4725 visitatori in 24 ore
 169 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4725

169 persone sono online
Autori online: 2
Lettori online: 167
Poesie pubblicate: 325’154
Autori attivi: 7’375

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereVito Marco Giuseppe Messaggio privatoClub ScrivereLia Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Amicizia? No, grazie ho smesso

Comicità e Satira

...e si chiamano amici, amiconi, confidenti, ma i più sono rapporti distorti e mai bilanciati. Viziati e sciupati da assurde pieghe mentali e convinzioni troppo cretine.
Ti cercano se trovano tempo, ti cercano se gli serve qualcosa, ti cercano per sfizio.
Dopo, usati come kleenex o goldoni, ti appollottolano e ti lanciano in qualche angolo o cassetto o in qualche cespuglio, come un oggetto inanimato.
Prendi polvere come un filtro.
Dimenticandosi quello che eri, di cosa sei stato.
Facendoti venire dubbi su chi sei e su cosa eri, se mai fossi stato qualcuno.
Ti chiedi se è colpa tua o se son stronzi loro.
Il tuo cervello si fa mille domande senza trovare risposte.
Dopo aver girato a vuoto come una ruota senza denti, quasi avvilito, deluso, incazzato o semplicemente saturo, cominci a fregartene.
E li accade il miracolo....
Tutto diventa lontano, piccolo.
Il rumore si quieta. Riesci a vederli in tutta la loro piccolezza, ridicola bruttezza.
Ritorni attento, sereno, contento.
I gesti diventano meccanici, la parole un ronzio lontano.
Non si vogliono sporcare le mani.
Non vogliono problemi, giustamente, ne son talmente pieni che i libri di matematica diventano giornaletti goliardici.
Ed i numeri si incazzano.
Entrano in confusione, si crea dispersione, scappano via, ma ne resta uno soltanto là in mezzo, anzi al margine.
Ti giudicano, ma non hanno voglia di conoscerti "Non ho tempo per sapere chi sei, ma se mi lavi la macchina ti posso concedere udienza ".
"Obbedisco eccellenza... succhia ‘ sta minchia con doviziosa efficenza."
Evitano i tumulti, ma dentro son più scomposti di una frattura.
Hanno il cervello come mollica bagnata.
Agiscono per schemi e impostazioni.
Viaggiano su rotaie talmente lise che al primo sussulto perdono la trebisonda ed è colpa tua che dovevi frenare.
Guai poter pensare di vivere anche solo per dieci minuti senza fili.
Vivono compressi come tomi in una libreria
Son marionette, ma si credono liberi.
Pieni di pregiudizi, mettono il veto pure su quello che fanno. E se lo fanno... nevicherà nel deserto.
Storcono il naso, dubitano.
Vogliono nuotare, ma restano ancorati agli scogli come denti di cane.
Li osservi, provi pena per loro.
Non sapranno mai cosa c'è in fondo al mare.
Dove l'acqua diventa scura.
Dove regna il silenzio, ma tutto ha un senso, dove tace pure la paura.
Superficiali e ottusi, questo sono.
Ammassi di carne, muscoli e tendini.
Fanno branco, combutta, ti vessano, ma ti temono.
Ti vedono come una minaccia, se manifesti affetto.
Ti marchiano come una bestia. Ti dipigono come Troccoli.
Sgrani gli occhi, sbuffi e ti scaccoli.
" Non hanno capito un cazzo ".
Trilla il telefono " Come stai è tanto che non ti vedo ".

Dopo due anni di silenzio, quattrocento metri di distanza, suonare il citofono non usa?
Sbotti a ridere, un altro demente è tornato alla carica.
Cancella messaggio.

Che pena!

Fissi per un attimo lo specchio, mentre una ruga ti corruga il volto.
C'è una ragnatela, dovrei pulire, 'sta camera sembra un mausoleo.
Pazienza, tanto per loro sono morto.




Matteo Bio Matteucci 15/05/2017 15:56 159

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Matteo Bio MatteucciPrecedente di Matteo Bio Matteucci

Nota dell'autore:
«Irriverente e caustico»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

L'autore la pensa come me, sull'amicizia... (Antonio Terracciano)

Perlopiù è così. Per fortuna non sempre! (Silvana Poccioni)



Ritratto di Matteo Bio Matteucci:
Matteo Bio Matteucci
 I suoi 125 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Scatole & ricordi (09/09/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Freccia Bianca II (18/11/2017)

Una proposta:
 
Ricordi - Paese mio II (11/11/2017)

Il racconto più letto:
 
Voglie (27/04/2016, 3013 letture)


 Le poesie di Matteo Bio Matteucci

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it