3365 visitatori in 24 ore
 215 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3365

215 persone sono online
Autori online: 4
Lettori online: 211
Poesie pubblicate: 344’509
Autori attivi: 7’486

Gli ultimi 5 iscritti: Alexakits - Annacow - BrucePralk - Tedesco Vito - Kevinbrery
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereMichelangelo La Rocca Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privatoClub ScrivereClaretta Frau Messaggio privatoClub ScrivereAugusto Cervo Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Pane e prosciutto

Biografie e Diari

Mangiavo o meglio muovevo la bocca e inghiottivo qualcosa.

Troppo deluso, amareggiato, incazzato e non del tutto presente.
Inutile provare a capire che diavolo fosse.
C’ era del pane e del prosciutto, se cotto o crudo non lo so.
Davanti a me una bottiglia di acqua frizzante e un bicchiere di vino. Qualche briciola galleggiante.
Il cellulare bloccato sul quel messaggio " E' finita non cercarmi più ".
La stronza non ha avuto il coraggio di dirmelo in faccia.
Una storia nasce, si evolve, cresce e magari finisce, ma nell’ arco di poco meno otto ore passare da amore a odio, da "stringirmi forte a mi dai noia", da "non mi lasciare sola a scompari dalla mia vita".....alla faccia del disturbo bipolare.
Ho perso il conto delle madonne, dei cristi e dei fazzoletti appallottolati.
Occhi gonfi e stomaco dolorante, come se avessi affrontato un pugile professionista incazzato con Equitalia. Messo all’angolo e colpito senza remore.
Mi sarò chiesto fino allo sfinimento dove ho sbagliato.
Ero presente, affettuoso e premuroso. Quasi al limite delle mie facoltà mai avute di veggenza, ma evidentemente non le bastava.
Un cambio così repentino, una finta tipo guizzo da attaccante in area di rigore, mentre il portiere è andato a raccogliere margherite.
“ So una sega “. " Avrò seccato le scorte di lacrime".
Ad onor del vero, mi si sono seccate pure le palle, a breve cadranno come foglie in autunno.
"Sarò stato troppo schietto e sincero? "
Ecco questa è la domanda a cui non trovo risposta.
Tutti che vogliono la verità, poi quando ne dici si indispongono, mettono il muso e si scazzano.
"Vaffanculo, si ".
Non son riuscito a fare un respiro decente da parecchi ticchettii di orologio.
Mi grattavo la barba, strizzavo gli occhi come se dovessi risolvere un'equazione.
“ Avrà trovato un altro uccello” forse fisicamente le ho fatto senso o magari è lei che è scema".
L’ unica colpa che posso avere è quella di averle aperto il mio cuore e lei ha ben pensato di calpestarlo.

Una vibrazione.
Il display si accese.

Il boccone amaro di pane e prosciutto si fermò a mezzo esofago togliendomi il respiro.
Attimi al vomito. Sudavo e tremavo.
Passai il pollice sullo schermo.
Lessi....
Socchiusi gli occhi, lasciai cadere lo smartphone sul tavolo.
Il cuore si mise a correre.
I muscoli diventarono di marmo.
Il tremore si fermò.
Ricordo il bicchiere che si ruppe, il cameriere che accorse, una spinta ed il tavolo che volava.
Un'altra spinta ed un calcio.
Del sangue sulle nocche.
La bestia che si sveglia, strappa le catene, inveisce, attacca, urla e sbava. Vuole vendetta.
Per troppo tempo è rimasta legata.
Adesso ha fame.
Un'altra spinta, un altro calcio.
Una fitta strana alla schiena. Fra le dita vetro e capelli.
Indomabile, non percepisce dolore, perentoria, non si ferma, devasta.
Una sirena. Botte e percosse.
Forse un pugno. Un manganello. Acciaio sui polsi.
La quiete di un sedile.
La testa dolente. " Non è colpa mia, ho solo avuto una brutta giornata "
Trovavo il modo di ironizzare, ma ero nella merda fino ad i miei orecchini.
La lucidità era lontana e la caserma molto vicina.
"Adesso che fare? chiedere scusa è d obbligo, ripagare i danni sperando di non incorrere in gatte da pelare, ma la vedo dura.
Promettere che non la farò più.
Dovevo calmarmi e rimettere le catene alla bestia. Pregare che il chaos calmo torni placido quanto prima. Invocare la pace e la serenità, trovare il silenzio, cercare un equilibrio e guardare avanti."
Avessi riletto il messaggio, appena uscito dalla questura, la bestia avrebbe preso nuovamente il sopravvento, ma non potevo, anche se mi sarebbe piaciuto, ma chissà......
"Sputtanarsi la vita per una donna non ne vale la pena", mi son già rovinato sei mesi, meglio lasciar perdere e guardare altrove.
Salivo i gradini spintonato dagli agenti.
Capissero per un istante, il dolore del tradimento forse sarebbero più indulgenti, ma è il loro lavoro.


Bio


Matteo Bio Matteucci 15/05/2016 16:07 537

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Matteo Bio MatteucciPrecedente di Matteo Bio Matteucci

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Matteo Bio Matteucci:
Matteo Bio Matteucci
 I suoi 134 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Scatole & ricordi (09/09/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Bouncer (04/10/2018)

Una proposta:
 
Mondi lontanissimi IV (29/04/2018)

Il racconto più letto:
 
Voglie (27/04/2016, 4353 letture)


Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2020 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it