4279 visitatori in 24 ore
 264 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4279

264 persone sono online
Autori online: 6
Lettori online: 258
Poesie pubblicate: 331’925
Autori attivi: 7’450

Gli ultimi 5 iscritti: Stopped - Abi - Abakbakonaf - pecka - RudolphFar
Chi c'è nel sito:
Club Scriveresergio garbellini Messaggio privato ♦ Eolo Messaggio privato ♦ Demetrio Amaddeo Messaggio privatoClub ScrivereMarco Forti Messaggio privato ♦ Gesuino Curreli Messaggio privatoClub ScrivereSaverio Chiti Messaggio privato
Vi sono online 4 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Profumo di fresie

Biografie e Diari

Gli esperti scrittori consigliano di narrare in terza persona una storia anche quando si tratta di un racconto autobiografico, mantenendo l’ anonimato. Ma io non ne sento la necessità. Avevo finito il mio lavoro quotidiano un venerdì, alle cinque della sera, con un cielo coperto e grigio. Prima di prendere l’ auto, mi ero fermato da un fioraio in una edicola dismessa sul marciapiedi. Dovevo andare a casa della mia ragazza con la quale ero fidanzato da meno di un anno e volevo portarle un mazzo di fiori, i più belli e profumati che lui avesse: erano delle fresie che spandevano nell’ aria un profumo intenso ed inebriante. Ne acquistai due fascetti avvolti una carta di cellofan. Scrissi un biglietto con delle frasi carine e lo inserii all’ interno del cellofan. Entrai in auto e subito il profumo quasi insopportabile invase l’ interno di essa. Ero felice perché sapevo che la mia ragazza mi stava aspettando con ansia e quindi immaginavo il suo volto raggiante nel vedere a sorpresa il mio omaggio floreale. All’ improvviso da lontano vidi la figura di un’ altra ragazza con il pollice alzato per fare l’ autostop ed avere un passaggio. Prima di tutto mi meravigliai che per il posto in cui stava , un piccolo paese di provincia, e per quei tempi (parlo degli anni 60) che lei avesse l’ ardire di chiedere un passaggio ad uno sconosciuto. Il mio pensiero iniziale era quello di non fermarmi anche perché andavo di fretta e non volevo perdere tempo, ma lei mentre più mi avvicinavo più si metteva al centro della strada, per cui dovetti fermarmi. Era una ragazza molto bella, un fisico da sbalordire, alta, capelli biondi, occhi azzurri, una minigonna che lasciava scoperte delle gambe magnifiche, si vedeva che era una straniera. Si avvicinò al finestrino che avevo aperto per sentire cosa dicesse, ed in un italiano abbastanza corretto mi chiese un passaggio al centro della città esattamente dove ero diretto. Non seppi dirle di no, e non trovai nessuna scusa, ma la feci entrare nell’ auto più per soddisfare la mia curiosità per capire chi fosse e da dove venisse. Nel sedersi sul sedile anteriore al mio fianco, la sua minigonna salì ancora più su ed io mi sentii in un imbarazzo enorme e cercando di non guardare le sue gambe stupende mi davo un certo contegno per non fare la figura stigmatizzata dell’ italiano “ latin lover” a tutti i costi. Incominciai a farle qualche domanda e mi disse che veniva dall’ Australia ed era stata ospite di suoi parenti e che quel giorno era l’ ultimo della sua permanenza in Italia perché l’ indomani mattina sarebbe partita dall’ areoporto di Capodichino per Sidney. Ad un certo punto lei sentì il profumo delle fresie, ma io non le dissi perché le avevo sui sedili posteriori. Durante il percorso parlammo di più argomenti, era una ragazza per bene ma appartenente ad un altro mondo ed un’ altra mentalità. Io più la guardavo e più mi piaceva. La sua bellezza, il profumo inebriante delle fresie, mi stordirono a tal punto che io pensai che era un vero peccato che l’ indomani sarebbe andata via, perche senz’ altro le avrei chiesto un appuntamento. Alla fine del percorso ci salutammo con una stretta di mano ed un sorriso. Arrivai a casa della mia ragazza con un grande senso di colpa per il trasporto che avevo provato per l’ australiana più dettato da un istinto mascolino che da un vero improvviso sentimento, e dentro di me ringraziai il cielo che la cosa fosse finita li. L’ abbraccio, il sorriso, i baci della mia fidanzata che aveva letto le mie frasi d’ amore scritte sul biglietto tra le fresie odorose mi fecero dimenticare tutto e capire quale fosse il vero amore.


Antonio Guarracino 29/11/2017 17:41 241

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Antonio GuarracinoPrecedente di Antonio Guarracino

Nota dell'autore:
«Questo episodio mi è rimasto impresso nella mente e fa parte del mio vissuto. Comunque la mia ragazza di allora è "la" mia moglie di adesso a cui adesso ho fatto leggere questo racconto e mi ha ricordato che ho fatto bene a non cambiare la via vecchia per la nuova. C’è a tal proposito una canzone napoletana che si intitola " E allora? "Avrei potuto riscriverla con quello che mi è successo.»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Antonio Guarracino:
Antonio Guarracino
 I suoi 26 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Gli esami di maturità (29/04/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Caro Amore (16/04/2018)

Una proposta:
 
Caro Amore (16/04/2018)

Il racconto più letto:
 
Gli esami di maturità (29/04/2014, 668 letture)


 Le poesie di Antonio Guarracino

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it