3721 visitatori in 24 ore
 245 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3721

245 persone sono online
Autori online: 11
Lettori online: 234
Poesie pubblicate: 335’002
Autori attivi: 7’479

Gli ultimi 5 iscritti: Fabert - Massimo Bellini - MarioE - bibibi6662 - Scorsone Francesca
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereDanilo Tropeano Messaggio privatoClub ScrivereStefana Pieretti Messaggio privato ♦ Daniele miraflores Messaggio privatoClub ScriverePatierno Vincenzo Messaggio privato ♦ Adriana Bellanca Messaggio privato ♦ numerouno Messaggio privatoClub ScrivereNicola Gullo Messaggio privatoClub ScrivereMidesa Messaggio privatoClub Scriverepoeta per te zaza Messaggio privato ♦ Antonella Garzonio Messaggio privato ♦ Eolo Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

La curiosità di un giovane poeta

Amore

Ormai da tre giorni, la pioggia cadeva ininterrottamente sui tetti anonimi delle case di un piccolo paese situato tra le valli bergamasche.
Nonostante la primavera fosse molto vicina ad affacciarsi, il sole proprio non voleva uscire, restando continuamente a dormire dietro quel letto formato da grigissime nuvole, sempre cariche d’acqua.
Dietro ad una finestra incorniciata da persiane di legno vecchio, restava a guardare il mondo un giovine ragazzo. Non sapeva ancora che sarebbe divenuto un famoso poeta.
Riccioli di un nero corvino coprivano il suo capo mentre due occhi grandi e penetranti richiamavano l’attenzione di chiunque lo fissasse. Incantavano perché erano magnetici, brillanti come due gemme, malgrado fossero di colore scuro.
Il nostro protagonista aveva diciassette anni e, a breve, divenuto maggiorenne, avrebbe affrontato il mondo degli adulti.
Amava osservare, silenziosamente, tutto ciò che lo circondava ponendosi continuamente quesiti sul come ed il perché di ogni cosa. A volte, non trovava spiegazioni ma, lui, era il ragazzo del vorrei sapere!
Inguaribile romantico, molto sensibile, non crediate non fosse capace di trasformarsi da tenero usignolo a lupo pur di difendere le sue fantasiose idee ed il suo inafferrabile credere nei sogni. La sua legittima curiosità era dettata da una classica indole di indagatore dell’animo umano perché lui, Matteo, non era spinto solamente da un desiderio di conoscenza scientifica delle cose, bensì da un ardente voglia di comprendere ogni singolo stato d’animo che provocava qualsivoglia emozione non appena si presentasse l’occasione di restare meravigliati, stupiti, di fronte agli eventi della natura e della vita umana.
Matteo non si era allenato ad ascoltare ogni singola sfumatura delle sue emozioni perché gli veniva spontaneo saper ascoltare e descrivere ogni cosa con talentuosa poesia facendo parlare il cuore.
Infatti, raccoglieva tutti i suoi pensieri felici, tristi o carichi di dubbi, per annotarli su bianchi fogli riuniti in una cartelletta di cuoio, color tabacco, che la nonna gli aveva regalato come gesto di immenso affetto in occasione del suo precedente compleanno.
Quando osservava la pioggia cadere, si chiedeva se le nuvole avessero provato dolore non appena il sole le avrebbe squarciate con i suoi raggi.
Vedendola cadere a terra, Matteo si chiedeva se la terra soffrisse quando il fiore, che sarebbe poi nato, avrebbe lacerato il suolo per sbucare nel giardino che circondava la sua piccola ma graziosissima casetta.
Nel frattempo, la pioggia stava affievolendosi, smettendo di bagnare l’intero paese ed i dintorni.
Matteo fu rapito da un indescrivibile gioia perché, guardando dietro ai vetri bagnati da goccioline d’acqua, si presentò un meraviglioso spettacolo di luce.
Nei pochi istanti in cui la pioggia stava cessando di cadere, si formò, su di una piccolissima collina che faceva da guardiano all’ingresso est della piccola casetta, uno scintillante arcobaleno, definito da intensi colori.
- Che magia è mai questa? - pensò il giovane Matteo!
- Come è possibile?!
- Da dove vieni quella luce?
Altri interrogativi a cui doveva trovare subito una risposta.
In quel momento, Matteo si chiedeva se anche il cielo, proprio come lui, si riempisse di dubbi quando doveva costruire l’arcobaleno e si domandava, inoltre, come facesse a scegliere quei meravigliosi colori che, poi, risplendevano in fasci di luce impalpabili. Non poté trattenere la voglia di scrivere questi importanti pensieri colmi di romanticismo e fervida immaginazione sui suoi fogli che, in breve, si erano già riempiti ad ogni sua singola emozione. Afferrò la penna ma, temendo che l’arcobaleno sparisse, corse subito fuori ad ammirarlo in tutto il suo splendore e in tutta la sua bellezza. Ai suoi occhi, la generosa natura stava regalandogli sensazioni magnifiche perché, oltre a quell’enorme fascio di luce, nato dalla sua collinetta e che non si capiva dove terminasse, uno stormo di rondini colpì la sua sensibilità volando contro un leggero e fresco venticello che gli soffiava addosso.
Ed allora si chiese ancora una volta: chissà se quelle rondini soffrivano planando controvento e se avessero paura di perdersi nello sconfinato cielo da attraversare in quel loro peregrinare.
In men che non si dica, Matteo rientrò nella stanza da dove era uscito ed afferrò con grande determinazione la penna, quasi come fosse una spada; la impugnò tra le mani, certo che avrebbe vinto la battaglia dell’aver saputo descrivere il perché di ogni cosa senza aver perso le emozioni, la gioia ed ogni curiosità provate.



Galante Arcangelo 24/08/2018 09:43 127

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Precedente di Galante Arcangelo

Nota dell'autore:
«Ormai da tre giorni, la pioggia cadeva ininterrottamente sui tetti anonimi delle case di un piccolo paese situato tra le valli bergamasche.»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Galante Arcangelo:
Galante Arcangelo
 I suoi 9 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
La scelta (09/02/2018)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La curiosità di un giovane poeta (24/08/2018)

Una proposta:
 
La curiosità di un giovane poeta (24/08/2018)

Il racconto più letto:
 
La scelta (09/02/2018, 384 letture)


Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it