4605 visitatori in 24 ore
 193 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4605

193 persone sono online
Autori online: 13
Lettori online: 180
Poesie pubblicate: 319’263
Autori attivi: 7’372

Gli ultimi 5 iscritti: Cercatore di conchiglie - marcoantonio - canova marco - Acronite - Cristina79
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereGiuseppe Fulco Messaggio privatoClub ScrivereNunzio Buono Messaggio privato ♦ cate lenta Messaggio privato ♦ vittorio pochini Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privatoClub Scriverepoeta per te zaza Messaggio privatoClub ScriverePeppe Cassese Messaggio privatoClub Scriverecarla composto Messaggio privato ♦ adrianab Messaggio privatoClub ScrivereRiccardo Ruschetti Messaggio privato ♦ Antonio Terracciano Messaggio privato ♦ Emilia Otello Messaggio privato ♦ Stefana Pieretti Messaggio privato
Vi sono online 3 membri del Comitato di lettura









Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Le vie di mezzo

Sociale e Cronaca

Sono di una cittadina a quindici chilometri da Napoli, cittadina nella quale ho (quasi) sempre abitato. Dal lato paterno sono un napoletano di provincia (ben diverso da quello di città; un solo esempio: il provinciale è tendenzialmente risparmiatore, il cittadino spendaccione) almeno da, come suol dirsi, sette generazioni, mentre da quello materno sono marchigiano, di Pesaro (anche se non in modo purissimo: mia madre aveva un nonno della Toscana interna, e una nonna di Arsoli, l'ultimo paese della provincia di Roma prima dell'inizio dell'Abruzzo) . Penso che queste mie variegate origini abbiano contribuito a farmi sentire sempre un po' un estraneo nella mia cittadina, ancor più a Napoli, e pure, quando ci sono talvolta andato, nella città di mia madre.

Ho qualche volta allora fantasticato che il mio luogo ideale potrebbe essere quello posto in mezzo ai due centri abitati dai miei progenitori. Da giovane, con l'aiuto di un atlante, scoprii che a metà strada tra il Napoletano e Pesaro c'è il Gran Sasso, in Abruzzo, a cavallo delle province dell'Aquila e di Teramo.

Conosco poco e male quella zona, ma posso dire, ad esempio, che il relatore della mia tesi di laurea (con il quale andavo molto d'accordo) era nato all'Aquila, che c'è un'amica di famiglia più attempata di me, di Giulianova, con la quale ho un'ottima intesa in quelle rare occasioni in cui la vedo, o che da giovane mi invaghii alquanto delle idee politiche del teramano Giacinto Pannella, detto "Marco" (lo votavo volentieri quando proponeva la modernizzazione della società italiana, il divorzio, l'aborto, la legalizzazione delle droghe leggere, salvo poi abbandonarlo quando cominciò a digiunare per questioni di cavilli legislativi che poco potevano interessare il comune cittadino), oppure ancora che una volta, trovandomi a Rieti (città che si vanta, a ragione, di essere l'esatto centro geografico dell'Italia, e che non è molto distante dal Gran Sasso), ebbi la sensazione del dé jà vu, cosa che rarissimamente mi è capitata nella vita: erano gli anni Ottanta, e il veder passeggiare di sera, in una delle vie principali di quella piccola città, intere famigliole, con genitori, nonni e nipotini, in un'atmosfera di (almeno apparente) serenità, mi riportò indietro nel tempo, rendendo forse ancora più belli i ricordi di quando io, da bambino, facevo talvolta passeggiate simili con i miei parenti. (A volte non occorre fare neppure metà strada, ma solo un terzo, per avere l'impressione di trovarsi già, in un certo senso, dall'altra parte. Agnone, ancora in Molise ma confinante con l'Abruzzo, mi fece ricordare la mia nonna pesarese mediante una parola. In un agriturismo il proprietario del locale si rivolse a un avventore che si stava addormentando sul tavolo, e con il quale evidentemente era in confidenza, con la frase: "Ch'è, te shta a pijà 'm bo' de ciafagna? "; mia nonna, in occasioni simili, diceva: "Co' t'a pijè d, la ciafagna? ")

Del resto le città stesse (alle quali siamo portati ad attribuire, di primo acchito, un carattere unico) non sono forse sempre una via di mezzo tra quello che c'è, più o meno simmetricamente, a est e a ovest, o a nord e a sud, di esse? Lo scrittore francese J . N . Schifano, nel suo libro "Sous le soleil de Naples", scorgeva, a ragione, un "visage greco- ibé rique" nella capitale del Mezzogiorno. E Torino, che si trova più o meno a metà strada di una retta di circa mille chilometri che congiunge Roma a Parigi in linea d'aria, non è italo- francese? Trieste, a metà della retta Roma- Vienna di circa ottocento chilometri, non è italo- austriaca? E si potrebbe continuare...

Ritornando alle persone, quelle, come me, che hanno (o avrebbero) bisogno di una via di mezzo si trovano davanti a uno svantaggio e a un vantaggio: lo svantaggio è quello di non potere mai godere pienamente delle tradizioni di un determinato posto, perché c'è una metà di loro che le rifiuta (per fare un esempio banale, io amo molto gli spaghetti, ma sono poco attratto dalla pizza), ed il vantaggio è forse quello di saper recepire con minori difficoltà le ragioni e le idee degli altri, di sapersi mettere, come Montesquieu nel Settecento nelle "Lettres persanes", abbastanza agevolmente nei panni di qualche "moderno persiano" .

Le vie di mezzo non sono facili da trovare e non sono agevoli da percorrere, ma vale la pena cercarle, nella speranza di un miglioramento dei rapporti tra persone diverse.


Antonio Terracciano 13/04/2016 00:33 1 285

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Antonio TerraccianoPrecedente di Antonio Terracciano

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Probabilmente l'umanità è nella maggior parte nelle vie di mezzo. Io sono di origini abruzzesi, emigrato in Venezuela per sette anni e infine approdato a Roma. L'esperienza di una vita mi ha insegnato però che questa condizione non migliora i rapporti interpersonali. La verità è che nessun melting pot ha mai avuto successo. Basta guardare gli USA dove le varie etnie, ormai da secoli, sono ancora essenzialmente separate e gerarchizzate con grandi frizioni sociali che spesso sfociano nella violenza.»
Angelo Ricotta

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Antonio Terracciano:
Antonio Terracciano
 I suoi 70 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Originale discorso di un cittadino illuminato (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Via Sant'Anna di Palazzo (28/06/2017)

Una proposta:
 
Via Sant'Anna di Palazzo (28/06/2017)

Il racconto più letto:
 
La moglie, l'amante e la prostituta (Tre lingue) (08/03/2011, 1527 letture)


 Le poesie di Antonio Terracciano

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it