3071 visitatori in 24 ore
 210 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3071

210 persone sono online
Autori online: 2
Lettori online: 208
Poesie pubblicate: 343’776
Autori attivi: 7’496

Gli ultimi 5 iscritti: France52 - Violetta Daniela Laurito - Luciano - NISenlbon - Andreacop
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereJim27 Messaggio privatoClub ScrivereLoreta Carcaterra Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Uso del Cialis
Acquistare Cialis: Acquistare Cialis generico
Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Pane e molliche

Dramma

Che fosse motivo di vanto me ne ero accorto, anzi ora penso forse che chiunque se ne sarebbe accorto dei nonni ancora in vita.

I nonni dalla parte di mio padre, effettivamente i suoi genitori.

Ci pensate! Cosa c’è dietro questa constatazione avvincente? Sì va bene, l’affetto verso questa figura doppiamente genitoriale, e fino qua…

Forse i tuoi genitori non devono andare sempre dal dottore e la mamma non è costretta a passare ore dal parrucchiere a provare la nuova tinta di capelli per annullare le insidie del tempo. C’è dell’altro.

Forse chi ti è intorno ha la pelle sul viso senza barba e fa ragionamenti improvvisati e fuori luogo. Questi ero forse io? Qualcuno prende anche le botte, qualcuno deve esserci a rompere le uova nel paniere, ma non basta, c’è dell’altro.

C’è il motivo per il quale ci si sente sollevati ogni qualvolta si ripensa a quei tempi. Forse il denaro che assomigliava a semplici figurine delle quali se ne faceva incetta. O forse il caldo ed il freddo che sembravano i protagonisti dei cartoni animati divorati la sera in tv prima delle previsioni del tempo. Ero basso, non mi vedevo poi mica tanto bene, però accipicchia, con una stizza potevo far muovere i giganti, che potere! A volte le buscavo, ma erano di più le occasioni a mio favore nelle quali potevo godere appieno del privilegio di essere un bambino. Ricordo una scena di quale film non saprei dirvi, io mi sedevo sulla sedia con l’immancabile pane e pomodoro, e mentre tutti sudavano fra isteria e sconforto, io ero bello fresco e con gli occhi spiritati intenti nel godermi lo spettacolo. Era una festa sì, i canoni sembravano inequivocabili. Era puntuale, un vero spettacolo, tutti zitti, silenzio, il tempo pareva fermarsi. Altro che borsa di Milano e tutti gli indici del mondo. Qui si stava consumando un rituale religioso fra il frastuono ed i silenzi di anime ignare, mentre la conta inevitabile e metodica del guadagno giornaliero si svolgeva senza interruzione alcuna, a parte un dettaglio.

A dirla tutta c'era stata un'interruzione, sì! Una vita si era interrotta; non mi potevo più vantare. La sua vita si era spenta a seguito di una estenuante malattia. La nonna, la mia nonnina, la mia nonnona ci aveva lasciati, mentre tutto il parentado era in zona avvertito dell’imminente probabile evento tragico. Se di evento tragico poi si poteva parlare. Un po’ ciò che accade in qualche cultura tradizionalista in varie parti della terra, la quale non è foriera a mio avviso di insensatezza, ma apre la mente ad una soluzione artistica e magicamente leggera sul significato della nostra dipartita. Sì, l’apoteosi si stava per compiere, l’apoteosi delle attività culinarie. E che c’entra tutto ciò, qualcuno obietterà?

Uomo di poca fede, c'entra c'entra, eccome se c'entra, piano piano c’entra tutto dentro a quelle bocche, ah ah!

Mentre la porta di casa mezza socchiusa annunciava il triste evento, passato il corridoio d’entrata, ci si immergeva nella sala prospiciente la cucina, dove a lavorare ai fornelli a turno erano impegnate le figlie, le nuore, le pronipoti e anche qualche donna di passaggio trovatasi lì per caso. Le parole erano superflue. Si parlava a bocca piena. Mugugni quindi. Più che altro a parlare erano i piatti, col loro tintinnio, sempre colmi di ogni leccornia, accompagnati da fiumi di bevande, non per ultimo l’immancabile vino pugliese. E si mangiava, si mangiava, chiunque veniva a dare le condoglianze veniva inchiodato ad una sedia e con una paletta imboccato, perché forse magicamente si era compreso che tante chiacchiere effettivamente non servivano proprio a niente. Le poche frasi pronunciate invece vertevano su consigli culinari, sulla giusta dose di sale, nonché di pepe e su ammonizioni a poter migliorare la cottura dell’una come dell’altra pietanza. Erano abolite le cipolle, non si sa mai. Guai a piangere, la costernazione veniva esplicata a pancia piena di tormenti nel cortile fuori stante alla cucina. Io rimanevo allibito, eppure guardando il cielo non vedevo nuvoloni…

Non c’è da aggiungere altro, mia nonna non c’era più, ma per l’ultima volta insieme a lei e a suo onore si era consumato un lauto pasto a ciclo continuo, degno della sua proverbiale eterna ed insaziabile fame. E le risate scendevano copiose a rallegrare anche il suo triste sudario.

Ancora un’altra fetta di pane…

<< Dai dai inchi la vucca, statti cittu mancia quai >> ( dai riempi la bocca stai zitto mangia )

Ancora altre molliche da spazzare per domani.

Alfredo Mercutello 19/01/2011 17:58 800

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Alfredo Mercutello

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Alfredo Mercutello ha pubblicato in:

Libro di poesieFoto di gruppo con poesia
Autori Vari
Un ritratto degli autori del sito attraverso le loro poesie

Pagine: 200 - € 14,00
Anno: 2009 - ISBN: 978-88-6096-494-6


Libri di poesia

Ritratto di Alfredo Mercutello:
Alfredo Mercutello
 I suoi 7 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Pane e molliche (19/01/2011)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Azzurra (21/09/2011)

Una proposta:
 
Poesia (26/02/2011)

Il racconto più letto:
 
Pane e molliche (19/01/2011, 801 letture)


Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it