4854 visitatori in 24 ore
 264 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4854

264 persone sono online
Autori online: 15
Lettori online: 249
Poesie pubblicate: 319’502
Autori attivi: 7’367

Gli ultimi 5 iscritti: Ahmaar - Sad Swan - marcoantonio - canova marco - Acronite
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereMaria Assunta Maglio Messaggio privato ♦ Domenico Nenna Messaggio privato ♦ Luca Falangone Messaggio privatoClub ScrivereElena Poldan Messaggio privato ♦ Patrizia Chini Messaggio privato ♦ Palma V Messaggio privato ♦ sergio garbellini Messaggio privatoClub ScrivereDonato Leo Messaggio privatoClub ScriverePinotota Messaggio privatoClub Scriverepoeta per te zaza Messaggio privatoClub Scrivererob ponzani Messaggio privatoClub Scrivereanna di principe Messaggio privato ♦ Vincenzo Liguori Messaggio privato ♦ emiliapoesie39 Messaggio privatoClub Scriverecarla composto Messaggio privato
Vi sono online 6 membri del Comitato di lettura









Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Sessanta secondi

Sociale e Cronaca

“ Adrian, sveglia sono le 5! Non hai sentito il suono dell’ adunata? Sveglia! ”.

“ Ho sentito, ho sentito, cosa cazzo ti strilli! Adesso arrivo, dammi il tempo di uscire da questa maledetta tenda!”.

Non potevano assolutamente mancare all’ adunata, nessuno ritardava mai di un minuto, nessuno. Era troppa la paura, troppa. Nessuno avrebbe mai potuto ritardare per niente al mondo. Era troppo importante che tutto funzionasse per il meglio, che tutti imparassero cosa dovevano fare, che tutti capissero la loro parte.

Ma tanto ad Adrian e Ionut non importava nulla. Rispetto a quello che avevano passato durante la loro precedente vita, se così si può chiamare, quello che stavano vivendo, quello che erano nati per vivere era finalmente ordine, finalmente uno scopo, era il solo fulcro della loro esistenza.

Erano dei soldati al servizio del re e obbedire ed addestrarsi erano le uniche cose che gli si chiedeva, la distanza fra la vita e la morte.

Non c’ erano più umiliazioni, violenze, pianti, rabbia nella loro vita. Niente più poteva ferirli, scalfirli, sfiorarli.

Neanche i loro genitori, neanche il ricordo dei loro genitori.

Dovevano solo credere, obbedire, addestrarsi e infine eseguire l’ azione.

Adrian era bravo con le armi, non aveva paura di niente, sapeva usare pistole, fucili, machete, coltelli e asce. Lui era stato addestrato come “ pistolero”. Ionut era il fratello maggiore, era saggio, era piccolo veloce e scaltro, lui era un “ raccoglitore”. “ Tutti siete ugualmente importanti, tutti dovete combattere la stessa guerra e vincerla” diceva il re.

“ Ionut, fratello, da quando tempo oramai stiamo in questi boschi? I giorni sono tutti uguali, quanto tempo è passato?”.

“ Manca poco ormai Adrian, manca poco. Non fare cazzate, continua così e vedrai che fra pochi giorni partiremo. Mi hanno raccontato che ti vengono a prendere con un pullman e ti portano in delle città bellissime in tutta europa, tre giorni, esegui l’ azione e torni a casa. E poi sì che ci divertiremo, come non abbiamo fatto mai! Manca poco ormai, resta concentrato, tranquillo, sei bravo, sono fiero di te, fratellino”.

Ionut aveva sempre dovuto proteggerlo da sè stesso, ma ormai il fratello era cresciuto, aveva 17 anni, aveva un ruolo, una missione, uno scopo, una direzione. Doveva solo rispettare le regole, come lui e gli altri sei del commando, solo rispettare le regole, essere duri come un iceberg, veloci come una tempesta e rispettare le regole.

“ Niente alcol, niente donne, niente telefonini, niente internet, dovete essere dei fantasmi, dovete dormire in tenda in luoghi isolati, non dovete parlare con nessuno, neanche fra di voi, non dovete dire i vostri veri nomi, se succede qualcosa nessuno tradisca, altrimenti lo sapremo e lo troveremo. Dovunque”, il re ripeteva ossessivamente le sue regole, erano tutti ragazzi, dovevano solo seguire le regole che lui imponeva e tutto sarebbe andato bene. Dovevano solo avere paura di lui, temerlo ed adorarlo, lui aveva dato loro uno scopo e loro non lo avrebbero tradito, mai.

“ Abbiamo solo sessanta secondi, Ionut, sessanta. Io rompo, spacco, spavento e tu prendi tutto quello che c’è e gli altri faranno lo stesso, solo sessanta secondi e poi tutti fuori, sessanta secondi”.

Sessanta secondi possono essere tantissimi e non finire mai, e poi la fuga, il pullman, il ritorno a casa in Romania, nei boschi al confine con l’ Ucraina ad addestrare i nuovi soldati, a dividere la refurtiva. Ionut voleva comprarsi una Dacia per portarci le ragazze, a 20 anni voleva una macchina per essere libero.

Adrian voleva volare. Avrebbe imparato a guidare un deltaplano, era tutta la vita che voleva volare via.

Sessanta secondi, arrivarono a Milano a via Montenapoleone, sessanta secondi, tutto andava secondo il piano, Marian entrò travestito da donna, sessanta secondi, loro dietro come dei demoni urlando, spaccando spaventando, sessanta secondi, Ionut raccoglieva gli orologi, Adrian distruggeva vetrine, sessanta secondi, urlavano tutti. Sessanta secondi e poi tutto cessò.

Li presero tutti, anche il re.


DaviD 27/11/2015 09:54 344

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di DaviDPrecedente di DaviD

Nota dell'autore:
«La Polizia di Stato, in meno di un anno di indagini, ha individuato tutti i responsabili della rapina all’orologeria «Pisa» di via Verri angolo via Monte Napoleone, commessa l’1 dicembre 2014 a Milano. Otto banditi travisati, armati di pistole, asce e machete, avevano fatto irruzione nell’esercizio, in pieno Quadrilatero della moda, dopo che uno di loro si era travestito da donna per farsi aprire dai commessi.»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di DaviD:
DaviD
 I suoi 5 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
17_12_99 Un Venerdì di fine millennio (08/10/2015)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Night and day (06/12/2015)

Il racconto più letto:
 
Night and day (06/12/2015, 644 letture)


 Le poesie di DaviD

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it