4525 visitatori in 24 ore
 250 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4525

250 persone sono online
Autori online: 15
Lettori online: 235
Poesie pubblicate: 322’754
Autori attivi: 7’360

Gli ultimi 5 iscritti: Giovanna Pivotti - acquaflora - sabrina russo - Iacopone - SabrinaPfeil
Chi c'è nel sito:
Club Scriverecarla composto Messaggio privato ♦ massimo turbi Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Monopoli Messaggio privato ♦ Luigi Ederle Messaggio privato ♦ Eolo Messaggio privato ♦ andrea veccelli Messaggio privatoClub ScrivereRosy Marchettini Messaggio privato ♦ Stefano Canino Messaggio privato ♦ Edoardo Iosimi Messaggio privato ♦ pompeo conte Messaggio privatoClub ScrivereSilvana Poccioni Messaggio privato ♦ Massimo Imperato Messaggio privatoClub Scriverepoeta per te zaza Messaggio privatoClub ScrivereGiuseppe Vullo Messaggio privato ♦ RossellaP Messaggio privato
Vi sono online 8 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Un addio sulle ali di una farfalla

Biografie e Diari

Tre erano i gatti che Luisa ospitava nella sua casa. Rappresentavano la cornice ad una vita ricostruita dopo la perdita del marito. Diversi per tonalità di pelo e per età accattivanti per simpatia.

Raccolti ognuno per strada in alternati momenti della vita della donna, ognuno salvato da una tragica fine precoce con uno slancio emotivo sottile e felice.

Li aveva svezzati sostituendosi con umiltà come madre, ed ora la compensavano con le loro feline tenerezze dalle quali si intuiva quanto dipendessero da lei. Dori e Pica erano gattine ancora giovani, una bianca con una macchia marrone sulla schiena e l'altra tutta nera, Zeno era il primo arrivato e di anni ormai ne aveva parecchi,

Fulvo e con due occhi verdi, incantava ancora veramente! Questo gatto a Luisa dava sempre una gioia chiara e crescente e alla sera soleva sedersi in poltrona con esso in grembo. Avveniva allora che iniziasse tra loro due un dialogo nell'unico modo possibile, Zeno soffondeva fusa per tutto il tempo che lei lo tratteneva.

E proprio fra quelle fusa, tenendo gli occhi chiusi, Luisa intrecciava attimi passati assieme rivedendo suo marito, abbracciandolo col pensiero. Ah, se quel gatto avesse potuto parlare, lei pensava respirando a fondo, perchè le pareva di sentire il peso di quel ricordo, rimanendo tuttavia illuminata da una luce interiore piena.

Dori e Pica, invece, seppur affettuose, erano ancora in quella fase nella quale i felini antepongono il gioco a tutto ribadendo continuamente la poca voglia di accettare imposizioni altrui. Purtroppo una sera di fine Estate presentò a Luisa la realtà della sorte. Al suo rientro, nell'aprire l'uscio di casa, non venne accolta dai suoi gatti, ma si sorprese di udire un lento miagolio provenire dal salotto. Cautamente mosse passi leggeri pervasa da una inquieta curiosità. Ciò che vide la lasciò in un dilatato sgomento, impreparata ad un dolore sconosciuto. Sul tappeto a terra giaceva steso Zeno immobile, Un leggero movimento del pelo sul fianco, dava ad intendere che il suo respiro fosse assai flebile. Posate composte accanto, Dori e Pica, di tanto in tanto, ora l'una ora l'altra avvicinavano il loro musetto a quello del loro compagno, emettendo nel contempo uno strano miagolio. Regnava una strana tristezza in quella stanza e Luisa ne fù subito contagiata, Lacrime silenziose le colarono sul volto, sentendo il proprio respiro un ansito. Inginocchiatasi accanto al gatto morente, lo implorò con il cuore di non lasciarla in un tumulto pazzo di sofferenza. Pensava di come avesse sempre allontanato dalla mente l'eventualità della fine dell'amato gatto. L'orologio appeso al muro battè le 20, 00 e mentre la mano di Luisa delicata scorreva sopra la testolina dagli occhi ormai chiusi di Zeno, notò un bagliore alla finestra aperta, il sole gonfio del suo rosso scendeva lento lasciando spazio ad un mosaico di sfumature arancioni. Fuori gli echi della vita che continuavano, là una veglia strana e sofferta. Come si mostrava doloroso separarsi da quella bestiola! Come apparivano strane Dori e Pica, guardavano la padrona e poi il gatto steso a terra. Nell'aria sembrava stabilirsi come una strana intesa fra loro, A quel punto Luisa ebbe la consapevolezza di un suo pensiero fisso. Gli animali provavano sentimenti di gioia e di dolore, naturalmente lo dimostravano nella maniera in cui Madre Natura li aveva dotati. E solo in quel momento capì di vedere veramente per la prima volta. Le sembrò di essere meno sola mentre quell'intenso strazio si andava lentamente dissipando. Senza quel groviglio di emozioni si sentiva capace di accettare la fine dell'animale. E poi, successe un fatto incredibile. Nell'attimo in cui Zeno smise di respirare, dalla finestra aperta, si presentò lieve un sospiro di vento caldo, e con esso entrò una farfalla colorata. Si mosse leggera ora in alto, ora in basso, fino a posarsi sul capo del gatto, quasi a perdersi, per poi rialzarsi chiudendo le ali e riaprendole con un volo fragile, mesto ma sincero . Poi dopo un secondo di esitazione uscì dalla medesima finestra. Luisa osservò quella scena con un sottile batticuore, anche le gattine rimasero stranamente ferme, come stupite. Così lei si sentì certa di poter immaginare che quella farfalla si fosse portata con sé l'anima del suo Zeno. Ovunque, sui prati in fiore, lo avrebbe figurato lieto a rincorrere bianche nuvole e di notte nel cielo immenso accoccolato sulla stella più luminosa.

,


rita iacobone 22/01/2016 17:34 279

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di rita iacobonePrecedente di rita iacobone

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di rita iacobone:
rita iacobone
 I suoi 28 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
La Morte beffarda (26/10/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Due nomi, un cane (22/10/2017)

Una proposta:
 
Due nomi, un cane (22/10/2017)

Il racconto più letto:
 
Gavino (24/03/2014, 20522 letture)


 Le poesie di rita iacobone

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it