4511 visitatori in 24 ore
 191 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4511

191 persone sono online
1 autore online
Lettori online: 190
Poesie pubblicate: 322’741
Autori attivi: 7’360

Gli ultimi 5 iscritti: Giovanna Pivotti - acquaflora - sabrina russo - Iacopone - SabrinaPfeil
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereMau0358 Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura







Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info
Questa è un racconto erotico: se può turbare la tua sensibilita o se non hai più di 18 anni dovresti evitare di leggerlo.

Il fondoschiena da favola

Erotismo e per adulti

Dall’età di sedici anni, Giuliana era stata molto desiderata dagli uomini.

Molti maschi, e anche qualche donna a dire il vero, le ronzavano attorno come mosche. Dovunque lei andasse, durante tutto l’arco della giornata, c’era sempre qualcuno che ci provava e le faceva qualche proposta oscena.

La fonte del suo successo era legato al suo fondoschiena.

Il suo sedere, avvolto sapientemente in un paio di jeans strettissimi, era così ben fatto che la chiamavano affettuosamente «Ciabelcul».

Un nomignolo che poteva essere simpatico, ma che non rendeva omaggio alla sua squisita intelligenza e alla sua straordinaria sensibilità.

Era diventata, malgrado lei, l’oggetto oscuro del desiderio di molti uomini.

Giuliana riusciva a convivere con il fatto che molte persone fossero attratte irresistibilmente dal suo fondoschiena e non dalla sua personalità.

Era una donna monogama, senza grilli per la testa.

Studentessa di Scienze Politiche all’Università di Roma, Giuliana s’innamorò perdutamente di Francesco, un aspirante pittore di nature morte, con il quale conviveva da alcuni anni, in perfetta simbiosi.

Tutti gli amici di Giuliana lo guardano con invidia perché per loro era letteralmente l’unto del Signore, l’unico uomo che avesse conquistato il suo cuore.

Fu durante il funerale di Enrico Berlinguer che avvenne un fatto incredibile: un amico di nome Michele, uno studente fuori- corso che l’aveva gentilmente accompagnata, le toccò il culo, durante le onoranze funebri del leader carismatico comunista.

La cosa le diede molto fastidio e la raccontò a Francesco, il quale cercò di ridimensionare l’accaduto per non drammatizzare l’episodio.

Qualche amico più intimo del pittore gli chiedeva in continuazione quale strategia avesse attuato per meritarsi una donna così seducente.

Francesco sorrideva divertito alla sottile provocazione, perché era stato proprio quel sorriso sornione a conquistare la bella Giuliana.

Fu durante il periodo verde- oliva di Francesco che Michele cominciò a ossessionare Giuliana con un corteggiamento assillante.

Francesco, che stava attraversando un brutto periodo dovuto al servizio militare, sottovalutò la situazione.

Michele cominciò a seguirla dappertutto, anche quando si recava all’università o in biblioteca. L’aspettava ostinatamente all’uscita dei corsi per riaccompagnarla alla Casa dello Studente.

Le mancava soltanto la stesura della tesi di laurea, quando accadde la cosa più terribile che potesse capitare a una donna.

Giuliana stava rientrando a casa, dopo una giornata di studio in biblioteca, quando si accorse che Michele la stava aspettando, dietro la porta.

Probabilmente, aveva sottratto la chiave della stanza dalla sua borsetta e l’aveva duplicata, senza che Giuliana se ne rendesse neanche conto.

L’aggressione si svolse in pochi minuti e fu di una violenza inaudita.

L’uomo la spoglio con irruenza, la trascinò sul letto, le tappò la bocca con un fazzoletto, le strappò le mutandine e, con un impeto disumano, la violentò ripetutamente.

Giuliana cercò in ogni modo di sottrarsi alla violenza carnale, ma la veemenza di Michele era così smisurata che fece finta di essere svenuta per non dare all’uomo la soddisfazione di vederla piangere per il dolore.

Dopo varie ore d’inaudita violenza, Michele la legò sul letto e abusò di lei per tre giorni, dopodiché fuggì via, lasciandola in una pozza di sangue.

Nonostante le corde che la legassero al letto, Giuliana riuscì a liberarsi e a dare l’allarme.

Qualche giorno dopo, i Carabinieri ritrovarono la macchina di Michele bruciata e il suo corpo carbonizzato.

Francesco chiese e ottenne una licenza di quarantotto ore.

Si precipitò all’ospedale, dove Giuliana era stata ricoverata d’urgenza con prognosi riservata.

Due mesi più tardi, Giuliana si accorse di essere rimasta incinta.

Francesco e Giuliana si sposarono, vissero felici e contenti, ma non dissero mai a nessuno che Filippo fosse il figlio naturale di Filippo, l’uomo che aveva stuprato Giuliana.





Sergio Melchiorre 26/03/2016 14:17 5372

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Sergio MelchiorrePrecedente di Sergio Melchiorre

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Sergio Melchiorre ha pubblicato in:

Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieFesta delle Donne 2010
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 107 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Sergio Melchiorre:
Sergio Melchiorre
 I suoi 88 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Gina non ha più lacrime per piangere (07/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La moglie del sindaco (23/08/2017)

Una proposta:
 
La verità nascosta (07/07/2017)

Il racconto più letto:
 
La stanza del peccato (03/08/2013, 43775 letture)


 Le poesie di Sergio Melchiorre

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it