4732 visitatori in 24 ore
 195 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4732

195 persone sono online
Autori online: 4
Lettori online: 191
Poesie pubblicate: 325’154
Autori attivi: 7’375

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereLia Messaggio privatoClub ScrivereVito Marco Giuseppe Messaggio privatoClub ScrivereEmilia Otello Messaggio privatoClub ScrivereMarco Forti Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Claustrofilia

Biografie e Diari

Quando ero militare, a Civitavecchia, esisteva un incarico che doveva essere ricoperto per due settimane, ogni volta da un soldato diverso: quello di rimanere la notte a dormire da solo in un locale chiamato "Cassa" . Era uno stanzone in cui venivano conservati, chiusi a chiave, importanti (almeno così si diceva) documenti dell'amministrazione militare; nel caso (molto improbabile) in cui il soldato, disarmato, avesse sentito dei rumori strani e sospetti, egli doveva semplicemente suonare un campanello: sarebbero immediatamente accorsi altri militi, armati, per provvedere alla bisogna.

Era difficile trovare dei militari che volessero fare questo servizio: il fatto di dovere rimanere da soli, di notte, in un locale "pericoloso" li terrorizzava. Io, invece, non vedevo l'ora di servire la patria in quel modo: appena me lo proposero, accettai molto volentieri. A parte i documenti segreti, nel locale si potevano trovare giornali, pubblicazioni dell'esercito, elenchi telefonici, da poter consultare liberamente, ed io, che non avrei voluto prestare il servizio militare, per una quindicina di giorni mi sollazzai a stare lì bello comodo, a leggere (prendendo spesso anche appunti) quello che mi capitava per le mani e a dormire tranquillamente (tanto avevo intuito che episodi spiacevoli non sarebbero mai accaduti...) : mi illudevo quasi di essere tornato a qualche mese addietro, a quella vita da studente universitario che tanto mi era stata congeniale.

Una volta, per dire la verità, sentii dei rumori sospetti, ma qualche superiore venne ad avvertirmi che non mi dovevo preoccupare, né tanto meno suonare il campanello: era il 1974, e seppi poi che quella notte era venuto in segreto, in quella particolare caserma, un importantissimo ministro di allora, per concordare con i generali lì presenti un piano atto a sventare un golpe che in quel periodo sembrava essere piuttosto probabile.

Ci rimasi male quando, dopo una quindicina di giorni, quel mio servizio alla "Cassa" finì, e non riuscii a capire le difficoltà che i tenenti incontravano per convincere un altro soldato ad entrarvi.

La claustrofilia (anche se la psicoanalisi la interpreta come un disturbo, come un insano desiderio di volere ritornare nel grembo materno, addirittura a volte come sintomo di una nevrosi ossessiva) è stata da me considerata sempre come un fatto normale. Non ho mai avuto paura degli ascensori e dei tunnel (almeno di quelli non troppo lunghi), ho abitato con disinvoltura in case piccole ed ho posseduto con piacere automobili utilitarie (non la vecchia " 500 " però, davvero troppo scomoda...)

Grandi scrittori furono, del resto, in qualche modo affini alla claustrofilia: Marcel Proust che scrisse sì un enorme romanzo ricco più di intere esistenze umane, ma rinchiuso nella sua famosa stanza tappezzata di sugheri; James Joyce che condensò le tante "avventure" del suo "Ulisse", Leopold Bloom, nell'arco di una sola giornata; il non tanto conosciuto (almeno in Italia) Georges Perec che, in un romanzo di quasi mille pagine, si occupò esclusivamente di tutto ciò che era successo, negli ultimi cento anni, ai trenta appartamenti, ed ai loro mutati abitanti, di un unico immobile parigino...

Credo che un uomo cui piace pensare abbia bisogno, ogni tanto, di rintanarsi in qualche spazio angusto, in cui i suoi pensieri non hanno possibilità di distrazioni, non corrono il rischio di fuggire, di volare nell'aria aperta, chissà dove, senza tornare mai più da chi li ha generati.


Antonio Terracciano 01/11/2015 15:34 1 282

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Antonio TerraccianoPrecedente di Antonio Terracciano

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«L'ultima parte racchiude il senso vero della vita: tutti avrebbero bisogno di "tempo". Prendiamone un po' anche per annoiarci, a volte, non è mai perduto. Durante le pause si rielabora e si migliora se stessi e gli altri. Condivisa l'idea e il racconto»
Libera Mastropaolo

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Antonio Terracciano:
Antonio Terracciano
 I suoi 72 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Originale discorso di un cittadino illuminato (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La parabola (03/11/2017)

Una proposta:
 
La parabola (03/11/2017)

Il racconto più letto:
 
La moglie, l'amante e la prostituta (Tre lingue) (08/03/2011, 1598 letture)


 Le poesie di Antonio Terracciano

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it