4593 visitatori in 24 ore
 252 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4593

252 persone sono online
Autori online: 14
Lettori online: 238
Poesie pubblicate: 325’140
Autori attivi: 7’375

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereAnnamaria Gennaioli Messaggio privatoClub ScrivereRosy Marchettini Messaggio privato ♦ gabriele vacca Messaggio privato ♦ emiliapoesie39 Messaggio privatoClub ScrivereBerta Biagini Messaggio privatoClub ScrivereAnna Di Principe Messaggio privato ♦ Antonio Terracciano Messaggio privatoClub ScrivereSara Acireale Messaggio privato ♦ Giuseppe Zingale Messaggio privato ♦ neropaco Messaggio privato ♦ Gaetano Lo Iacono 54 Messaggio privato ♦ Max Ray Springsteen Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privato ♦ Libera Mastropaolo Messaggio privato
Vi sono online 6 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Il viaggio di ritorno è sempre più lungo

Biografie e Diari

Camminando per via Mameli ci siamo trovati al nostro lato sinistro una scalinata.

Guardiamo su, leggiamo: Rampa Monte Aureo. Vediamo dove porta - ci diciamo- e così cominciamo a salire.

Ci sono alberi, intorno il verde, ma sul verde anche cartacce e altro materiale di scarto. Che peccato!

Ovunque vedo un fazzoletto di verde io mi perdo. Mi piace. Ed in superficie tutto appare bello, ogni ramo popolato di foglie, ogni siepe, ogni pianta. Ma poi t’ accorgi che tutto potrebbe essere più bello se fosse tenuto in ordine, pulito. La solita incuria e maleducazione degli umani… penso

Però quel tratto d’ ombra, quella sosta di muretto scomodo e polveroso ci andava bene.

Eravamo arrivati un po’ presto per il chech- in in hotel. Lo sapevamo. E allora abbiamo lasciato i nostri bagagli all’ entrata e siamo usciti a fare due passi.

Ma siamo andati ben oltre due passi.

Quando stai fuori non t’ accorgi del tempo che passa. Tutto ti appare bello e nello stesso tempo accettabile, anche una o più mattonelle sconnesse nella pavimentazione delle vie.

Penso meno male che non porto i tacchi a spillo, dovrei guardare sempre a terra, e rischierei di rimanere incastrata nello spazio tra una mattonella e l’ altra.

Penso, meno male che sento, cammino e soprattutto vedo perfettamente.

Come potrebbe sentirsi sicuro un disabile e soprattutto un non vedente per simili vie?

Siamo a Roma, ma certi quartieri e quelle vie strette, tortuose, mi parlano di paesi di provincia come tanti.

Camminiamo, camminiamo, a lungo. Non mi preoccupo più di tanto. Te la ricorderai la strada… dico con mio fratello.

Lui risponde, non so dove porta la strada, potrebbe anche essere chiusa, ma io seguo la direzione. Dobbiamo andare verso lì… e mi indica col dito un punto lontano dinanzi al nostro sguardo.

A un certo punto dice ecco il Tevere. La giornata è tranquilla, la temperatura sta salendo, il sole si fa più deciso. Guardiamo dinanzi a noi l’ acqua di un colore verde bottiglia chiaro.

Ovunque vedo un corso d’ acqua, che sia un ruscello, un lago o un fiume, io mi fermo.

Solo i miei pensieri vanno, la fantasia si accende. Fioriscono immagini ridenti dinanzi ai miei occhi.

Ecco, è questa la Primavera per me, quella vita che si rinnova, quel brulichio sottile, quel fermento nel profondo. Il mio cuore ha un battito più forte, è sintonizzato col tuo.

Amore… mentalmente, ti chiamo e poi ascolto il silenzio intorno a me. Amore, questo battito è per te. Non è solo il pensiero che ci unisce Lo so che il tuo pensiero sempre mi segue, o forse mi precede, lo so che il tuo pensiero ha braccia e gambe, ha occhi ed orecchie, ha una bocca che incanta, socchiusa, senza dire parole.

Lo sai che il mio pensiero non ti abbandona mai, ti ossessiona, ti cattura, ti tiene al guinzaglio.

Ma tu sai che io sono così… così maledettamente innamorata di te.

Le foto che mi faccio scattare sono per te, per te sono i selfie.

E’ un modo per dirti che sono con te, un modo per stringerti a me.

Un modo per dire che non esiste solitudine se non nella nostra mente.

Resto a guardare il fiume di lontano. C’è una catena per impedire il transito alle autovetture.

Passiamo oltre, scendiamo e siamo lì sul lungotevere. Mi pare quasi di poter poggiare il piede su quella verde liquida superficie. Ma so che così precipiterei sul fondo.

Tutto questo mi basta. Stare lontano dal mio paese, ed osservare i passanti, i turisti. Ognuno pensa i fatti propri. Io ho bisogno di questa pace.

Sono qui a Roma, per qualcosa di preciso, di speciale, una gioia intima mi pervade, tutta mia che mi fa brillare gli occhi.

Il viaggio di andata è stato un lampo. Io con la mia ansia moderata, con la curiosità, con la voglia di nuovo.

E’ stato un attimo. Poi lì, la musica, i versi, l’ atmosfera ed io mi sono sentita un essere speciale.

Ho vissuto ogni momento, vivo, senza sentire l’ esigenza di rivivere tutto in differita. Poi ho cominciato a pensare al percorso al contrario. Il taxi, la metro da Trastevere a Tiburtina. Poi l’ attesa, un po’ lunga. Ma mi piace stare a guardare la gente che passa, come è vestita, come si muove e poi valigie, bagagli. E il tempo che passa, ugualmente. Poi quattro ore di pulman. Il viaggio di ritorno, non so perché… ma è sempre più lungo


Rosetta Sacchi 28/03/2017 16:49 201

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Rosetta SacchiPrecedente di Rosetta Sacchi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Rosetta Sacchi:
Rosetta Sacchi
 I suoi 25 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Non voglio mai più sentirmi sola (13/08/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La giusta interpretazione (16/06/2017)

Una proposta:
 
L'intangibile (20/04/2017)

Il racconto più letto:
 
Non voglio mai più sentirmi sola (13/08/2013, 879 letture)


 Le poesie di Rosetta Sacchi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it