312 visitatori in 24 ore
 14 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 312

14 persone sono online
Autori online: 13
1 lettore online
Poesie pubblicate: 321’015
Autori attivi: 7’366

Gli ultimi 5 iscritti: Laura Cl - Meggy - Lothar mago - Augusto Cervo - Gaia
Chi c'è nel sito:
♦ Luigi Ederle Messaggio privatoClub ScrivereGiuseppe Vullo Messaggio privato ♦ Dorella Dignola Messaggio privatoClub ScrivereJosiane Addis Messaggio privato ♦ Pietro De Simone Messaggio privato ♦ aquilablu59 Messaggio privato ♦ Valentino Mazzuca Messaggio privato ♦ Roberto Stella Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privatoClub ScrivereEmilia Otello Messaggio privatoClub ScrivereAnna Maria Cherchi Messaggio privato ♦ Maria Francesca Barbaria Messaggio privatoClub Scriverezani carlo Messaggio privato
Vi sono online 3 membri del Comitato di lettura









Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Quando s'incominciò a non morire più

Fantasy

Si moriva da sempre, a cominciare dal primo uomo e dalla prima donna, Adamo ed Eva, scacciati da Dio dall'Eden per avere mangiato il frutto proibito, e condannati da quel severo Creatore al lavoro e, soprattutto, alla morte.

La maledizione divina colpì parecchie generazioni successive, ma poi Dio cominciò a dimenticarsi di quel castigo da lui inflitto: pur restando immortale, iniziò a perdere tante forze e a soffrire un po' di Alzheimer, e non si intromise più nelle sorti della sua creazione, nel mondo.

La gente però continuava a morire, non più per volontà divina, come s'è detto, ma perché veniva chiamata dai morti precedenti, quasi sempre dai familiari, dagli amici o dalle donne e dagli uomini amati: essi si annoiavano a stare soli o a fare quattro chiacchiere con anime appartenenti a persone che sulla terra, per loro, erano state dei perfetti sconosciuti.

L'egoismo che, se guardiamo le cose fino in fondo, regge tutti i rapporti sulla terra la faceva da padrone anche Lassù, si era impossessato di quelle anime, che si dicevano: "Se è morto il mio corpo, perché altri corpi laggiù devono vivere ancora, perché non si devono trasformare anch'essi al più presto in anime leggerissime come la mia? "

Questa situazione durava da svariate migliaia di anni ormai, ma pian piano quei morti si accorsero che stava nascendo un non semplice problema: le anime, per quanto leggerissime, pesavano comunque una ventina di grammi, ed occupavano sempre di più quello spazio paradisiaco che, seppur vastissimo, non era infinito. "Basta! ", cominciò a dire qualcuna. "Dobbiamo porre un freno a quest'immigrazione perpetua! Siamo già troppe, e se continueremo ad essere ancora così permissive questo nostro Paradiso si trasformerà in un inferno! Non invogliamo più i vivi a venire qui da noi, non chiamiamoli più! " Quell'opinione, dapprima minoritaria, col tempo si affermò, fu condivisa da tutte le anime del Paradiso, e sulla terra s'incominciò a non morire più.

All'inizio, l'umanità rimasta quaggiù fu molto contenta, ma ora la situazione sta diventando insostenibile, con tutti quei corpi che, se non si moltiplicano come voleva la Bibbia, comunque si addizionano, e anelerebbero, a un certo punto della vita, di raggiungere il Parasiso, come avevano fatto tutti i loro progenitori. Essendo ciò ora impossibile, tante persone stanno cercando di creare una sorta di paradiso artificiale, stanno tentando di colonizzare i pianeti più vicini alla Terra (Venere, Marte...) , per godere di spazi ampli e nuovi; ma sanno benissimo che l'artificiale paradiso dei corpi non potrà mai sostituire quello etereo e ineffabile delle anime!



Antonio Terracciano 27/08/2017 12:23 1 70

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Precedente di Antonio Terracciano

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Per carità, caro Antonio, non sia mai una cosa del genere! Ricordiamoci della simparica poesia "La Livella" di Totò, tutti dobbiamo arrivare a quel punto di... non ritorno...»
franca merighi 42

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Antonio Terracciano:
Antonio Terracciano
 I suoi 71 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Originale discorso di un cittadino illuminato (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Quando s'incominciò a non morire più (27/08/2017)

Una proposta:
 
Quando s'incominciò a non morire più (27/08/2017)

Il racconto più letto:
 
La moglie, l'amante e la prostituta (Tre lingue) (08/03/2011, 1550 letture)


 Le poesie di Antonio Terracciano

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it