4135 visitatori in 24 ore
 160 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4135

160 persone sono online
Autori online: 3
Lettori online: 157
Poesie pubblicate: 331’098
Autori attivi: 7’438

Gli ultimi 5 iscritti: Milk and Death - ffranck08 - Donetti Nicolò - Ruggero PierPaolo Giglio - Alda Bia
Chi c'è nel sito:
♦ Ela Gentile Messaggio privato ♦ Danilo Tropeano Messaggio privatoClub ScrivereLia Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Diario

Biografie e Diari

Faccio sempre i conti con la coscienza, a volte rotolo per le scale! E’ difficile fronteggiare la scimmia, il cane e affidarsi all’ angelo custode. In particolare è la scimmia l’ animale meno docile da tenere a bada, esce dal suo rifugio senza nessun avvertimento in cerca di banane, senza darmi tregua, grida, strilla, mostra i denti atavici del primitivo uomo, salta da ramo a ramo, vuole, pretende, si affida ai denti. Il cane invece è docile, scodinzola sempre la coda, chiede carezze, andiamo d’ accordo di solito, ci facciamo compagnia anche se a volte scappa dal guinzaglio con strapponi, lo devo rincorrere e questo mi da un fastidio enorme, se lo chiamo continua nella sua corsa sfretata; Ci gioco, mi diverto, mi fa compagnia senza parlare, facciamo lunghe passeggiate nei boschi, in riva al mare, per le strade del quartiere, ma quando abbaia è tremendo, gira per le viscere e mi sconforta, poi, in un angolino di me zittisce, mai si addormenta, si lecca il dolore, fa capriole poi piano, ritorna nella sua cuccia senza avvertirmi. Mi vesto con foglie di nulla a volte, mi faccio male, mi tiro le orecchie da solo, dimentico di volermi bene, dimentico chi sono, mi sperdo dentro e non trovo la strada della quieta fino a quando non arriva lui, l’ angelo con le sue ali bianche vestito di luce, mi rassicura, mi consiglia mi aiuta a scacciare i brutti sogni, mi fa ridere, a volte si veste da Chaplin, bastone e bombetta, cammina strano, con smorfie mi fa ridere, mi aiuta nelle doglie dell’ esistere, mi conforta, mi invoglia a scrivere poesie e racconti, a leggere e a rileggere le storie del mio esistere ad avere stima di me, di trovare, di cercare l’ accordo con scimmia e cane, farli convivere nella stessa metaforica tana o cuccia. L’ angelo è un sole nelle viscere, una luna nel buio della notte, il custode di me stesso, veglia sulla mia persona, mi porta luce, ha il dono di far scomparire ogni ferita, appare e scompare, si diverte, quando sto di male umore mi solletica; Non mi dice mai il suo nome quando glielo chiedo, lo chiamo me, indossa sempre una lunga tunica bianca, ha lunghi capelli con riccioli di colore oro che poggiano sulle spalle, due grandi ali bianche come il colore delle nuvole in primavera quando il cielo celeste copre la terra. Scarto dentro ai miei pensieri le pietruzze lunari che impediscono il percorso degli stessi nell’ oceano del tutto mare tra anfratti di buio e alghe ballerine. Scarto, setaccio l’ acqua sporca che rende i miei pensieri appannati, senza luce e senza fiamma; Li libero dalle scorie del sentire primitivo, li pulisco dalla loro falsità, poi analizzo la composizione della loro nascita il momento e il tempo, le immagine che producono i ritmi e le cadenze, le pause e la sostanza, in’ ultimo comprendo bene il letto del fiume e i depositi dell’ acqua che creano la sabbia. Me ne rammarico di questo... Poi, rido, paragono spesso questi depositi di sabbia al motore della mia macchina che ogni mattina sbuffa, non gira a dovere, così mi perdo nell’ elica del motorino di avviamento, perdo spesso il perché del tutto, domanda, che poi ritorna sull’ asfalto autostradale quando ascolto Pino Daniele che mi conduce piano al di là della porta d’ ingresso del mio cuore dove tra vallate colorate scorrono chiari fiumi.

Macchio di me fogli bianchi ruvidi.

Lo faccio da sempre.

Lascio l’ impronta dei miei pensieri

con il nero colore dell’ inchiostro di china.

Metto insieme fuoco e parole.

Studio le orme dei miei passi

e il peso della loro profondità.

Insomma,

mi guardo nelle orme

come un qualsiasi altro uomo

si guarda allo specchio,

a volte mi rinnego,

non comprendo chi sono,

altre mi abbraccio,

mi coccolo,

bacio lo specchio lasciando

le impronte delle mie labbra sullo stesso

per breve tempo,

fino a quando l’ aria fredda

che entra dalla finestra

non le fa evaporare,

scomparire definitivamente

nel riflesso del niente.


Pasquale Lettieri 08/03/2018 12:49 189

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Precedente di Pasquale Lettieri

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Pasquale Lettieri ha pubblicato in:

Libro di poesieFoto di gruppo con poesia
Autori Vari
Un ritratto degli autori del sito attraverso le loro poesie

Pagine: 200 - € 14,00
Anno: 2009 - ISBN: 978-88-6096-494-6


Libro di poesieSalutiamo Eluana
Autori Vari
Poesie per la morte di Eluana Englaro, dallo Speciale "Salutiamo Eluana"

Pagine: 68 - € 9.53
Anno: 2009


Libri di poesia

Ritratto di Pasquale Lettieri:
Pasquale Lettieri
 I suoi 154 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Acino lo Gnomo (21/12/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Diario (08/03/2018)

Una proposta:
 
Diario (08/03/2018)

Il racconto più letto:
 
Le due Sirene (05/01/2011, 4582 letture)


 Le poesie di Pasquale Lettieri

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it