelle guerre, poi il ricordo si affievolisce come la luce alla fine del giorno.»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Miknomi:
Miknomi
 I suoi 11 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
La fucilazione (29/09/2015)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Cosi nacque marcello (26/09/2016)

Una proposta:
 
Sembrava un angelo (06/05/2016)

Il racconto più letto:
 
Lettera a mia moglie (05/10/2015, 402 letture)


Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it