4946 visitatori in 24 ore
 232 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4946

232 persone sono online
Autori online: 7
Lettori online: 225
Poesie pubblicate: 322’491
Autori attivi: 7’358

Gli ultimi 5 iscritti: Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini - Marco Miserini
Chi c'è nel sito:
♦ Rossi Alessio Messaggio privato ♦ Gerardo Cianfarani Messaggio privato ♦ fausto di pasquale Messaggio privatoClub Scriverezani carlo Messaggio privatoClub ScrivereNemesis Marina Perozzi Messaggio privatoClub ScriverePeppe Cassese Messaggio privatoClub ScrivereVito Marco Giuseppe Messaggio privato
Vi sono online 5 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

I 7 passi I parte

Biografie e Diari

Stavo accompagnando mio padre alla seduta di chemioterapia.
Avremmo preferito essere altrove, a pesca, a caccia, a donne, ma destino volle così.
Viaggiare con lui era indescrivibile.
Battute, barzellette, storielle di quando era giovane.
Le cazzate che fece e le situazioni più assurde.
Avrei potuto scriverci un libro.
Se era in forma si trasformava in un pilota di rally, quando era prostrato prendeva le sembianze del classico vecchio con il cappello.

Mascherava i sintomi come un degno attore di teatro, ma soffriva parecchio, ovvio.
La nostra famiglia si era sfasciata da tempo. Avevo una sorella che sentivo quotidianamente e che vedevo spesso. Nostra madre si dette alla macchia.
Io e mio padre, dopo aver scoperto la sua malattia, decidemmo di vivere sotto lo stesso tetto.
In caso di bisogno ero vicino, poi comunque non potevo lasciarlo solo.

Ricordo con dolore il viso segnato, quell'espressione incerta e dubbiosa. Quell’aria stanca, indomabile, ma sofferente. Alle volte quando mi guardo allo specchio la rivedo.

Certe mattine era difficile pensare positivo.
Avevamo il carattere molto simile e nonostate fosse una roccia, lo vedevo sgretolarsi giorno dopo giorno. Spesso non riusciva ad alzarsi dal letto, non poteva mangiare.

Non sapevo che fare. Accettare ed andare avanti, ma come si può?

La fine era prossima.

Impotente e senza fare nulla, la voglia di urlare e di spaccare tutto premeva per uscire. Persi il conto delle bestemmie che tirai.

Prima o poi dovrò fare ammenda, ma sarebbe intuile, ho smesso di credere tanto tempo fa.

Durante uno dei nostri ultimi viaggi, mi vide un po' distante, ma non chiese nulla. Io stavo zitto, non volevo dargli altri problemi.

All'andata guidava lui, non sentiva ragioni. Io prendevo posto accanto e mi gustavo il viaggio, sì un paio di palle.

Scherzavamo, si rideva e si finiva quasi sempre a parlare di cremazione.
Ci voleva cuore e coraggio, con una buona dose di forza d’ animo.

La strada era nostra. Lunghi viali costeggiati da pini. Primavera alle porte.
Mi accesi uno spinello, senza farci caso. Avevo la mente altrove e lo sguardo perso sulla linea di mezzeria.
" Ighe, ma cosa fai, non lo passi all’ala? " Mi disse con tono ironico.
"Papà, ma è uno spinello" risposi.
"Appunto no, passalo, cosa credi che il fumo mi faccia venire il cancro? ". Rimasi ghiacciato tipo iceberg.
"Ah ma che schifezza è, alla mia età si fumava meglio, altro che questa merda pressata. Voi giovani non sapete cosa sia la roba buona”.
Tornai in me e quasi con una punta di vergogna e curiosità dissi " ma non ti incazzi che fumi la droga? "
"Beh in altre circostanze ti avrei fatto passare dal finestrino, ma visto a che punto siamo, lasciamo stare". Accostò al margine della strada, vieni facciamo due passi.
Scesi.
“ Ormai ci siamo figlio mio, il tuo vecchio sta per tagliare il traguardo. Vorrei avere più tempo, starti vicino, ma non posso, non mi è concesso. Per queste ultime nostre gite all’ ospedale, voglio tu abbia dei ricordi piacevoli, anche se mi buttano in vena i peggio troiai. Metterti in croce perchè fumi gli spinelli pensi sia giusto? Cosa credi, che darti del coglione perchè ti fai del male serva? Hai quarant anni. Se con gli insegnamenti che hai avuto, che ti ho dato, le cose che hai visto, non sei capace di capire cosa va fatto e cosa no, fatti due domande e datti delle risposte. Vieni, fermiamoci qua un attimo, ti vedo stanco, riprendi fiato".

Era fantastico, riusciva a farmi sentire una nullità in sette passi. Non scoppiai a piangere perchè la sortita finale mi fece sorridere.
Ci sedemmo su un grosso tronco tagliato. Mi prese il braccio.
“ Oh Matteo è chiaro che ti senti perso, vorresti risposte, ti torneranno alla mente questi momenti. Dovrai fare i conti con il dolore che non passerà. Proverai a non pensarci, ma sarà sempre li in agguato. Andrai avanti, troverai la forza nelle piccole cose, quelle che ti hanno sempre aiutato. Il lavoro, la musica, la pesca, volendo le donne, se mai ne troverai una sana di mente che non sia uno scarto di manicomio. La lettura, il mare, tua sorella, anche se alle volte gioca a nascondino. Le cose positive della vita quelle che ti danno emozioni e non preoccupazioni. La mia dipartita vi avvicinerà ancora di più, anche perchè dovrete portarmi voi al campo santo, io da solo non ce la faccio".
E qui le lacrime scesero come un fiume in piena.
Tornammo alla macchina canticchiando canzoni goliardiche, ma avevo il morale sotto la suola delle mie scarpe da ginnastica.

Fine I parte


Matteo Bio Matteucci 26/09/2016 18:12 215

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Matteo Bio MatteucciPrecedente di Matteo Bio Matteucci

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Matteo Bio Matteucci:
Matteo Bio Matteucci
 I suoi 114 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Scatole & ricordi (09/09/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Fottesega IV parte (16/10/2017)

Una proposta:
 
Fottesega IV parte (16/10/2017)

Il racconto più letto:
 
Voglie (27/04/2016, 2834 letture)


 Le poesie di Matteo Bio Matteucci

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it