4298 visitatori in 24 ore
 194 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4298

194 persone sono online
Autori online: 14
Lettori online: 180
Poesie pubblicate: 322’413
Autori attivi: 7’358

Gli ultimi 5 iscritti: Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini - Marco Miserini
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereGiacomo Scimonelli Messaggio privato ♦ Eva Morese Messaggio privato ♦ andrea veccelli Messaggio privatoClub Scriverepoeta per te zaza Messaggio privato ♦ buemi Messaggio privato ♦ paolo corinto tiberio Messaggio privato ♦ Maddalena Corigliano Messaggio privato ♦ Antonella Dadone Messaggio privatoClub ScrivereDonato Leo Messaggio privato ♦ Massimiliano Zaino Messaggio privato ♦ Cristiano De Marchi Messaggio privato ♦ Sanzi Messaggio privatoClub ScrivereMidesa Messaggio privatoClub ScrivereMarco Forti Messaggio privato
Vi sono online 4 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Flatline

Biografie e Diari

Compleanno della cara vecchia amica Cecilia, quella che non usciva la sera, se non aveva le scarpe abbinate con la borsa.
Quella che andava in paranoia se non trovava posto con la macchina.
Andava soppressa da piccola, ora è troppo tardi.
A breve sfornerà un erede.
Il delirio, ma va capita.
Madre natura le aveva regalato un bel corpo, ma è stata assai cattiva per l'intelligenza.
Ora ha preso le sembianze di una damigiana senza più paglia.
‘ Sta festa è l'apoteosi dell'ipocrisia.
Li vedi tutti sorridenti e gioviali e si parlano dietro senza troppi scrupoli.
Si fanno cappottini, sciarpe e guanti per il periodo autunno/inverno.
D’ estate infradito e parei.
Amici da una vita, di una vita.
Qualcuno ha messo su famiglia, pancia e capelli bianchi.
Alcuni son già belli carichi di Bacco. Abbronzatissimi e tatuatissimi.
Ci son sempre quelli che rollano a ciclo continuo.
Classica camicina bianca sbottonata per mostrare l'ultima epilazione al laser, con catena d'oro.
Pantalone attillato per mostrare un pacco che non esiste.
Qualcuno ha pure messo il risvoltino.
Tutti con i- phone, baffetti a stuzzica fica, barba alla hipster.
Selphies come se piovesse, madonna che pena!
Ho smesso di contare le sopracciglia ad ala di gabbiano arrivata a dieci.
Ci son pure i brillanti che si mettono a fare strip tease, son ridicoli come quando da ragazzi facevano i grandi uomini e per una birra andavano orizzontale.
Cazzoni e basta.
Come sempre, la triade politica- sport- ribotte non manca mai.
Oggi si saranno aggiunte coliche, poppate e notti in bianco.
Hanno precettato pure il Dj Sbronz, ragazzi che fine, sembra mio nonno.
Passeggini e urla.
Tanti sono invecchiati, le rughe e le stempiature non mancano.
Diverse le teste pelate coperte da riportini o da cappellini.
Vedessero me, come vedo loro invece che intonare “ Satisfaction” bisognerebbe cantare il “ De profundis”.
Il cibo è tanto, vario e buono, mamma Vero, una garanzia.
Ci son volti che non conosco, saranno amici o parenti o forse qualche imbucato.
C'è pure il servizio d'ordine.
Qualcuno non è venuto, beato lui. Mi hanno pure detto che un paio son finiti in galera, un altro paio al camposanto, altri si son trasferiti in altre città.
Chissà quanto avranno pagato per l’ affitto di 'sta reggia.
Madonna che casa, oddio, manca un po' di colore, tutto questo legno sembra un grossa bara.
Eh si, manca il tocco femminile, però è una gran bella villa.
I soliti teli bianchi per proteggere la mobilia. Pavimenti in legno, tre piani, giardino esterno e piscina interna.
" Esticazzi ".
Io abito in un bilocale che è grande quanto la cuccia del cane.
Bei mi vaini.

§§§§§

Presi il mio piattino con tartine, il bicchiere di prosecco ed andai a cercare un po' di quiete.
Sto diventando vecchia, la musica è troppo alta, la compagnia non è delle migliori, in più i bimbi che piangono mi scombussolano il timpano, incrinandomi l'incudine e rattristandomi il martello.
Appena sarà l'ora, me ne andrò all'inglese senza farmi vedere, passando per la dependance.
Salii al secondo piano per curiosare.
Vidi con sorpesa che qualcuno era già passato di qua.
Sul corrimano c’ era un impronta e nell’ aria una fraganza fresca e frizzante.
“ Chissà chi si nasconde qua nella penombra, speriamo non sia Quasimodo o il mostro di Firenze.”
Alla fine del corridoio fra gli scricchiolii del legno, degli arazzi e della stuoia, c'era qualcuno appoggiato al muro.
Quella sagoma, quella strana forma, non poteva essere che lui, ne ero quasi certa.
Ovviamente da bravo outsider, ha alzato i suoi anfibi per cercare un posto isolato.
Se si è messo la mimetica, giuro, vado giù in mezzo alla pista e mi spoglio nuda.
Mi tolsi le scarpe con il tacco per non fare rumore.
Camminavo come su di un filo sospeso. Ad ogni passo, si faceva più chiara la persona.
Son anni che non lo vedo. Al tempo tagliò i ponti con tutti. Fece bene. Ogni tanto spio il suo profilo di Facebook. Ho pure imparato a memoria la frase che ha scritto.
"Mi troverai nell'angolo della parete più lontana, vicino alla finestra che da sul mare. Sarò là, con un bicchiere in mano ed un sorriso sulle labbra. Distante da tutto, dal centro, dal rumore, dalla ribalta. Quelli come me li riconosci subito, troppo diversi per stare nel branco, troppo rari per confondersi con la gente.....]
Fa delle foto molto belle, però non si mostra quasi mai.
So che perse Mati. Un paio di storie fallimentari, problemi con il negozio e poco altro.
Si sono scordati di lui o più semplicemente si è staccato da tutto quanto.
Sta nel suo mondo, come ha sempre fatto.
Uno dei pochissimi che non si è mai piegato per piacere agli altri, per comodo o per convenienza.
Era un osso duro anche da ragazzo, con il cuore più puro dell'acqua di fonte.
Mi fermai.
"Perchè disturbarlo? Se è venuto qua in cerca di solitudine, non vuole rotture di scatole.
Mi farebbe piacere scambiarci due parole, chissà adesso che farà, chissà......
Poco prima di scendere le scale, mi voltai di nuovo verso di lui. Aveva il braccio alzato, mi aveva sentito. Tornata nella bolgia dantesca, ebbi quasi una sincope, visto l'andazzo presi la via della porta, mi era passata la voglia. Arrivata alla macchina, mi sentii chiamare.
Mi voltai.
Rimasi imbabolata ed incredula nel vedere che il tempo su di lui non aveva avuto effetto.
Sempre altissimo, magrissimo e quel qualcosa di dannatamente misterioso che incuteva anche una certa tenerezza.
Un abbraccio e un bacio.
Ci sedemmo sotto il gazebo a parlare.
Quante cose, storie, desideri, sogni ed illusioni.
E' rimasto sempre lo stesso, forse un po' più cinico, ma con la medesima sana follia.
Silenzi, sorrisi e qualche lacrima.
I
l resto dei segreti è custodito nelle prime luci dell'alba.


Matteo Bio Matteucci 05/11/2016 17:52 238

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Matteo Bio MatteucciPrecedente di Matteo Bio Matteucci

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Matteo Bio Matteucci:
Matteo Bio Matteucci
 I suoi 114 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Scatole & ricordi (09/09/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Fottesega IV parte (16/10/2017)

Una proposta:
 
Fottesega IV parte (16/10/2017)

Il racconto più letto:
 
Voglie (27/04/2016, 2831 letture)


 Le poesie di Matteo Bio Matteucci

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it