3060 visitatori in 24 ore
 183 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3060

183 persone sono online
1 autore online
Lettori online: 182
Poesie pubblicate: 337’128
Autori attivi: 7’490

Gli ultimi 5 iscritti: giulia4567 - Mirko Vangi - Andreesove - Francesca Albarella - Beatrice Piras
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereRita Stanzione Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Voglia di favole

Fantasy

Era al tramonto di una bellissima giornata e il Sole, deluso degli uomini e della loro cattiveria, ma soprattutto stanco di essere soltanto luce e calore, volle provare il freddo, il gelo dei ghiacciai e dei cuori induriti, privi di sentimento.

Fu così che si rivolse al Tempo, il dio che trasforma ogni cosa, e gli chiese: ” Tu che puoi tutto, che nutri, crei, plasmi, trasformi, curi, distruggi ogni cosa, puoi farmi diventare di ghiaccio? Così che nessuno possa più ricevere il mio calore ed il mio amore. Voglio sentire l’ indifferenza che attraversa ogni singola particella del mio essere e non provare più nulla.”

Il Tempo, dal carattere burbero ed arcigno, ascoltò con interesse il desiderio del Sole, si fermò un istante a pensare e dopo aver riflettuto… mentre continuava a scorrere lento nel suo incedere ed a scandire i minuti e le ore, gli chiese: ” Sei sicuro di volerlo fare? Ognuno in questo mondo ha il suo destino, tu hai quello di far crescere la vita, di far nascere ogni cosa, dal seme al fusto, dai fiori al frutto e all’ amore… sei ben visto e amato da tutti, sei sicuro di volerci provare?”

Il Sole sempre più insoddisfatto rispose: ” Certamente, voglio cambiare, sono stanco di fare la stessa vita, voglio conoscere i brividi del gelo così poi, da poter apprezzare il caldo.”

Il Tempo sospirò, si accarezzò la sua lunga barba bianca e dopo un attimo di esitazione, pensò di accontentarlo. Ritornò indietro milioni e milioni di anni prima, cosicché l’ astro divenne improvvisamente buio, freddo… Il mondo si oscurò all’ istante e le tenebre presero il posto della luce.

Tutt’ intorno era ghiacciato e la vita scomparve. Fu così che da quel momento il sole, ingrigito ed intristito, se ne stava lì in mezzo in quell’ universo nero, coperto d’ immense distese di neve. Non si udiva nulla, nemmeno un flebile suono, tutto aveva il sapore della morte.

Passarono giorni, mesi ed anni; ogni cosa era rimasta cristallizzata, fissata nell’ attimo in cui il Sole si era trasformato in un deserto di gelo.

Accadde poi qualcosa di straordinario, nella terra sommersa dalla neve, era sopravvissuto un piccolo seme, non si sa come, non era morto ma semplicemente addormentato e nonostante le difficoltà di venir fuori dalla coltre nevosa, che fino a quel momento l’ aveva protetto, venne alla luce, ma quanta delusione quando si accorse che tutt’ intorno era buio. Aveva tanto freddo e si era già pentito di essere stato così imprudente da uscire alla scoperto. Una lacrima spuntò dai suoi piccolissimi inerbi germogli e si posò sulla terra, ma nel punto esatto dove era caduta, una goccia d’ acqua si svegliò dal lungo letargo e disse al seme: ” Ehi tu… da dove spunti?”

Il seme incredulo che ci fosse una qualsiasi forma vivente, rispose: ” Che bello poter sentire la voce di qualcuno, mi chiamo Fagiolino.”

La goccia si stiracchiò, dicendo: ” Ti devo ringraziare perché mi hai svegliato con il calore della tua lacrima.”

Nel frattempo il Sole sempre più annoiato, si girava e rigirava, guardando indifferentemente di qua e di là, come chi non ha interesse per niente e per nessuno. Poi la sua attenzione fu attratta da qualcosa che si muoveva, la curiosità fu maggiore della sua impassibilità e volle vedere più da vicino quello che stava accadendo. Disse: ” Chi osa disturbare il mio sonno? E chi ha ancora la forza di sopravvivere a tutto questo inferno?”

Si sporse in avanti con difficoltà e riuscì ad intravedere solo lo strano incontro tra il seme e la goccia d’ acqua, i suoi occhi erano rimasti immobilizzati per troppo tempo ed aveva difficoltà per focalizzare ciò che avveniva, tuttavia in compenso ci sentiva ancora molto bene.

Fagiolino sempre più debole diceva alla goccia: ” Credo che non avrò più molto da vivere, sento che le forze mi stanno per abbandonare ed i piccoli germogli irrigidirsi.”

La goccia rattristata rispose: ” La stessa sorte toccherà a me, presto mi addormenterò per sempre, però prima voglio abbracciarti, per sentire, anche se solo per un attimo, un soffio di vita.”

La goccia scivolò sul seme e così restarono per un istante, stretti in un triste saluto d’ addio. A quel punto il Sole che aveva ascoltato tutto, dapprima freddo e distaccato, lentamente avvertì un tiepido calore che risaliva intorno alla sua sfera, provocandogli un formicolio ai raggi, si agitò spaventato, quello che provava era qualcosa di magico, una sensazione di benessere che aveva dimenticato ormai da troppo tempo. Le parole del seme e della goccia avevano sciolto la dura corazza che si era costruito, l’ emozione aveva avuto il sopravvento sull’ indifferenza, liberandolo dalla prigione del tedio, della indolenza e del disinteresse. Decise che doveva fare qualcosa, per impedire che la vita scomparisse per sempre.

Ma doveva sbrigarsi, ormai non restava molto tempo, Fagiolino aveva già cambiato colore e stava diventando pallido e quel fievole tepore che lo aveva penetrato da una parte all’ altra dell’ astro, stava dissolvendosi.

Il Sole chiamò nuovamente il dio Tempo, ma non ottenne alcuna risposta, ciò nonostante non si diede per vinto e chiamò, richiamò fino a non avere più voce. Finalmente il Tempo, infastidito dall’ insistenza del Sole gli rispose: ” Perché strilli così tanto? Non sono mica sordo, e nemmeno uno sfaticato come te che perde tempo a non fare nulla, io non mi fermo mai nemmeno per un secondo.”

Il Sole ribatté: ” Dio Tempo, ho sbagliato, pensavo che non provare più nulla mi avrebbe reso felice e immune dal dolore, ma adesso ho capito che invece ne ho provocato tantissimo, ridammi la luce, il calore, affinché possa fare rinascere la speranza nel domani.”

Il Tempo come era suo solito non rispose subito, lasciò il Sole sulle spine in attesa della sua decisione, poi questi con voce solenne sentenziò: ” Se è questo che vuoi, sia fatto… ma non potrai mai più ritornare indietro.”

Il Sole tirò un sospiro di sollievo e rallegrato disse: “ Non ho nessuna intenzione di ripetere lo stesso errore.” D’ improvviso una luce immensa lo colpì facendolo brillare e sulla terra ridivenne giorno, intanto Fagiolino, che ormai sembrava rassegnato alla sua triste fine ed aveva reclinato il capo attendendo il peggio, fu illuminato da un caldo raggio, che lo ristorò facendolo sorridere.

La goccia intanto aveva trovato altre sorelle che si erano destate dal lungo sonno e piano piano felici si abbracciarono, diventando così un ridente ruscello, sulle cui sponde nacquero piante e fiori.

Ora nel mezzo della volta celeste, l’ astro risplendeva come non mai, irradiando con i suoi raggi tutta la terra e la sua immensa ricchezza di vita.

Anna Rossi 02/03/2018 07:57 260

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna RossiPrecedente di Anna Rossi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

DOLCISSIMO RACCONTO PER I NIPOTINI-BRAVA! (franca merighi 42)



Ritratto di Anna Rossi:
Anna Rossi
 I suoi 77 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Legami di sangue (05/03/2015)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Una storia di paese (U cori ferito) (23/11/2018)

Una proposta:
 
Una storia di paese (U cori ferito) (23/11/2018)

Il racconto più letto:
 
Lo sconosciuto (05/01/2017, 3069 letture)


 Le poesie di Anna Rossi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it