5054 visitatori in 24 ore
 310 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 5054

310 persone sono online
Autori online: 21
Lettori online: 289
Poesie pubblicate: 322’481
Autori attivi: 7’358

Gli ultimi 5 iscritti: Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini - Marco Miserini
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereNunzio Buono Messaggio privato ♦ Giovanni62 Messaggio privato ♦ Antonio Terracciano Messaggio privato ♦ Carmine Ianniello 1 Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privato ♦ Alessia Cursoli Messaggio privato ♦ massimo turbi Messaggio privatoClub ScrivereShelly Nicole Del Santo Messaggio privatoClub Scriverevalentinatortora Messaggio privato ♦ Eolo Messaggio privatoClub ScrivereAnna Di Principe Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Monopoli Messaggio privato ♦ romeo cantoni Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privatoClub Scriverezani carlo Messaggio privato ♦ pueraeternus Messaggio privatoClub ScrivereStefano Canepa Messaggio privato ♦ Giuseppe La Marca Messaggio privato ♦ daniela dessì Messaggio privato ♦ alias Marina Pacifici Messaggio privato ♦ neropaco Messaggio privato
Vi sono online 13 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Amicizie?

Biografie e Diari

Anche se da antichi e recenti pensatori e sociologi (come Cicerone o come Francesco Alberoni) l'amicizia è stata spesso considerata con ottimismo e vantata, io tendo piuttosto a pensarla come Franç ois de La Rochefoucauld. Delle sue trentasei massime sull'argomento, ne cito solo tre, fra le più brevi: "Le plus grand effort de l'amitié n'est pas de montrer nos dé fauts à un ami; c'est de lui faire voir les siens" ("Il maggiore sforzo dell'amicizia non è quello di mostrare i nostri difetti a un amico; è quello di fargli vedere i suoi") ; "Quelque rare que soit le vé ritable amour, il l'est encore moins que la vé ritable amitié" ("Per quanto il vero amore sia raro, esso è comunque meno raro della vera amicizia") ; "Dans l'adversité de nos meilleurs amis, nous trouvons toujours quelque chose qui ne nous dé plaî t pas" ("Nelle avversità dei nostri migliori amici troviamo sempre qualcosa che non ci dispiace") .

Forse tutto dipende dalla prima esperienza. Se da piccoli si è avuta una cura sbagliata o si è stati sottoposti a un intervento chirurgico inadeguato, si tenderà ad avere poca fiducia nella medicina per tutta la vita, e se si è avuta una disastrosa prima esperienza amorosa si faranno con grandi difficoltà altri tentativi di quel genere. (Quando, invece, le prime volte tutto è andato bene, ci si fortifica per sempre: scrivo poesie con una certa sicurezza anche perché il mio primo tentativo, alla scuola elementare, fu lodato dal mio maestro, e non ho timore dei terremoti perché quando avvertii il primo, il 21 agosto 1962, mi accorsi che non era successo niente di grave e che gli adulti erano più impauriti di me...)

La mia prima amicizia non fu certo molto felice. Avevo quattro anni quando veniva a giocare a casa mia un amichetto toscano della Lucchesia (e mia madre era contenta, perché aveva vissuto la sua adolescenza a Pontedera, dove mio nonno aveva lavorato in una nota industria meccanica), che però metteva sempre a soqquadro i miei pochi e poveri giocattoli; cominciai a pensare: "Non è meglio giocare da soli? "

Di un altro bambino toscano, assai più tranquillo, rimasi amico fino all'età giovanile, quando, senza dirmi nulla, si fidanzò con la ragazza alla quale allora tenevo: nulla di strano, naturalmente (lui era molto più affascinante di me), però poteva anche, da amico e da uomo, farmelo sapere prima che l'evento mi fosse riferito da altre persone!

Da giovane avevo anche un paio di amici che tra loro già si conoscevano. Uno mi veniva a trovare quasi ogni domenica, ma spesso, quando magari il discorso cominciava (per me) a diventare più interessante, se ne andava abbastanza bruscamente, dicendo che doveva urgentemente tornare a casa. L'altro amico mi rese edotto della verità: venire da me era per lui un pretesto per non dire apertamente in famiglia (aveva, tra l'altro, uno zio prete) che in realtà il suo scopo principale era quello di andare alla ricerca di qualche prostituta...

Quell'altro amico comune forse era relativamente più sincero e ammirava la mia intelligenza (lo preparai, ad esempio, per l'esame di inglese - lingua che non aveva mai studiato - all'Università) , ma spesso si dimostrava troppo gretto, non solo in campo economico (però ricordo ancora volentieri la fiducia che riponeva in me, come quella volta che, dopo avere conosciuto una ragazza, mi chiese umilmente se, secondo me, gli fosse convenuto approfondire il rapporto: diventò poco dopo suo marito, ed andò a vivere con lei a Prato) .

In età più matura strinsi amicizia con un collega di scuola, preparatissimo ma rigorosissimo, quasi asfissiante, in famiglia (con la moglie e le due figlie), con gli allievi e con tutti in generale. Insegnava l'inglese, e a un certo punto, per motivi suoi, si trasferì a Brescia, da dove ogni tanto mi incaricava di fargli qualche piccolo piacere. L'ultima volta che mi telefonò, però, gli dissi che non potevo accontentarlo, perché sarei dovuto andare in un posto in cui la mia auto, ormai in fin di vita, non poteva avventurarsi: evidentemente pensò che la mia fosse una scusa, perché poi non mi telefonò più...

"Sentimento che scaturisce dall'incontro tra due o più persone che percepiscono una comunanza di interessi, di valori e di ideali e che per questo stabiliscono delle interazioni intime fondate sulla comprensione e sulla fiducia reciproca", si legge alla voce "Amicizia" del "Dizionario di Psicologia" a cura di Umberto Galimberti: può darsi che la colpa sia solo mia, che sia stato incapace di sufficiente empatia per gli interessi, i valori e gli ideali degli altri, che abbia mostrato poca comprensione e poca fiducia nei loro confronti; del resto, nella vita incontriamo solo un numero infinitesimale delle persone che abitano il nostro pianeta e tra le quali, forse, come nell'amore sembra esserci una sola anima gemella, nell'amicizia c'è un solo amico ideale!


Antonio Terracciano 01/11/2016 20:03 2 268

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Antonio TerraccianoPrecedente di Antonio Terracciano

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Interessante racconto con una chiusa molto vera che condivido .»
rita iacobone

«L'amicizia, quella vera, non è facile da trovare, ma se abbiamo la fortuna di incontrarla, diventa il dono più grande che la vita ci possa riservare. Ci sono amicizie che sfidano il tempo e le distanze, che sanno trovare le parole giuste e gli abbracci più caldi e sinceri anche dopo anni di silenzio. Ma si tratta, appunto, di quel dono speciale che non sempre ci è dato ricevere. Cadendo volutamente nella banalità, io, comunque, direi: "Gli amici? Pochi, ma buoni". Complimenti per il racconto.»
Silvana Poccioni

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Antonio Terracciano:
Antonio Terracciano
 I suoi 71 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Originale discorso di un cittadino illuminato (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Quando s'incominciò a non morire più (27/08/2017)

Una proposta:
 
Quando s'incominciò a non morire più (27/08/2017)

Il racconto più letto:
 
La moglie, l'amante e la prostituta (Tre lingue) (08/03/2011, 1571 letture)


 Le poesie di Antonio Terracciano

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it