4616 visitatori in 24 ore
 220 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4616

220 persone sono online
Autori online: 10
Lettori online: 210
Poesie pubblicate: 318’139
Autori attivi: 7’384

Gli ultimi 5 iscritti: lionel - Stefana Pieretti - Mearcair - Davide Braneschi - Marcodellefratte
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereAntonio Guarracino Messaggio privatoClub ScrivereLara Messaggio privato ♦ neropaco Messaggio privato ♦ Giovanni Robotti Messaggio privatoClub ScrivereMarcello Moiso Messaggio privato ♦ Vito Marco Giuseppe Messaggio privato ♦ Hariseldom Messaggio privato ♦ massimo turbi Messaggio privatoClub ScriverePagu Messaggio privato ♦ Emilia Otello Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39
Questa è un racconto erotico: se può turbare la tua sensibilita o se non hai più di 18 anni dovresti evitare di leggerlo.

La verità nascosta

Erotismo e per adulti

I suoi genitori lo chiamarono Pasqua perché era nato proprio il giorno di Pasqua del 1929.

Pasqua trascorse la maggior parte della sua infanzia a Castelfranco, in Veneto, dove conobbe Melia, «la più bella ragazza del paese che sconvolse piacevolmente la sua vita adolescenziale».

Arrivò in provincia di Varese, all’età di vent’ anni e, con il passar del tempo, era diventata una celebrità locale soprattutto perché era riuscito, lavorando giorno e notte, a costruire un piccolo impero immobiliare.

Pasqua si vestiva sempre elegantemente, la sua passione per il ballo liscio lo influenzava molto: indossava sempre un completo grigio molto signorile, un cappello di paglia, un paio di scarpe luccicanti e, naturalmente, un immancabile papillon che dava un tocco di classe alla sua allure di dongiovanni attempato.

Lo chiamavano tutti bonariamente «Pasqua della Pace», perché era fondamentalmente una persona pacifica e buona. Riusciva sempre a risolvere le questioni anche più complicate pacificamente.

Quando era particolarmente depresso, al bar parlava con i suoi amici dei suoi due grandi amori: il Veneto, dove andava almeno una volta all’ anno, sempre rigorosamente d’estate, e Melia, la donna che amava alla follia, ma che a causa di un non meglio specificato contrattempo, dovette abbandonare a Castelfranco nel 1949.

Affermava che Melia sarebbe stata la donna ideale della sua vita e, fino a quando sarebbe rimasto in vita, l’avrebbe amata.

Fino all’ età di cinquant’ anni, Pasqua non sapeva neanche che cosa fossero le ferie, ma dopo un viaggio-premio vinto per caso ad una lotteria locale, cominciò a viaggiare per il mondo.

Conobbe gli U. S.A., le Filippine, la Tailandia, alcuni stati africani, la Francia, la Germania, la Spagna…

Durante l’inverno del 1970, Pasqua si recò a Castelfranco per un’ inspiegabile vacanza, dopodiché tornò in Lombardia, profondamente turbato.

Non disse mai a nessuno quale fosse stato il vero motivo del suo improvviso viaggio, perché di solito ci andava soltanto durante l’ estate.

Alcune malelingue misero in circolazione che era tornato in Veneto perché Malia si era separata dal marito, uomo geloso e violento.

Pasqua non si era mai sposato, ma ebbe molte relazioni complicate con donne molto belle.

Nel 1990, conobbe per caso a Milano una ricca imprenditrice italiana, di nome Mariagrazia, che viveva a Londra.

La donna lo invitò a Londra per una settimana, dove avrebbero passato insieme «giorni di fuoco».

Pasqua accettò volentieri l’ invito, prese l’ aereo all’ aeroporto di Malpensa, dove conobbe Gianluca, un grosso imprenditore di Varzi, che gli parlò per tutta la durata del volo di salumi, ed arrivò a Londra dove prese un taxi che lo accompagnò direttamente in albergo.

Pasqua non conosceva l’inglese, parlava un italiano fluente e, a sentire lui, anche il dialetto veneto.

Siccome l’ appuntamento con Mariagrazia era per il giorno dopo, Pasqua trascorse tutto il pomeriggio a dormire e, mentre si recava al ristorante per cenare, incontrò nella hall dell’ albergo Gianluca che gli propose di passare qualche ora in sua compagnia.

Andarono prima a cenare in un ristorante chic e, dopo aver bevuto innumerevoli bicchieri di whisky, si recarono alle tre del mattino in un noto night- club di lusso londinese.

Pasqua ha sempre affermato che nella sua vita non aveva mai pagato una donna, anche se «quando hai il portafoglio pieno e una bella macchina, hai la sensazione di toccare il cielo con il dito».

C’erano molte giovani donne sedute in compagnia di uomini anziani. Indossavano quasi tutte minigonne vertiginose e vestiti succinti. Gianluca scelse sbrigativamente una ventenne orientale, che indossava un paio di jeans strettissimi.

I due salirono nel piano superiore del night-club per approfondire la loro conoscenza e Pasqua rimase seduto ad un tavolo per aspettare che il salumiere lo riaccompagnasse in albergo.

Improvvisamente, una ragazza gli si avvicinò e gli chiese in italiano: «Mi offri qualcosa

Sembrava una studentessa universitaria.

Pasqua le chiese come mai parlasse l’ italiano e Viola gli confidò che era italiana e che faceva l’entraî neuse soltanto per pagarsi gli studi.

A dire il vero, Pasqua non sapeva neanche che la giovane donna intrattenesse i clienti, inducendoli alla consumazione di cibi raffinati e, soprattutto, di bevande costose.

Il cameriere si avvicinò e chiese che cosa doveva portare da bere.

Pasqua gli domandò, in un improbabile inglese, di portare una bottiglia di champagne.

Viola gli si avvicinò e cominciò a cambiare atteggiamento nei suoi confronti. La sua voce era diventata improvvisamente seducente. Pasqua, che non concepiva il fatto che una donna si prostituisse per denaro, cercava di cambiare discorso.

«Di che regione sei

«Sono veneta», gli rispose la ragazza, bevendo un sorso di champagne da un calice di cristallo.

Gli occhi di Pasqua si illuminarono a festa sentendo che la donna fosse veneta.

«Di che parte del Veneto sei?»

«Sono di Castelfranco», rispose la donna.

«Anch’ io, rispose Pasqua, come si chiamano i tuoi genitori

«Mia madre si chiama Malia. Ha quasi ottant’ anni e vive a Castelfranco. Mio padre è morto nel 1975».

Pasqua diventò pallido come un lenzuolo

«In che anno sei nata, Viola», le chiese Pasqua con un filo di voce.

«Il 30 agosto 1971»

Pasqua si sentì letteralmente mancare. La ragazza che era davanti a lui era presumibilmente sua figlia. Per fortuna che non aveva accettato l’invito della ragazza di accoppiarsi con lei in cambio di una lauta mancia.

Sulla dinamica dell’ accaduto, esistono due versioni: la prima è quella che vi ho raccontato e coincide al 99% con quella che Pasqua riportava ai suoi amici avvinazzati, ma quella che mi raccontò, qualche mese prima di morire all’ età di novant’ anni, è sconvolgente.

«Il mio destino è stato segnato da un avvenimento che ha letteralmente sconvolto la mia esistenza. Sei il primo al quale dico la verità perché voglio togliermi questo peso dal cuore. Quella notte del 1970, ho fatto l’ amore con Viola, mia figlia…

Aspetta qualche tempo, dopodiché potrai scrivere la mia disavventura. So che hai vinto un premio internazionale di racconti. Scelti tu il titolo del racconto, perché ho vissuto per quasi cinquant’ anni con questo dramma nell’ anima. Viola adesso è tornata a vivere a Castelfranco, si è sposata con un bravo ragazzo ed ha due figli ai quali lascerò anonimamente tutti i miei averi. Nella vita di tutti i giorni, la verità ha sempre due facce».

Forse, senza volerlo, Pasqua mi aveva suggerito anche il titolo del racconto…

Rimasi letteralmente allibito davanti alla sua confessione: «Pasqua della pace» aveva scelto proprio me per levarsi un peso dalla coscienza che lo avrebbe accompagnato inesorabilmente fino alla morte.



Sergio Melchiorre 07/07/2017 16:12 1 210

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Precedente di Sergio Melchiorre

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«A parte il refuso "Scelti tu", per Scegli tu, il racconto presenta quello che può definirsi " elemento a sorpresa", ma mi lascia perplesso un'incongruenza: come può Pasqua aver fatto l'amore nel 1970 con quella che scopre essere sua figlia Viola, nata il 30 agosto del 1971?»
Guido Buono

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

STORIA SCONVOLGENTE. BRAVO SERGIO. MA I RACCONTI (Giuseppe Vullo)

IN QUESTO SITO NON LI LEGGE NESSUNO, OGNUNO (Giuseppe Vullo)

LEGGE SE STESSO. BUON SABATO (Giuseppe Vullo)



Sergio Melchiorre ha pubblicato in:

Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieFesta delle Donne 2010
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 107 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Sergio Melchiorre:
Sergio Melchiorre
 I suoi 87 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Gina non ha più lacrime per piangere (07/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La verità nascosta (07/07/2017)

Una proposta:
 
La verità nascosta (07/07/2017)

Il racconto più letto:
 
La stanza del peccato (03/08/2013, 43586 letture)


 Le poesie di Sergio Melchiorre

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it