4449 visitatori in 24 ore
 204 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4449

204 persone sono online
Autori online: 10
Lettori online: 194
Poesie pubblicate: 325ĺ316
Autori attivi: 7ĺ373

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
♦ Annalisa Amadei Messaggio privato ♦ Maddalena Gatto Messaggio privato ♦ Okinawa Messaggio privato ♦ Lara Messaggio privatoClub ScrivereRita Stanzione Messaggio privato ♦ Stefano La Malfa Messaggio privato ♦ Giuseppe Zingale Messaggio privatoClub ScrivereWilly Zini Messaggio privato ♦ vittorio pochini Messaggio privatoClub Scriverecarla composto Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura







Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info
Questa è un racconto erotico: se può turbare la tua sensibilita o se non hai più di 18 anni dovresti evitare di leggerlo.

Lo sconosciuto

Erotismo e per adulti

Lea arrivò trafelata al quotidiano appuntamento con le amiche. Infatti, ogni mattina prima di recarsi al lavoro si ritrovavano presso il grazioso “Caffè Borbone” di via Caracciolo, dove facevano colazione, scambiandosi qualche confidenza.

Claudia e Valeria erano già sedute al solito tavolo, fecero cenno a Lea di sbrigarsi. Lea un po’ seccata esclamò: “Sto arrivando!” Si avvicinò alle ragazze e con aria stanca si lasciò sprofondare sul divanetto aggiungendo che quella mattina aveva avuto una serie di imprevisti, che le avevano fatto perdere tempo.

Così dicendo accavallò le lunghe e flessuose gambe, attirando l’attenzione del cameriere che non riuscì a nascondere la sua ammirazione ed infine si sistemò i capelli che erano un po’ in disordine.

Le amiche la guardavano incuriosite, c’era qualcosa di strano nell’ atteggiamento di Lea, aveva uno sguardo che le faceva brillare gli occhi e illuminare il viso, dandole quell’espressione di un’ aria sognante.

Claudia in modo diretto andò subito al punto: ”Lea tutto a posto? Sei molto pensierosa, ci stai nascondendo qualcosa?”

Lei cercò di celare l’imbarazzo e dandosi un po’ di contegno riprese fiato rispondendo: ”Tranquille ragazze, tutto come sempre, diamine, ho solo fatto qualche minuto di ritardo.” E continuò a consumare il suo cappuccino, che nel frattempo si era freddato.

Valeria le domandò: “Allora Lea che dici? Andiamo alla rappresentazione teatrale delle ore venti o a quello delle ventidue?”.

La domanda interruppe i suoi pensieri, ma siccome non aveva capito niente del discorso rispose: ”Scusatemi, cosa?”

A questo punto era chiaro, Lea aveva un segreto ed era sicuramente qualcosa di eclatante. Le amiche non si erano sbagliate, infatti Lea stava pensando ad altro ed in particolare a David che aveva lasciato nel suo letto. La mattina si era alzata silenziosamente, cercando di non fare rumore per non svegliarlo, ma lui se ne era accorto e l’ aveva trattenuta a sé stringendola e baciandola con passione. Lei sentendo le sue calde labbra prima sul collo e poi sui lobi dell’ orecchie, si era immediatamente eccitata bagnandosi. E dopo un no non troppo convincente ed esclamando che avrebbe fatto tardi al lavoro, si era lasciata illanguidire dallo sguardo voglioso di lui ed il suo corpo si era abbandonato tra le mani esperte dell’ uomo, che in un attimo era riuscito ad infuocarla. Quando lo sentì penetrare nel suo intimo incavo, emise un gemito che infervorò ancora di più David, il quale aumentò il ritmo, inchiodandola fino allo spasimo finale di un orgasmo travolgente.

Avevano fatto l’amore tutta la notte ma David non si sentiva mai sazio di quella donna attraente e sensuale. Bastava osservarla camminare con passo elegante e voluttuoso, con quel corpo dalle forme aggraziate e prorompenti e che lo sguardo sfiorasse la maglietta da dove si intravedevano i seni turgidi, che immediatamente si riaccendevano i sensi, facendogli aumentare il desiderio di possederla. Così, solo dopo averla presa ancora una volta, l’aveva lasciata andare e mentre lei era uscita di casa per andare al lavoro, lui rimasto solo, si era riaddormentato.

Lea si riprese dal turbamento che provava ogni volta che pensava a David e chiese: ”Allora, dicevate?”

Le amiche ridendo le ripeterono in coro la domanda, Lea arrossendo, in quanto non era molto brava a dire le bugie, rifiutò l’ invito ed aggiunse di aver già preso un impegno per quella sera e non poteva rimandare. Loro contrariate si scambiarono uno eloquente sguardo e si convinsero sempre di più che all’ amica fosse successo qualcosa di misterioso e si riproposero di scoprirlo.

Lea pensò tra sé che mai avrebbe potuto confidare alle amiche, quello che le era accaduto. Fino a quel momento si era dimostrata seria, tutta d’un pezzo e molto selettiva nello scegliere le proprie amicizie. Ora si era messa in casa uno sconosciuto, un uomo incontrato per caso e sicuramente le amiche non avrebbero approvato il suo comportamento. L’ incontro con David era stato del tutto casuale.

Una sera tornando dal lavoro aveva bucato la ruota dell’ auto e lui si era fermato per prestarle soccorso. Dal primo momento era scattato in lei qualcosa di straordinario, un’attrazione irresistibile per quell’uomo sconosciuto. Dopo averla aiutata a cambiare la ruota, lui era risalito in auto, ma lei in un momento di impulso gli aveva chiesto, per ringraziarlo, se gli poteva offrire un caffè. L’uomo non se l’ era fatto ripetere due volte. Dopo il caffè le era sembrato naturale invitarlo a casa per un drink e da quel momento era iniziata una passione travolgente.

Si erano ripromessi di non farsi domande sulla loro vita e così la storia era diventata molto più eccitante. Due amanti sconosciuti, che lasciavano parlare solo le emozioni, i brividi della passione ed i loro corpi mai sazi di piacere. Lea si convinse sempre di più che questa storia doveva restare un segreto, quindi, senza lasciar trapelare nulla, dopo aver fatto colazione salutò le amiche e si diresse controvoglia al lavoro.

Quel giorno Lea guardava continuamente l’ orologio, sembrava che il tempo non passasse mai. Aveva fretta di ritornare a casa, di volare tra le braccia di David. Poi improvvisamente cominciò ad aver il timore di non ritrovarlo più. Del resto non sapeva nulla di lui, se già avesse una compagna, dove abitasse… tutto ciò cominciava a tormentarla.

Finalmente si fece sera, passò dal centro per comprare qualcosa di intimo, una lingerie di pizzo nero, molto seducente e volò subito a casa. La trovò immersa nel silenzio e Lea si sentì morire, credendo che se ne fosse andato. Lo chiamò ma non ottenne risposta, poi delusa, si sedette sul divano fissando la porta.

Sentì il campanello, andò ad aprire con il cuore che pulsava all’ impazzata. David era lì, più attraente che mai, la camicia azzurra leggermente aperta sul davanti metteva in risalto i suoi pettorali scolpiti. Lea si sentì attraversare da un brivido di goduria, lui la spinse sul divano e si impossessò del suo corpo e della sua mente in un’ estasi senza fine.

Anna Rossi 05/01/2017 07:53 2123

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonchÚ qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

cialis originalecialis originale

SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna RossiPrecedente di Anna Rossi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Anna Rossi:
Anna Rossi
 I suoi 62 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Legami di sangue (05/03/2015)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Le burla di Cappuccetto Rosso (14/12/2017)

Una proposta:
 
Le burla di Cappuccetto Rosso (14/12/2017)

Il racconto più letto:
 
Lo sconosciuto (05/01/2017, 2124 letture)


 Le poesie di Anna Rossi

Cerca il racconto:




cialis originalecialis originale


Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pi¨ frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .

cialis originalecialis originale

Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it