4279 visitatori in 24 ore
 264 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4279

264 persone sono online
Autori online: 6
Lettori online: 258
Poesie pubblicate: 331’925
Autori attivi: 7’450

Gli ultimi 5 iscritti: Stopped - Abi - Abakbakonaf - pecka - RudolphFar
Chi c'è nel sito:
Club Scriveresergio garbellini Messaggio privato ♦ Eolo Messaggio privato ♦ Demetrio Amaddeo Messaggio privatoClub ScrivereMarco Forti Messaggio privato ♦ Gesuino Curreli Messaggio privatoClub ScrivereSaverio Chiti Messaggio privato
Vi sono online 4 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Paura del buio

Fantasy

Era da molto tempo che avevamo programmato di fare un’ escursione in montagna, cosi finalmente, quella mattina si decise di partire. Di tutta la comitiva, io con i miei trentacinque anni ero il più giovane, mentre gli altri amici avevano un’ età compresa tra i quaranta ed i quarantacinque anni.

Eravamo alle porte dell’ inverno, l’ aria era gelida, ma in compenso il cielo era terso e prometteva una giornata soleggiata. Ci incamminammo su per un sentiero ripido ed eravamo equipaggiati con l’ essenziale, ma essendo previdenti, avevamo tutto ciò che poteva necessitare in caso d’ emergenza e solo in seguito, mi accorsi che l’ essenziale non era affatto sufficiente in caso di pericolo.

Vittorio faceva da apripista ed io chiudevo la fila. Stavamo percorrendo una tratta critica, fra una fitta vegetazione di arbusti, roveti e imponenti alberi, dove a mala pena riuscivamo a vederci, ma tutto sommato la nostra passeggiata procedeva tranquilla. Stava andando tutto bene… fino a quando, essendo appassionato di piante, fui incuriosito da un fiore dai colori e dalla forma molto particolare, sembrava una pianta carnivora ma naturalmente non lo era.

Mi fermai per immortalarla con una bella foto, mentre gli altri, ignari della mia assenza, continuarono il cammino. Quando alzai lo sguardo, dei miei compagni d’ avventura non c’ era traccia, cercai di mantenere la stessa direzione ma ben presto mi accorsi di aver cambiato completamente via. Iniziai a chiamarli ma non ottenni alcuna risposta e solo in quel momento mi resi conto che mi ero perso. Fui colto dall’ ansia, il respiro era diventato corto ed iniziavo ad avere delle palpitazioni. Mi ripetevo: “ Stai calmo, vedrai che si saranno accorti della tua assenza e ti verranno a cercare.”

Decisi di fermarmi per non rischiare di allontanarmi ulteriormente, quando all’ improvviso udii degli strani rumori che provenivano da alcuni cespugli spinosi, fu un attimo, intravidi un animale che mi fissava in modo minaccioso e preso dal panico iniziai a correre più in fretta possibile, schivando alla meno peggio alberi e sterpaglie ma graffiandomi il viso e le mani e nella folle corsa mi cadde anche lo zaino. Ad un tratto miracolosamente mi ritrovai davanti all’ imbocco di una caverna, velocemente mi infilai dentro cercando di nascondermi. Sentivo il lupo avvicinarsi, così mi spinsi più all’ interno. Mi accucciai in un angolo nel buio più totale e per fortuna, il lupo si allontanò, forse distratto da qualche altro animale.

Sicuramente non avrei mai pensato di potermi trovare in una situazione del genere. Perso fra i monti, inseguito da un lupo e per di più in una grotta così buia da non riuscire ad intravedere nemmeno l’ uscita. Adesso l’ ansia si era tramutata in panico, non era nemmeno terrore per il lupo e nemmeno perché ero solo, ma semplicemente avevo paura del buio, ma non dell’ oscurità nel senso comune del termine, avevo la fobia di non poter vedere più.

La notte di solito dormivo con una piccola luce, oppure con le fessure della finestra socchiuse. La paura di non poter avere il controllo visivo delle cose attorno a me, mi terrorizzava. Era come se perdessi la sicurezza di me stesso, e il mio corpo fosse inghiottito dal nulla, diventando conforme e un tutt’ uno con il buio.

Era una sensazione sgradevole e nello stesso tempo angosciante, ed era un qualche cosa, che per il timore di sembrare un debole, non avevo confidato mai a nessuno. Respiravo a fatica e contemporaneamente sgranavo gli occhi fissando il vuoto nero, che sembrava un risucchio tenebroso, e annullava ogni mia piccola difesa. Cominciai a tastare le pareti per tentare di ritrovare l’ uscita, ma dopo aver fatto qualche metro, desistetti dal proseguire, forse pensando di sbagliare direzione.

Restai non so per quanto tempo rannicchiato, con le tempie che mi scoppiavano ed il cuore martellante che mi saltava in gola, pensavo tra me e me: possibile che i miei amici non si sono accorti della mia assenza?

Dentro di me ero combattuto, ma d’ altronde dovevo ritrovare le forze per cercare di controllare le mie emozioni, dovevo lottare con le mie fobie. Così iniziai a respirare profondamente dicendo a me stesso: “ Ce la puoi fare, se vuoi puoi vincere la tua ossessione…

Poi finalmente sentii delle voci che dicevano: ” Ci sono delle tracce ed anche fresche, saranno di Claudio, quasi certamente è passato da qui.”

Con la voce impastata gridai: ” Sono qua… dentro la grotta.”

Mi raggiunsero ed io sollevato esclamai: ” Ehi ragazzi, che bello rivedervi.”

Vittorio mi domandò: ” Ma come diavolo ci sei finito qua, eravamo dal versante opposto della montagna.”

Abbozzando un sorriso risposi: ” E’ una lunga storia, poi ve la racconterò.”

Ricominciammo a scendere, mentre il cielo si era fatto plumbeo e i primi fiocchi di neve scendevano, guardai in su, lasciando che mi cadessero sul viso, pensai che era tutto semplicemente meraviglioso, a volte, un’ esperienza che può sembrare negativa si trasforma in qualcosa di inaspettato e bello, avevo vinto una grande battaglia… con me stesso e le mie psicosi.

Anna Rossi 14/11/2017 04:50 1 268

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna RossiPrecedente di Anna Rossi

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Anche le fobie si possono sconfiggere e il destino ha voluto mettere alla prova chi, in questo caso, aveva una paura matta del buio... un’esperienza negativa può trasformarsi in qualcosa di inaspettato e bello... condivido il messaggio che l’autrice ha voluto condividere con i lettori... un bel racconto... scorrevole e coinvolgente»
Giacomo Scimonelli

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Un bel racconto. (Francesco Rossi)



Ritratto di Anna Rossi:
Anna Rossi
 I suoi 71 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Legami di sangue (05/03/2015)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Un incontro inaspettato (13/05/2018)

Una proposta:
 
Un incontro inaspettato (13/05/2018)

Il racconto più letto:
 
Lo sconosciuto (05/01/2017, 2701 letture)


 Le poesie di Anna Rossi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it