4932 visitatori in 24 ore
 229 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4932

229 persone sono online
Autori online: 12
Lettori online: 217
Poesie pubblicate: 325’225
Autori attivi: 7’373

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
♦ fausto di pasquale Messaggio privato ♦ Desire Messaggio privato ♦ Patrizia Cosenza Messaggio privato ♦ Felice Serino Messaggio privatoClub ScrivereAntonio Biancolillo Messaggio privatoClub Scriverezani carlo Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privato ♦ Rosaria Catania Messaggio privato ♦ Paola Riccio Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privato ♦ Michele Serri Messaggio privatoClub ScrivereRita Stanzione Messaggio privato
Vi sono online 6 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

La leggenda del fantasma della casa della contessa di costa rei

Fantasy
Con voce che trema per l'antico sgomento, gli anziani la narrano con grande tormento. Non so dir se la storia sia vera, o un mito, leggenda o solo una favola nera. Si narra, in quel luogo, di una giovane donna venuta dal Nord. Bella, diafana, dannata, dal cuore ferito, dall'anima ansiosa, a cui nulla è servito quel posto incantato, baciato da Dio, se poi proprio lì il Fato ha voluto intersecarne la strada: povera donna, la Morte si prese suo figlio. Perduta la gioia più grande, negò sé stessa al mondo e alla vita. Né il cielo, né l'azzurra distesa del mare, neppure le fugaci carezze di avidi amanti, che al corpo, non all'anima greve, donano requie e piacere, nulla poterono per lenire il profondo il dolore che dal giorno funesto ammorbava il suo cuore. Sperduta, avvilita, fiaccata nell'anima, né il mondo dei morti, né quello dei vivi le offrirono asilo. Sospesa nel mondo di mezzo, nell'aere, fra il cielo e la terra, fatuo spettro, misera ombra di ciò che un tempo ella fu, neppure la bellezza poté donarle ristoro. Temuta da tutti, da tutti compianta. Più nulla a conforto di un cuore squarciato che pena, che s'agita e piange avvilito. Da allora, da dì della morte, tanto tempo è trascorso, e a distanza di anni non c'è stato rimedio alla triste sorte. Solo parole accorate, un monito oscuro che brucia speranze: "La Vita, mia dolce, triste signora, che vaghi qual ombra nell'ombra fra pallidi spettri notturni, che riempi di gemiti e lacrime il tuo lugubre vuoto, ricolmo soltanto di rabbia e silenzi, è una lasciva matrona, che offre perenni promesse di gioia, di là da venire, il cui tempo è sempre incompiuto, che si accendono qual lumi in un remoto orizzonte intravisto lontano e che mai si raggiunge. La gioia, mia fragile, tenera donna, non conosce il presente, è solo un ricordo che s'infigge nell'anima, oppure un miraggio futuro che ci si affanna a inseguire. E' una laida promessa che la Vita pian piano sussurra all'orecchio di povere genti: un qualcosa che fu, o che anche sarà, che si è perso per strada o che sognando insegui in affanno. E se un giorno, per caso e ventura, dovessi lambirne la flebile coda, la vedresti ben presto svanire al calore del sole. Mia dolce, negletta signora, né carne, né anima, sei aria e vento. Né fiumi, né monti, né muri, né porte potranno impedirci d'udire il tuo cuore battere forte, vederlo che lacrima sangue di desolato dolore, sentirlo pulsare accorato, poi piegarsi all'ingiuria di un Fato che volle rapire al tuo grembo la gioia più grande. Sei monito eterno d'immenso dolore, e noi uomini stanchi, in timore e tremore, comprendiam finalmente che siamo solo delle povere Animule, vagule, blandule."
Visechi 04/09/2016 20:37 511

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di VisechiPrecedente di Visechi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Visechi:
Visechi
 I suoi 11 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Le Janas (18/08/2016)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il mare, i porti e le barche (23/09/2016)

Una proposta:
 
Scandalo per i giudei, stoltezza per i pagani (20/09/2016)

Il racconto più letto:
 
La leggenda del fantasma della casa della contessa di costa rei (04/09/2016, 512 letture)


Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it