4536 visitatori in 24 ore
 249 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4536

249 persone sono online
Autori online: 12
Lettori online: 237
Poesie pubblicate: 317’997
Autori attivi: 7’385

Gli ultimi 5 iscritti: Mearcair - Davide Braneschi - Marcodellefratte - Lacrimedicenere - Frank Payne Malvolti
Chi c'è nel sito:
Club Scriverecarla composto Messaggio privato ♦ non so che Messaggio privatoClub ScrivereAntonella G Messaggio privato ♦ massimo turbi Messaggio privato ♦ sergio garbellini Messaggio privato ♦ Eolo Messaggio privato ♦ Edoardo Iosimi Messaggio privato ♦ Mauro Messaggio privato ♦ Antonio Terracciano Messaggio privato ♦ Pino Penny Messaggio privatoClub ScrivereGiuseppe Vullo Messaggio privato ♦ Andriuslan Messaggio privato
Vi sono online 5 membri del Comitato di lettura









Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Il volo del condom IV”

Comicità e Satira

Così, il giovanotto, che, come ogni serio professionista del ramo della pastorizia soleva alzarsi di buonora, il mattino seguente si levò, per così dire, ancor più di buonora del solito, cioè a notte fonda, e si incamminò, pieno d'entusiasmo, alla volta della farmacia del paese vicino. Confidando certamente in misura eccessiva nell’ affidabilità e professionalità, in buona parte, grazie a lui acquisita, dei suoi collaboratori a quattro zampe, che per fortuna non erano soltanto capaci di abbaiare, ebbe l'ardire di affidar loro il suo gregge, rinchiuso in un angusto recinto, il quale anche se di dimensioni modeste, costituiva tutta la sua ricchezza terrena, certamente non poco per chi al di fuori di un campo ove crescano delle erbe era valutato meno di un piffero, strumento che egli tra l’ altro, mi si perdoni la digressione, disponendo di materie prime necessarie, si sentiva in grado di riprodurre in meno di quindici minuti.

Egli non ignorava certo, che quel suo allontanamento costituisse un azzardo, ma è pur noto a ciascuno di noi, cosiddetti uomini normali, quanto possa tirare un pelo di una certa natura: sino al punto da rendere a volte estremamente idiota chi notoriamente non lo fosse, né mi stupirebbe troppo il caso in cui il mancato suo avvistamento da parte di un soggetto particolarmente vulnerabile, se prolungato nel tempo, potesse costituie motivo di suicidio.

A piedi, e di buona lena, si avviò dunque, ripetendo di continuo tra se per non rischiare di dimenticare quella parola misteriosa, così difficile da pronunciare, ma di fondamentale importanza.

E due ore dopo, il ragazzo imboccava la porta della farmacia, pieno d’ emozione ed anche con un certo senso di vergogna per timore che altri venissero a conoscenza della natura della sua richiesta.

Entrato perciò con fare circospetto, si dispose con pazienza ad attendere ben oltre il suo turno, con la segreta, quanto vana speranza che fossero serviti prima di lui tutti quelli che già c’ erano e, magari anche gli altri venuti dopo. Purtroppo però non ebbe successo nel suo intento di rimanere senza testimoni, a tu per tu col farmacista, nell’ imbarazzante momento della delicata richiesta; e così, ad un certo punto dovette farsi avanti: Vibrante come un diapason autosufficiente, accostò d’ un balzo il suo viso avvampato e stravolto, all’ orecchio di questi, con occhi fissi, spalancati, ed utilizzando nello stesso tempo una delle sue mani, aperta a un fianco della bocca a mo’ di diffusore unidirezionale pronunciò quella benedetta difficilissima parola in un sussurro, mettendo però la massima attenzione al farlo con la migliore dizione possibile, per non rischiare di doverla ripetere …

Ma il povero speziale, spaventato dall’ eccessiva irruenza del giovine, ma ancor più poiché travolto e soffocato da un improvviso olezzo caprigno che gli si riversò addosso … non capì; e fu peggio anche per lui, poiché fu necessario ripetere, anche se con un po' più calma, tutta la messinscena; lo stress che dovette costare ad entrambi fu ancora una volta enorme; il farmacista questa volta, aveva provveduto in anticipo ad inspirare profondamente, trattenendo poi il respiro più a lungo possibile, ma per quanto si sforzasse, non essendo un campione in apnea, non poté evitare di inalare una parte considerevole della restante aria mefitica, ed esternò,poi immediatamente il proprio disgusto attraverso dei furiosi colpi di tosse.

Quando si fu ripreso abbastanza, si fece nuovamente ripetere la richiesta, sfruttando al massimo le nozioni preventive appena acquisite. Fece quindi cenno di aver capito, e dissimulando una certa nonchalance si girò dirigendosi verso una meta ben precisa. E con un tuffo al cuore il pastorello vide finalmente il sanitario, aprire e trafficare in un cassetto, prelevando quella benedetta confezione di un bel color rosso composta, come comprese poi di tre elementi, procedendo però con un fare prezioso, e ponendola quasi fosse una reliquia, in un’ altra bustina più grande e più discreta.

Nel consegnare il pacchetto, ricevendo il dovuto, il sanitario, prese le dovute, e ormai note precauzioni, gli consigliò vivamente per la prossima volta, di mostrare il cartoncino della confezione, per una richiesta più discreta; ma l'altro era ormai troppo impaziente per starlo a sentire, e

temeva che qualcuno tra gli astanti, avendo assistito a tutto il movimento potesse avere immaginato di quale articolo si trattasse, ed allora, felice come un bimbo all’ uscita da scuola, ma teso ed eccitato si scapicollò verso la porta d’ uscita …

Ma è proprio allora che la situazione precipitò, poiché si trovò improvvisamente davanti due carabinieri che stavano, con calma entrando proprio in quel momento:

A questo punto lo scontro anche se certamente evitabile, fu fatalmente e senza alcuna ragione violento e disastroso per tutti e tre, poiché il pastore preso da un indicibile, quanto ingiustificato spavento, diede loro una spallata, lui, pur così mingherlino di particolare inaspettata violenza, che fece ruzzolare in modo ignominioso i due tutori dell’ ordine giù per le scale esterne dell’ Ufficio Postale, proseguendo poi ben oltre la sua fuga forsennata.

La cosa non poteva certo finire così, i gendarmi si rialzarono in fretta, e, mentre l’ uno incominciò subito a soffiare furiosamente nel suo fischietto, l’ altro non vedendo alcun risultato immediato, stava per estrarre la pistola quando il pastorello, per sua fortuna, fu sgambettato da un passante finendo a terra mezzo azzoppato nell’’ urto di un ginocchio contro lo spigolo di un muro; rimase così, seduto per terra attendendo docilmente che quelli lo raggiungessero serrandogli delle manette ai polsi, dopo averglieli malamente contorti dietro la schiena, come un pericoloso delinquente.

Portato in caserma, fu interrogato: "Perché fuggivi, cosa nascondi nelle tasche che tenevi così gelosamente chiuse con le mani?”. Lo perquisirono con cura, esaminando minuziosamente il materiale sequestrato: erano cose che usava tenere sempre nel vestito buono, riservato per le grandi occasioni (e quella odierna era una di quelle). Documenti che costituivano la storia di tutta la sua vita ed il suo avere, poche e preziose foto di tutta la sua esistenza: il foglio di congedo che attestava l’ avvenuta esenzione dal servizio militare.Ed assieme a qualche altra piccola cianfrusaglia, trovarono finalmente anche l’ oggetto che costituiva il motivo della sua venuta in paese, nonché delle sue peripezie di quel giorno. Due delle famose bustine furono lacerate, per verificare che non contenessero droghe, mentre la terza fu risparmiata, in quanto gli esaminanti si resero conto che non ne valesse la pena e riconsegnata poi intatta insieme ai documenti. Quell’ oggetto era ben noto naturalmente agli agenti, che non si erano meravigliati più di tanto, dissero soltanto: “ Ah -ah! “ Guardandosi l’ un l’ altro divertiti; ma non fu così per il poveretto, che avrebbe voluto sprofondare per la vergogna e per timore di chissà quali conseguenze. “ Io, io …” cominciò a balbettare.

Questi intuirono allora che il meschino fosse soltanto colpevole di ingenuità e il suo atteggiamento ne costituisse la prova.

“ Avevi dunque comprato questo? … E perché fuggivi, non l’ hai dunque pagato?” Gli chiesero alla fine; e lui confuso: ” Si, si, però non sapevo, io non credevo …” diceva tremando come una foglia; i due scoppiarono a ridere, stupiti del suo stupore: “ Queste non sono merci illegali, le puoi tenere liberamente … Ma dove vivi sciocco, che ci hai solo fatto perdere inutilmente un mucchio di tempo. Vai e non farti più vedere ... Oppure sarai denunciato per simulazione di reato Svegliati, che la guerra è finita! Vai ora e, buon divertimento!”

Felice come una Pasqua, non stette a perder tempo coi saluti, ma uscì dalla caserma e si diresse di corsa verso casa … sempre tenendo con premura una sua mano nella tasca, tastando il prezioso cimelio.



pompeo conte 16/02/2017 10:52 163

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di pompeo contePrecedente di pompeo conte

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di pompeo conte:
pompeo conte
 I suoi 6 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Salvataggio reciproco (18/07/2015)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il volo del condom--ultimo episodio (25/02/2017)

Una proposta:
 
Il volo del condom--ultimo episodio (25/02/2017)

Il racconto più letto:
 
Salvataggio reciproco (18/07/2015, 453 letture)


 Le poesie di pompeo conte

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it