4524 visitatori in 24 ore
 209 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4524

209 persone sono online
Autori online: 6
Lettori online: 203
Poesie pubblicate: 322’747
Autori attivi: 7’360

Gli ultimi 5 iscritti: Giovanna Pivotti - acquaflora - sabrina russo - Iacopone - SabrinaPfeil
Chi c'è nel sito:
♦ Giovanni Perri Messaggio privatoClub ScriverePeppe Cassese Messaggio privatoClub ScrivereMaria Luisa Bandiera Messaggio privato ♦ Carmine Ianniello 1 Messaggio privatoClub ScrivereLaura Fogliati Messaggio privato ♦ Michele Serri Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Un corpo per due

Amore

Da quanto tempo era lì a fissare il dondolio delle foglie che come piume ammantavano il viale del parco, con l’ anima in subbuglio osservava in silenzio. Lo sapeva, a casa l’ aspettavano. Aveva trovato una scusa per uscire, dicendo di avere un appuntamento con l’ amministratore del palazzo per la solita questione condominiale irrisolta e non avrebbe tardato. Ma era una balla, la sua era stata quasi una fuga da tutti e da tutto, soprattutto da quel bimbo dagli occhi scuri, che lo guardava cercando in lui quello che non avrebbe mai potuto dargli, la normalità.

Normalità… in che cosa? Nell’ essere un bambino come tutti gli altri, nel camminare, giocare, usare le mani, far parte di un gruppo, sentirsi vivo. No, tutto negato, era costretto a stare a letto, con il respiratore artificiale, cosciente, ma impossibilitato a muovere anche un solo dito. La mente arguta, vivace, sognante, ma prigioniera in un corpo che non rispondeva ai comandi.

Matteo non riusciva più a sopportare tutta questa sofferenza e la sua impotenza lo stava distruggendo. Tirò un sospiro stringendosi il bavero del cappotto, il primo freddo si faceva sentire, aveva le mani intorpidite ed il naso congelato, si guardò attorno, improvvisamente s’ alzò un vento sferzante, che sollevava in un mulinello ballerino le foglie, che accartocciate si ammucchiavano ai lati della strada, in giro non c’ era quasi nessuno, solo qualche runner che non aveva rinunciato alla solita corsetta, neppure in quel giorno di festa. Si era fatto tardi, pensò, era giunto il momento di rincasare. Ricacciò indietro le lacrime che avevano illanguidito lo sguardo e si avviò verso casa. Aveva percorso metà del tragitto, quando improvvisamente gli si affiancò un motorino apparso dal nulla con due balordi, i quali, incuranti di essere a viso scoperto, quindi facilmente riconoscibili, lo bloccarono e con aria minacciosa gli intimarono di consegnargli il portafoglio. Era uscito senza, quindi svuotò le tasche per fargliele vedere, ma per tutta risposta gli sferzarono un pugno in faccia, facendolo cadere quasi privo di sensi, poi gli si scagliarono contro prendendolo a calci e pugni fino a che il viso non gli diventò una maschera di sangue, solo allora lo lasciarono a terra quasi esamine, fuggendo.

Matteo non riusciva a chiedere aiuto, né tanto meno a muoversi, il corpo massacrato dalle botte era solo un peso senza più forze. Intanto, un gruppo di persone si avvicinò prestandogli soccorso, sentiva le voci, poteva scorgere il contorno dei visi, ma non riusciva a comunicare. Ascoltandoli avrebbe voluto ribattere, ma dalla sua bocca non uscì nemmeno un flebile suono.

In quel preciso istante, il pensiero andò a Nunzio e si rese conto che stava vivendo, anche se momentaneamente, la stessa condizione e le stesse sensazioni del figlio. Prigioniero di se stesso ma vivo nel pensiero, la mente capace di parlare silenziosamente.

No… non avrebbe mai abbandonato il figlio, la sua voce, le braccia, le mani, sarebbero diventate le sue. Un corpo per

due. Avrebbe trovato la forza nell’ amore…

Frattanto che pensava ciò giunse l’ ambulanza e fu portato subito al pronto soccorso dell’ ospedale. Dopo un po’, nonostante facesse ancora fatica a parlare, raccontò l’ accaduto e ricostruì per i poliziotti, la dinamica dell’ aggressione e poi, con un filo di voce chiese di telefonare alla sua famiglia per avvisarli.

Dopo aver fatto squillare più volte il telefono, senza ricevere alcuna risposta, fu preso dal panico, pensando alle cose più truci, e se fosse accaduto qualcosa di brutto al figlio, mentre lui non c’ era? Come poteva perdonarsi se ciò fosse stato vero? Ma poi, finalmente le rispose Elisa che con voce preoccupata gli chiese, con una punta di rimprovero, che fine avesse fatto.

Lui la mise al corrente di ciò che era successo e chiese subito di Nunzio, la moglie gli rispose con una frase che lo riempì di felicità: “ Sta aspettando con ansia che tu ritorni a casa, lo sai che solo con te si rasserena...”

Per fortuna, al contrario di come era sembrato in un primo momento, le sue condizioni non erano così gravi e dopo i primi accertamenti e cure, fu dimesso con suo grande sollievo.

Giunse a casa malconcio ma negli occhi aveva un’ altra luce, quello che era accaduto era stato un segno del destino

per fargli capire che Nunzio aveva bisogno di lui e non poteva tradirlo con il suo abbandono. Insieme, avrebbero spiccato il volo verso il cielo della vita.

Anna Rossi 20/11/2016 08:53 290

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna RossiPrecedente di Anna Rossi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Anna Rossi:
Anna Rossi
 I suoi 58 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Legami di sangue (05/03/2015)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La prima volta di Maria Luce (29/09/2017)

Una proposta:
 
Una sera d' autunno (08/09/2017)

Il racconto più letto:
 
Lo sconosciuto (05/01/2017, 1908 letture)


 Le poesie di Anna Rossi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it