3457 visitatori in 24 ore
 204 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3457

204 persone sono online
Autori online: 10
Lettori online: 194
Poesie pubblicate: 336’222
Autori attivi: 7’486

Gli ultimi 5 iscritti: Loreta Carcaterra - Mezzo Pazzo - LarrySit - WalterSpode - WilliamahTen
Chi c'è nel sito:
Club Scriverelentini gaetano Messaggio privatoClub Scriverepoeta per te zaza Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Ghione Messaggio privato ♦ Tonia La Gatta Messaggio privatoClub ScrivereLara Messaggio privato ♦ Stefano Sini Fossiànt Messaggio privato ♦ fausto di pasquale Messaggio privato ♦ Adriana Messaggio privato ♦ Anna Eustacchi Messaggio privato ♦ Mario Bugli Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Incontro colpevole

Fantasy

Fra poco l’ aereo sarebbe aterrato al aeroporto di Barajas (Madrid), ed io non stavo più nella pelle, perchè avrei rivisto dopo la bellezza di vent’ anni, la mia più cara amica, quasi una sorella per me.

Avevamo fatto le elementari assieme, poi le medie e le superiori, e non c’ era festa che noi non frequentassimo nella stessa scuola. Avevamo anche i nostri "fidanzatini", che però, non sono mai diventati i nostri mariti, perchè le nostre vite si erano divise, e ognuna seguì la propria strada. Ora, Maria viveva a Madrid, era felicemente sposata e aveva anche un maschio di sedici anni e una bellissima bimba di otto. Noi comunque, siamo state sempre in contatto, sia per telefono che per Skype.

Io invece, ero separata, il mio ex marito si era rivelato un incallito Don Giovanni, ed io ero stanca di perdonare le sue "innocenti" scappatelle, (come le chiamava lui...). Non mi ero mai più innamorata, ed ora... mi consideravo troppo "matura" per ricominciare una storia.

Mentre pensavo a tutte queste cose, vidi Maria che sventolava un foulard rosso, era il suo segnale per farsi riconoscere in mezzo a tutta la gente dell’ aeroporto, io alzai il mio fazzoletto, e dopo pochi minuti eravamo abbracciate felici ed emozionate.

Avevamo così tante cose da raccontarci che le nostre parole si sovrapponevano senza capire niente, e scoppiavamo a ridere, come ai bei tempi. "Fatti vedere!" mi diceva Maria, sei sempre uguale tu!!!! "Si, sicuro!" rispondevo io, e giù a ridere...

Salimmo in macchina, dopo aver sistemato le mie valigie, e in tutto il tragitto ci siamo raccontate un sacco di cose. "Allora?" domandavo io, "Come va con il tuo Paolo?", "Bene, bene" rispondeva Maria, "Paolo è un uomo meraviglioso, sono stata fortunata ad incontrarlo, sai?" "Non vedo l’ ora che tu lo conosca, gli ho tanto parlato di te che è come se ti avesse sempre conosciuta".

Arrivammo a casa dopo un paio d’ ore di strada, e davanti alle scale d’ ingresso c’ era un uomo alto, sportivo, con i capelli brizzolati e un sorriso stupendo che ci aspettava, io rimasi senza fiato, altro che Richard Gere!

Mi aprì la portiera della macchina, e mi diede la mano per aiutarmi a scendere, poi con grande gentilezza mi disse che era un vero piacere conoscermi, dopo tanto tempo che sentiva parlare di me....Io, non ero capace di parlare, lo guardavo, sorridevo, e basta!

La casa era un amore, arredata con gran gusto, e la camera che mi avevano destinata era perfetta, con un bagno a fianco e un balcone che dava sul giardino pieno di rose...

I loro figli erano ragazzi stupendi, educati e mi avevano riempito di gentilezze, insomma, meglio di così non potevo stare, e mi sentivo completamente a mio agio, forse "troppo" a mio agio. La presenza in casa del marito di Maria, non mi lasciava assolutamente indifferente, e mi chiedevo cosa mi stesse succedendo, erano tantissimi anni che non guardavo un uomo, che non mi interessavo per nessun uomo, ora, mi dovevo sentire attratta niente di meno che dal marito della mia più cara amica? Ma ero impazzita, per caso? E quello che mi sconvolgeva di più era, che più di una volta avevo incontrato il suo sguardo, e me ne ero accorta che faceva il possibile per rimanere solo con me... finchè un pomeriggio che Maria era andata a fare una commissione urgente, io stavo facendo la doccia, e ho sentito un rumore alla porta, ho sentito entrare qualcuno, il mio cuore batteva all’ impazzata, e allo stesso tempo speravo d’ essermi sbagliata, ma una mano maschile, la sua, mi prese e mi portò sul letto, e fu un incontro unico, un incontro incredibilmente appassionato, ed io mi sentivo felice e colpevole, tanto colpevole che all’ improvviso lo allontanai da me, e gli dissi di andarsene, che non potevamo farle questo a Maria, che ci dovevamo vergognare tutti e due, ma lui sembrava impazzito, e prendendomi per le spalle mi fece sentire tutta la sua virilità e io mi lasciai andare tra le sue braccia...

Il giorno dopo, molto presto, incominciai a rifare le mie valigie, e fu proprio Maria, che vedendomi, mi domandò sorpresa cosa stessi facendo, dove volevo andare, io le risposi che dovevo assolutamente tornare a casa, che avevo ricevuto una telefonata dal mio datore di lavoro, che mi chiedeva di tornare immediatamente perche c’ erano problemi da risolvere. Maria rimase molto addolorata davanti a questa mia improvvisa decisione.

Ci salutammo, con lo stesso affetto di sempre, e da parte mia, con un enorme senso di colpa. Maria non doveva mai e poi mai venire a sapere la verità, sarei morta dalla vergogna. Suo marito per fortuna non c’ era, così fu molto meglio per tutti e due. Io avevo già chiamato un taxi, non volevo che Maria mi accompagnasse al aeroporto, non avrei potuto nascondere il mio disagio.

Mentre mi trovavo di nuovo sull’ aereo, con gli occhi chiusi vivevo nuovamente gli istanti meravigliosi di quel incontro appassionato e colpevole che porterò sempre nel mio cuore, ma non potrò mai perdonarmi l’aver tradito in un modo così meschino l’amica più cara che avevo.




Franca Merighi 05/07/2018 05:56 195

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Franca MerighiPrecedente di Franca Merighi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Franca Merighi:
Franca Merighi
 I suoi 38 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Era il 1942 (13/07/2017)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Una ragazza nel parco (06/11/2018)

Una proposta:
 
Una ragazza nel parco (06/11/2018)

Il racconto più letto:
 
Era il 1942 (13/07/2017, 569 letture)


 Le poesie di Franca Merighi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it