4242 visitatori in 24 ore
 246 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4242

246 persone sono online
Autori online: 4
Lettori online: 242
Poesie pubblicate: 331’795
Autori attivi: 7’449

Gli ultimi 5 iscritti: Abakbakonaf - pecka - RudolphFar - Gioirose - Tugpleli
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereMarco Forti Messaggio privatoClub ScrivereLia Messaggio privatoClub ScrivereDanilo Tropeano Messaggio privato ♦ Bruna R xdire Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Due amiche virtuali

Sociale e Cronaca

Alcuni anni fa, mi hanno regalato il computer, che per me, già nonna di 74 anni, non era una cosa tanto comune....

Infatti, i primi tentativi sono stati un disastro completo. Non avevo la più pallida idea di cosa fosse un “ file”, un “ link” una “ chat” un “ copia e incolla” e tutto quel aprire e chiudere di “ finestre” già mi avevano fatto venire il raffreddore! (Scherzo, naturalmente, anche se...)

Se non fosse stato per mio figlio, i miei nipoti, e una ragazza che, piano piano, su FB, con una santa pazienza, cercava di insegnarmi, “ virtualmente”, ora non sarei qui a scrivervi. Tutto incominciò, quando mi resi conto, che c’ era un “ sito” che si chiamava “ Scrivere” dove si potevano mandare delle poesie, e siccome a me piaceva moltissimo scriverle, (anche se non avevo nessuna preparazione al riguardo) mi ci buttai di capofitto, rendendomi conto molto presto, però, che non sapevo nè dove incominciare, né dove finire, così incominciai a fare qualche domandina, come se niente fosse, a questa ragazza che scriveva così bene, e che guarda caso, lo faceva nella lingua del mio paese di adozione... il Venezuela

Arianna, così si chiamava, scriveva poesie molto complicate, per i miei gusti, ma evidentemente piacevano un sacco, perché aveva tantissimi lettori e dei commenti molto profondi, io avrei voluto commentarle ma non sapevo da dove incominciare, e poi Arianna le presentava benissimo, con delle foto molto adatte, e anche una musica di sottofondo...

E così, con la scusa di chiederle questo o quello, ci scrivevamo delle lunghe email, dove mi spiegava della brutta situazione che stava vivendo il paese, e della paura che andando avanti di questo passo le cose sarebbero andate ancora peggio. Infatti, incominciò l’ odissea delle lunghe code davanti ai supermercati, chi si alzava addirittura alle due di notte per avere i primi posti e non correre il rischio di rimanere senza niente, chi sveniva sotto il sole cocente, bambini piccoli in braccio alle loro mamme sfinite, che piangevano disperati per la fame, donne anziane, insomma, un vero calvario. Non sapevano pero’ che era ancora tutto rosa e viole, come si suol dire, perchè non passò molto tempo che i supermercati si svuotarono completamente, e non serviva più fare le code, tanto, non avrebbero trovato niente, e se per caso c’ era ancora qualcosa costava un occhio della testa...

Le medicine sparirono anche quelle, e i bambini più piccoli avevano bisogno di pannolini, si incominciò a mettere loro degli stracci con sacchetti di plastica al posto delle mutandine igieniche, e la malnutrizione, malattie e infine la morte erano ormai diventate una cosa normale.... Mia nipote stessa, malata di Glaucoma, non trovava più le gocce per gli occhi, io in principio gliele feci avere con persone che viaggiavano a Caracas, ma dopo poco tempo erano i venezuelani che scappavano da quel inferno (quelli che potevano) molti altri stanno ancora là, come i miei nipoti e altre persone amiche, dimagrendo a vista d’ occhio, e purtroppo mia nipote ora non ci vede più, senza la cura è diventata cieca!

Io e Arianna non sapevamo più cosa dirci, era rimasto solo il rosario da pregare. Lei manda ancora oggi delle belle poesie, ma in ogni riga, in ogni parola, traspare il dolore, la disperazione di una vita senza speranza. Domenica 20 Maggio, ci saranno le votazioni, e ci sono dei punti dove si stà alzando la voce e non solo, ma tutti sanno che vincerà di nuovo l’ ingiustizia e la fame!!!

Mi dispiace tanto per i miei famigliari, non poterli aiutare è la cosa più triste, ma anche lei, la mia cara amica Arianna stà soffrendo le conseguenze di questo incubo. Possiamo solo pregare da qui, perché il Nostro Signore abbia pietà di tutte queste persone, che l’ unica colpa che hanno è quella di essere nati nel paese che una volta era il fiore dei fiori dell’ America Latina, il più ricco e bello del mondo...


Franca Merighi 19/05/2018 15:18 1 83

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Franca MerighiPrecedente di Franca Merighi

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«La leggerezza e lo sfogo dell’anima che è lo scrivere poesie vengono affiancate a vere e proprie durezze della vita, e nel condividere con l’amicizia l’una e l’altra cosa, sublimandole con la preghiera e la vicinanza del cuore, l’Autrice rende l’idea che la vita scorre e regala anche sorrisi e speranze.»
poeta per te zaza

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

delicata come una piuma... profonda come un abisso (Silvie)

molto apprezzata (Silvie)

Toccante il tuo realistico racconto. (Vera Bianchini)

Toccante il tuo realistico racconto. (Vera Bianchini)



Ritratto di Franca Merighi:
Franca Merighi
 I suoi 28 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Era il 1942 (13/07/2017)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Una storia come tante (08/06/2018)

Una proposta:
 
Una storia come tante (08/06/2018)

Il racconto più letto:
 
Era il 1942 (13/07/2017, 454 letture)


 Le poesie di Franca Merighi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it