4346 visitatori in 24 ore
 210 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4346

210 persone sono online
Autori online: 8
Lettori online: 202
Poesie pubblicate: 334’329
Autori attivi: 7’460

Gli ultimi 5 iscritti: HowTokix - DomenicoBerardi - maryzz19xx - Simone Pietobono - Quel ragazzo
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereRosetta Sacchi Messaggio privato ♦ romeo cantoni Messaggio privatoClub ScrivereDelfina Andolfi Messaggio privato ♦ Davide Zocca Messaggio privato ♦ daniela dessì Messaggio privato ♦ Antonella Scamarda Messaggio privatoClub ScrivereDonato Leo Messaggio privato ♦ RossellaP Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Poe e Pro

Biografie e Diari

“ Questo filo sottile tra di noi lo vedranno Pro? “
“ Non so Poe. “

“ Neppure io. Eppure noi due siamo dalla stessa parte…”

“ In qualsiasi momento della giornata all’ improvviso sorge in me un pensiero che domina gli altri oppure un ricordo mi sospinge nel mare delle emozioni ed io navigo navigo, mi allontano in quella vasta immensità.

Mi dicono che non sto con i piedi per terra, lanciano occhiate, sogghignano. Sono forse una dea minore? Forse poesia vuol dire assenza dalla realtà?”

“ E’ amore, Poe, è amore per la realtà che spinge a guardarla da altre angolazioni, sotto altra luce. Usiamo un termine moderno e chiamiamolo filtro. E chi ha uno sguardo sprezzante verso di te, credendo che tu stia sulle nuvole, mentre la realtà è diversa, non sa quanto tu possa essergli di aiuto a vivere, facendogli apprezzare quello che c’è intorno, quello che è costantemente sotto i suoi occhi e che non vede.

Crede che tutto sia bianco o nero. E i colori Poe? Dove sono i colori? Che tutto sia chiaro o scuro. E le sfumature? Dunque c’è il sole ardente ed il temporale. Ma gli arcobaleni Poe, esistono anche gli arcobaleni… Devo forse ricordartelo io?

Forse sei un po’ amareggiata. Ma è un momento. Tu sei così, io ti conosco. Tu ami le emozioni forti, tu vivi di sensazioni, vivi intensamente, passi da un estremo all’ altro. E ti si legge tutto in viso. Sei spontanea, sei vera, sei unica.

Non so se assomiglio più io a te o tu a me. Non te ne accorgi, ma spesso prendo a prestito da te metafore, espressioni eleganti, entro nel tuo ritmo, nella tua musica e la trasporto nel mio percorso.

Pensi sia facile per me parlare della crudeltà della vita, del male, delle illusioni, dell’ accaduto, di viaggi, di nascita e morte, di quotidianeità con una certa crudezza, in maniera netta? Però lo devo fare e spesso attingo da te una parola che dica le stesse cose ma che abbia un suono nuovo. Insomma mitigo lo schiaffo con una carezza.”

Questo aveva detto Pro a Poe, senza fermarsi, senza sputare e poi d’ improvviso s’ era zittita.

Poe era rimasta in silenzio tutto il tempo ad ascoltare. Nella sua sofferenza inquieta, inspiegabile. Lei anche in una situazione allegra non gioiva mai del tutto così come mai del tutto provava dolore in situazioni opposte.

Pro aveva fatto un discorso ampio, si era spinta ben oltre quelle che erano le paure e le titubanze di Poe, insomma aveva tenuto una specie di monologo e lei aveva perso il filo, avrebbe voluto dirle cose diverse, condurre il discorso altrove.

Cosa che si poteva rimandare ad altra giornata, altro momento, altra occasione.

Poe sapeva di essere. Era ritmo, musicalità, sentimento, emozione, sensazione, stato dell’ anima, immaginazione, sensibilità. Con tutto ciò si calava nella realtà, a modo suo, con i suoi mezzi e le sue forme.

Era cambiata nel tempo, ora libera, svincolata da tutto, non amante delle regole. In altri tempi imprigionata nelle rime e alle prese con sonetti, endecasillabi, e con schemi rimici diversi.

Imprigionata però non è la parola giusta. Allora non si sentiva così. Erano tempi diversi, realtà diverse. E si sentiva adeguata.

Abbandonò i suoi pensieri e tirando un sospiro disse: Forse il lettore si sta annoiando …

“ Ok Poe, io mi siedo sul muretto ad osservare il tramonto. Lo faccio spesso. E’ lì che attingo i colori per le mie storie.”

“ Pro, io invece vedo di raggiungere lo scoglio e di restarmene appollaiata ad ascoltare il mare”.

“ Ma è lontano lo scoglio, non puoi arrivarci, Poe! “

“ Lo so Pro, ma se chiudo gli occhi sono già lì “


Rosetta Sacchi 17/06/2018 19:12 1 101

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Rosetta SacchiPrecedente di Rosetta Sacchi

Nota dell'autore:
«Poe e Pro rappresentano la Poesia e la Prosa»

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Ho iniziato a leggere per curiosità e mi sono trovato davanti un racconto ricco di metafore originali e affascinanti. Pro e Poe stanno dalla stessa parte e li divide solo un filo sottile. Per entrambi, pensieri e ricordi, nascono improvvisamente e le emozioni che scaturiscono dalla mente sono frutto di sensazioni figlie di un sentire profondo che li accomuna. Poe è spontanea, vera ed unica. Pro, molte volte, utilizza in prestito da Poe, metafore ed espressioni eleganti per esprimere i propri concetti. Molto bello il monologo di Pro e bellissimo il dialogo finale tra Pro e Poe... Un racconto fantasioso e ricco di verità... Ben scritto e avvincente»
Giacomo Scimonelli

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

molto apprezzato (Rasimaco)



Ritratto di Rosetta Sacchi:
Rosetta Sacchi
 I suoi 32 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Non voglio mai più sentirmi sola (13/08/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Pixy (29/06/2018)

Una proposta:
 
Ruth (12/06/2018)

Il racconto più letto:
 
Non voglio mai più sentirmi sola (13/08/2013, 1030 letture)


 Le poesie di Rosetta Sacchi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it