4725 visitatori in 24 ore
 169 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4725

169 persone sono online
Autori online: 2
Lettori online: 167
Poesie pubblicate: 325ĺ154
Autori attivi: 7ĺ375

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereVito Marco Giuseppe Messaggio privatoClub ScrivereLia Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Quando salgo da me

SpiritualitÓ

Quando salgo da me si apre il cielo e vedo oltre lo sguardo dei miei occhi bicolori.

Tutto mi appare chiaro, tranne quelle poche volte che passa un aeroplano con la scia di gas fumoso e bianco che sporca la mia vista.

Ricordo la prima volta che mi capitò di venire fuori, era piccolo, avevo appena dieci anni, salii rapidamente senza ascensore nella stanza delle meraviglie, venni fuori bagnato. Stavo ammirando un giardino pieno di alberi di mandarini stretto con le mani alla ringhiera del cancello, avevo ben saldo le mani ai ferri a forma di lance quando improvvisamente mi ritrovai fuori inebriato dagli odori pungenti di questi frutti meravigliosi, i colori degli stessi saltarono davanti ai miei occhi e un calore spirituale avvolse il mio corpo, ricordo che era fine novembre, ancora portavo i pantaloni corti; le mie snelle e magre gambe resistevano bene in quel tempo al freddo. Rientrai presto dentro, una voce di un passante, forse quella del proprietario del giardino disturbò il momento magico invitandomi ad andare via dal cancello e da quel luogo. Per mesi dimenticai l’avvenimento, non ci feci più caso, continuai nel quotidiano vivere i giorni che si susseguirono senza nulla di speciale. Andavo a scuola a mala voglia, non mi piaceva la maestra, non usciva mai da lei, non accendeva quel calore che riscaldava l’ambiente sterile e incolore. Imparai presto che oltre al salire da me, potevo anche scendere, e quando ciò avveniva non c’era fondo da toccare, diventavo triste, a volte piangevo nascondendo le lacrime e un mesto e grigio colore si impossessava dell'emozioni. A pensarci ora, mi commuovo per quanto provavo, mi abbraccio e una leggera e penetrante nostalgia attraversa per intero la casa della mia anima. Passò del tempo, le discese e le salite si accentuarono dentro di me, mi resi conto con gli anni

che passarono degli opposti che regnavano dentro il mio essere, compresi allora che dovevo intervenire in questa dicotomia emotiva, ma come e con quale mezzo potevo intervenire in questo mi era sconosciuto. Quanto salivo da dentro un caldo mi avvolgeva, il tutto fuori mi appariva colorato e un tenero sentimento d’amore avvolgeva il mio cuore, non avevo bisogno di nulla in quei momenti, ma quando scendevo dentro, nel profondo buio delle stanze, una tristezza infinita mi assaliva, mi toglieva energie portandomi lontano, cereo il volto mi diventava e il mondo si ritraeva come le onde del mare dopo una tempesta. Fuggivo, non avevo altro scampo, scappavo sotto alle sottane delle ragazze, queste mi davano conforto, mi facevano sentire protetto, così ritornavo su da me in attimo e lo sconforto della discesa diventava un lontano ricordo. Col tempo e con l’ impegno quotidiano di conoscermi, cosa non facile e non razionale, difficile nell’applicazione in questo tempo e non solo, riuscii a diventare capitano della nave, della mia nave emotiva. Esercitandomi di giorno in giorno tra dolori e gioie riuscii a reggere bene alle tempeste, non scappavo più sotto alle sottane merlettate delle ragazze, conducevo con impegno la nave emotiva nel porto, affrontavo le alte e basse maree come un veterano di mare, come un lupo d'acqua, anche l’ equipaggio della nave era fiducioso, tutti applaudiva il mio reggere con forza il timone della nave. Col tempo questo diventò prassi, non ebbi più paura di scendere e salire, certo una ascensore veloce mi avrebbe fatto comodo, ma non m'importava, l’importante era che quando volevo salire da me, mi raccoglievo nell’intimità e navigavo nei giardini pieni di alberi di mandarini tra il pungente profumo degli agrumi e la dolce spiritualità della naturale degli uomini che conquistai con l'impegno e col tempo.

Sono passati anni da allora, il vento ha spazzato via quei momenti, oggi, domani e sempre ancora salgo e scendo da me in me con padronanza, navigo quando voglio, scendo dentro e non ho più paura delle maree, delle tempeste, dell'oscuramento di certi momenti, lascio il tutto fluire come l'acqua di un fiume, mi raccolgo nell'intimo quando lo desidero, navigo dentro e fuori da me senza paura e senza temere nessuno e nessuna cosa di questo mondo e del mio mondo, ne sono fiero.

Quando salgo da me

vengo fuori con un sorriso.

Ripasso il percorso ...

Sequenze d’ immagini,

scene, desideri partoriti e quelli abortiti.

Ripercorro la strada fatta,

le insidie vissute, gli accadimenti,

gli affetti, gli amori, i lasciti ...

Le paure provate e ogni dolore

che ho dovuto assemblare.

Le gioie e i momenti felici,

i malinconici pensieri,

le risalite sul monte della serenità.

Non è poco ...

Giro ogni pagina della mia storia.

I baci non concessomi e le carezze mancate ...

Quando salgo da me,

apro il l’ archivio del passato

ripercorro i passi che ho fatto,

gli sforzi per essere.

Sorrido ...

Accarezzo me stesso,

bacio il bambino,

gli asciugo le lacrime,

gli tengo la mano,

conto i passi che ho fatto.

Continuo il viaggio ...

Mi porto dietro tutto il bagaglio.


Pasquale Lettieri 13/10/2016 14:00 486

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonchÚ qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Pasquale LettieriPrecedente di Pasquale Lettieri

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Pasquale Lettieri ha pubblicato in:

Libro di poesieFoto di gruppo con poesia
Autori Vari
Un ritratto degli autori del sito attraverso le loro poesie

Pagine: 200 - € 14,00
Anno: 2009 - ISBN: 978-88-6096-494-6


Libro di poesieSalutiamo Eluana
Autori Vari
Poesie per la morte di Eluana Englaro, dallo Speciale "Salutiamo Eluana"

Pagine: 68 - € 9.53
Anno: 2009


Libri di poesia

Ritratto di Pasquale Lettieri:
Pasquale Lettieri
 I suoi 152 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Acino lo Gnomo (21/12/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La coscia di pollo (16/11/2017)

Una proposta:
 
La coscia di pollo (16/11/2017)

Il racconto più letto:
 
Le due Sirene (05/01/2011, 4073 letture)


 Le poesie di Pasquale Lettieri

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pi¨ frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it