4830 visitatori in 24 ore
 268 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4830

268 persone sono online
Autori online: 12
Lettori online: 256
Poesie pubblicate: 322’472
Autori attivi: 7’358

Gli ultimi 5 iscritti: Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini - Marco Miserini
Chi c'è nel sito:
♦ Michelap91 Messaggio privato ♦ Alma Gjini Messaggio privatoClub ScrivereRosetta Sacchi Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privatoClub ScrivereLuciano Capaldo Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Licata Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privatoClub ScrivereMarial Messaggio privatoClub ScrivereMirella Santoniccolo Mairim14 Messaggio privato ♦ mario Messaggio privatoClub ScrivereParide Giangiacomi Messaggio privatoClub Scriverepiera tola Messaggio privato
Vi sono online 7 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

White night

Biografie e Diari

Il sonno aveva lasciato definitavamente questo corpo come il grasso sul fisico di un anoressico.
Sono un demente non dovrei ironizzare su una condizione psicologica cosi grave, però sul momento, mi girano troppo le palle per non diventare cattivo e cadere preda della mia stupidità.

Motivo? Mi hanno usato come un fazzoletto di carta.
Avevo già annusato qualcosa ed avevo tirato i remi in barca, ma arrivati alla resa dei conti, non è servito a un granchè.
Son stati giorni pesanti e non del tutto chiari.
Durante una cena a base di pizza fredda, venne fuori il patratac.
Interessante vedere il tavolo da pranzo urtare il lampadario, con i bicchieri che si sbriciolavano sul muro, i piatti volare come coriandoli.
Fu molto appagante vedere l'ira, senza scrupoli, esplodere sull'arredamento mentre la mia futura ex, mi supplicava di stare calmo.

Ero furibondo.

Fu meno interessante sentire il pugno a tradimento del suo attuale amante sulla faccia, con quel sapore ferroso di sangue, che dopo una settimana mi venne a cercare per chiedere spiegazioni.
Lo presi a ridere, esortandolo a girare alla larga.
Non era il caso e volevo buttarmela alle spalle il prima possibile.
Fui gentile, non servì.
Ricordo bene il suo anello d'oro spaccarmi il labbro, il dolore sordo, quella strana sensazione di stordimento mista al gesto vile. Le mie mani sul suo collo.
Sento ancora il cuore che galoppa, nei suoi occhi il terrore.
Attimi concitati e denti rotti. Ora mi tocca pagargli il dentista.
Cornuto e mazziato.
Ho fissato il soffitto cosi a lungo che potrei contare le crepe ad occhi chiusi.
Il gatto se la sta dormedo di gran carriera, senza curarsi di nulla. Beato lui.
La città riposa, anche se qualcuno sveglio ci sarà.
Qualche puttana o travestito sul viale, diversi ubriachi e o madri in veglia sul bambino.
Qualche altro bischero che come me, passa la notte insonne a rimuginare su un passato che torna inesorabile a bussare alla porta.
Inutile stare in casa, tanto ormai chi dorme più?

Esco.
Fa abbastanza freddo, ma è piacevole.
L’ aria è pulita, anche se alle volte dal porto arrivano miasmi di nafta e gasolio.
Dopo quattro mesi di calura, il mio fisico e la mia mente hanno bisogno di refrigerio.
Avendo una cervicale birbante ed imprevedibile, meglio metta la sciarpa ed il cappuccio o pioveranno madonne.
Per la strada solo io.

Semafori lampeggianti, un paio di tossici, il chiarore delle tv da qualche finestra, una sirena in lontanza. Qualcuno sta pure scopando in auto, beati loro.

Abbassai il finestrino per far prendere aria ai pensieri. Mi accesi una Camel e mentre il cd di musica girava nel lettore, mi cantai tutta la canzone steccando come un usignolo fioco.

Stava cadendo la guazza, le macchine di notte sembrano tutte uguali.
Ho fame? No, nemmeno sete.

Oddio, se mi offrono una coca con ghiaccio, di certo non rifiuto.
Son passate da poco le cinque ed a giudicare da quello che promette il cielo, pioverà.
Poco male.
Mi chiuderò in casa, musica a palla, Pony Pizza o due fili di pasta. Comodo a gustarmi la quiete, senza troppe rotture di palle.
Ora ho bisogno di calma, di serenità, devo ritrovare la pazienza o stavolta faccio danno.
Due giorni fa, mi mandò un trillo, non risposi. Seguì un messaggio, lessi solo poche parole: "Scusa, mi dispiace" e qualche altra puttanata.
Vuole avere la coscienza a posto? Vuole avere il perdono? Ghiaccerà l'inferno prima che lo riceva.
Potrei scusarla, in fin dei conti non sapeva che cazzo volesse, ma con i sentimenti non ci si scherza.

Son cose serie e bisogna avere le idee chiare, altrimenti meglio collezionare francobolli o lattine vuote di birra.

Non si gioca con il cuore altrui.

Ci vorrebbe meno freddezza e più coraggio, più volontà e meno scuse.
Presi la via del mare per vedere se la marea saliva. Il meteo aveva dato venti di rinforzo e mari molto mossi. Che bello.

Sarei uscito con la tavola, se le onde fossero state ottimali.
Imboccai il viale Italia verso Antignano.
Ogni tanto incrociavo una macchina, ma ero solo con i miei pensieri e qualche dubbio.
Accostai vicino al Maverick, in lontananza il Castel Boccale con le luci del Romito.
Eccezionale.
Mi agganciai il giubbotto, chiusi gli occhi un solo istante....mi sentivo rinato.
" La verità, caro Bio, è che non gli fregava un cazzo di te. Abbiamo perso entrambi: tempo, fiato e soldi. Era meglio se alla prima, le davo un calcio nel sedere. Mi sarei risparmiato un labbro rotto, un conto salato del dentista, lo stomaco dolente ed il cuore a brandelli, ma con il senno di poi......ma sì, chi se ne frega, affari suoi”.
Detti una schicchera alla sigaretta ormai spenta, fottendomene della civiltà.
Rimontai in auto con un altro spirito, più leggero, forse.
Le lucine del quadro davano conforto.

Passerà, fa male, ma passerà.

Ingranai la prima e giù il pedale.
L'alba mi dette il buongiorno appena prima di Montenero. Una pioggia leggera bagnava l'orizzonte ed un lampo illuminava il cielo.


Matteo Bio Matteucci 24/09/2016 04:35 230

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Matteo Bio MatteucciPrecedente di Matteo Bio Matteucci

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Matteo Bio Matteucci:
Matteo Bio Matteucci
 I suoi 114 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Scatole & ricordi (09/09/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Fottesega IV parte (16/10/2017)

Una proposta:
 
Fottesega IV parte (16/10/2017)

Il racconto più letto:
 
Voglie (27/04/2016, 2833 letture)


 Le poesie di Matteo Bio Matteucci

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it