4395 visitatori in 24 ore
 246 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4395

246 persone sono online
Autori online: 9
Lettori online: 237
Poesie pubblicate: 332’403
Autori attivi: 7’453

Gli ultimi 5 iscritti: Riccardo Migani - angeloyzf - Carlo Molinari - Felice Ruggiero - maria attanasio
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereAnna Maria Cherchi Messaggio privato ♦ Libera Mastropaolo Messaggio privato ♦ Antonella B antoequi Messaggio privatoClub ScrivereCarlo Sorgia Messaggio privatoClub ScrivereLia Messaggio privatoClub ScrivereGiuseppe La Rocca Messaggio privatoClub Scriverelentini gaetano Messaggio privatoClub ScrivereAndrea De Flora Messaggio privatoClub ScrivereStefana Pieretti Messaggio privato
Vi sono online 4 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Mondi lontanissimi IV

Biografie e Diari

Non chiusi occhio, forse riuscii a pezzi e bocconi a staccare il cervello per due ore.

Alle 9: 00 dovevo andare in tribunale. Venne mio fratello a prendermi.

Il solo pensiero di rivedere il mio ex, i giornalisti, rivedere le foto, ascoltare di nuovo le testimonianze, le perizie mi veniva la nausea.

Ci son voluti quasi sette anni e una barcata di soldi, per far muovere la giustizia e qualunque sia il risultato finale mi porterò per sempre dietro le fratture, le botte e le violenze subite.

Non scorderò mai.

Volevo un compagno per la vita, mai avrei pensato di finire così.

Le mura domestiche sono il rifugio dal mondo esterno, il posto dove bisognerebbe stare in pace e calma e non un inferno.

Tutto questo dolore era evitabile?!

Eravamo mondi lontanissimi, due pianeti diversi, due ecosistemi impossibile da conciliare.

Mi lavai la faccia nonostante le lacrime scendessero ancora.

Feci il caffè, mi detti un po di trucco, giusto per coprire le occhiaie.

Raya dal suo angolino mi guardava.

Suonò il citofono, era mio fratello. Fortuna che almeno avevo lui.

Se ripenso alle volte che voleva farsi giustizia da solo, mentre stavo al pronto soccorso sotto sedazione per la frattura del braccio e dello zigomo. Lo avrebbe ucciso e si sarebbe rovinato, lo feci desistere tirando in ballo la famiglia, mossa non etica, ma non volevo che pure lui pagasse.

Carezzai il cane e chiusi la porta.

Durante il viaggio persi la nozione del tempo. Tremavo e sentivo un disagio crescere come un’ onda di marea.

" Coraggio Cri, dai che ci siamo" disse mio fratello stringendomi la spalla.

Scesi dalla macchina.

Orde di giornalisti, in prima fila, un po’ di polizia e troppi curiosi. Ci mancavano giusto loro.

Un giornalista di "Qui Livorno" pelato più di cazzo di attore porno e alto quando un francobollo schiacciato, mi si parò davanti mettendomi lo smartphone sotto il mento chiedendomi " cosa si aspetta da questo processo? pensa di avere giustizia? " Risposi bruscamente " Chiedi a tua sorella se avesse subito quello ho sopportato io e vedi che ti risponde nano da giardino. Sparisci ".

Feci ancora un’ altra decina di passi e un reporter della 7 mi bloccò il passo " Cristina Zecchi, cosa si aspetta da questo processo? "

Il mio nome, era un secolo, che non lo sentivo pronunciare. Di solito ero “ la stronza”, “ la puttana”, “ la troia”.

Mi ripetè la domanda, fortuna mio fratello mise in avanti il braccio e mi tolse da ogni impiccio.

Stavo per cedere, volevo urlare con tutta la rabbia del mondo: “ voglio vendetta”, “ voglio vederlo morto” sparite, levatevi dai coglioni “.

Sì, morto. Come durante l’ ennesimo litigio, mi strinse le mani attorno al collo dicendomi " devi morire bastarda ". Smisi di respirare, persi i sensi.

Al risveglio ero a terra, dolorante, con due costole rotte ed un occhio tumefatto. Mi trovò la colf che veniva a pulire casa un giorno sì e tre no. Non m’ avesse trovato, sarebbe stata la fine.
Mi trasferii da mio fratello per un periodo. Un calvario fatto di notti in bianco, anoressia, crisi di panico, paura della mia stessa ombra.
Le volte che uscivo, cercavo sempre un luogo affollato e vicino ad un negozio. Ogni angolo che incrociavo mi fermavo, avevo timore di ritrovarmelo davanti.

Non era vita.
Quando sarebbe finita?
Gli amici o quelli che credevo di avere, non si fecero sentire, mai. Non chiesero, sparirono. Come se non esistessi, come se fossi morta, in un certo senso lo ero.
Ed ora eccomi qua a rivivere quel maledetto passato.
Con tutta la montagna di accuse, denunce, querele e minacce si beccò solo l’ obbligo di firma ed un proveddimento restrittivo, non poteva avvicinarsi oltre i 300 metri. Figuriamoci che paura.
Cambiai città, cambiai casa e cercai di ripartire da quel poco che mi era rimasto.


Fine IV parte


Matteo Bio Matteucci 29/04/2018 18:43 58

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Matteo Bio MatteucciPrecedente di Matteo Bio Matteucci

Nota dell'autore:
«Capitolo con parole forti. Senza voler minimizzare o screditare tali tematiche, spero che nessuno ne resti offeso. Mi dispiacerebbe.
Grazie
»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Matteo Bio Matteucci:
Matteo Bio Matteucci
 I suoi 133 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Scatole & ricordi (09/09/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Mondi lontanissimi VI (Epilogo) (02/05/2018)

Una proposta:
 
Mondi lontanissimi IV (29/04/2018)

Il racconto più letto:
 
Voglie (27/04/2016, 3365 letture)


 Le poesie di Matteo Bio Matteucci

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it