3078 visitatori in 24 ore
 227 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3078

227 persone sono online
Autori online: 4
Lettori online: 223
Poesie pubblicate: 341’914
Autori attivi: 7’526

Gli ultimi 5 iscritti: Lucreziab - Billywof - Carolengaf - StevenBoste - Maria Cristina Gnudi
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereRasimaco Messaggio privatoClub ScrivereUmberto De Vita Messaggio privatoClub Scriveregianni manca Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Colonia

Ragazzi

Colonia.

La notte senza stelle, nessun diamante brillava nel cielo in quel tempo.

Adunata innalza bandiera, saluto alla nazione, a nanna nello stanzone buio. Poca luce di luna illuminava una piccola striscia del pavimento nell’ ombra della camerata facendomi compagnia, e perché no, sognare... Nessuna storiella, niente rimbocco di coperta da parte delle lavoranti nella colonia penale… Navigavo con vele di dolore nell’ atmosfera dell’ abbandono, avevo otto anni, quindici giorni e un mese, due snelle, magre gambe a stento reggevano il corpo. Vestiti tutti uguali, rasati, in divisa come i militari. Senza nomi, uguali, somme di matematica, numeri e nulla più. La tazza del latte tiepido sul tavolo del refettorio:” stanzone enorme, buio, a mala pena assolato” colorata di bianco pallido mi aspettava ogni mattina puntualmente, mai, la strinsi tra le mani, mai, bevvi latte avvelenato di quel tempo nell’ atmosfera delle urla, risate, tristezze velate, rabbia nascosta, tumultuosa come l’ infrangersi delle onde del mare spumeggianti sugli scogli di più bambini. La mattina alle sette, si ripeteva la scena, il rito dell’ appello numerico, poi, nuovamente innalza bandiera, saluta alla nazione Italia, rompete le righe ... Ero una formica in mezzo a tanti bambini, di sicuro penso che altre piccole formiche si annidavano in quel formicaio, non vedevo il mondo fuori, non partecipavo a nulla, una folta nebbia di dolore mi avvolgeva, sanguinavo, ferito, mi ritiravo nella tana del silenzio, impastavo il dolore, aspettavo, filavo il momento della visita di madre fuori dal cancello. Avevo insistito tanto per andare in colonia, desiderio di volare, conoscere, navigare, scoprire, ma, le ali fragili non ressero alla prima separazione, non valutai la lama del coltello nel cuore. Piansi tantissimo, una sorda tristezza s’ impossessò della mente, tutto divenne incolore. Diventai un bambino formica, mi avvertivo fragile e indifeso, mi sentii abbandonato e solo al mondo; Mi racchiusi nella tana dell’ anima dove il sole non penetra mai con i suoi raggi abbaglianti, masticavo pensieri inbevuti d’ aceto, solo dopo pochi giorni, un tempo per me infinito, il viso angelico di mia Madre apparse al cancello della colonia, ogni piccola lampadina nel cervello improvvisamente si riaccese, tutto s’ illuminò, tutto luccicava, uscì i fuori dal nascondiglio senza paura. Pianse anche Lei al primo appuntamento all’ incontro dopo il lascito, la implorai di riprendermi da quel vasto territorio sconosciuto, ricordo che mi comprò un gelato, mi portò fuori dalla caserma, andammo alle giostre delle vita, riapparsero i colori ai miei occhi; non ricordo il ritorno alla dimora, il saluto alle mie cose, l’ abbraccio degli amici, ricordo la ferita, la smorfia del dolore, il bambino formica, la prima dolorosa separazione, il buio della caverna, il taglio del coltello, la recisione…

A cà pa ‘ e nu puzzo,

‘ a calo ‘ o sicchio,

tire fò re ‘ e pensiere!

Come una foglia trasportata dal vento,

la mia anima rotolò,

rotolò tra polvere di terra,

ruzzolò soprattutto dove la polvere

insieme all’ acqua esala al cielo

diventando nuvola e poi pioggia.

Pioggia che bagna,

che lava,

che toglie e che mette nel vasto oceano

che è la nostra anima quella pallida brezza

di fresco di nuovo, che crediamo che sia nuovo,

ma è sempre lo stesso nuovo che ci appare differente,

diverso per il troppo rotolare tra polvere e fango,

tra pulito e sporco.

E non c’ e’ nuova foglia che possa sostituire la foglia caduta,

e non c’è nuovo verde nel corpo, che possa

tingere di verde nessuna altra foglia.

Aleggiai...

come una foglia cercai il vento, il trasporto,

cercai il rotolamento e il riso.

Ma triste me ne accorsi che non vi è vento che non nasce da dentro, dove il bambino gioca con l’ aquilone,

dove si inventano personaggi per poter giocare

e dove si esulta per la prima caramella di zucchero.

Allora è che guardai il sole nascere e morire,

lo saluto così, fingendomi gabbiano,

aprendo le braccia come fossero ali,

e volai, trasvolai lontano

tra il cielo e il mare,

quasi a bruciarmi gli occhi fissando il sole per non vedere

più di quello che vidi,

tristezza nei cuori,

miseria e dolore,

affanni per restare appesi

alla vita che poco offre ad ogni uccello

emigratore.


Pasquale Lettieri 06/03/2019 16:18 135

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Pasquale LettieriPrecedente di Pasquale Lettieri

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Pasquale Lettieri ha pubblicato in:

Libro di poesieFoto di gruppo con poesia
Autori Vari
Un ritratto degli autori del sito attraverso le loro poesie

Pagine: 200 - € 14,00
Anno: 2009 - ISBN: 978-88-6096-494-6


Libro di poesieSalutiamo Eluana
Autori Vari
Poesie per la morte di Eluana Englaro, dallo Speciale "Salutiamo Eluana"

Pagine: 68 - € 9.53
Anno: 2009


Libri di poesia

Ritratto di Pasquale Lettieri:
Pasquale Lettieri
 I suoi 173 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Acino lo Gnomo (21/12/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Raccordo (23/05/2019)

Una proposta:
 
Raccordo (23/05/2019)

Il racconto più letto:
 
Le due Sirene (05/01/2011, 5102 letture)


 Le poesie di Pasquale Lettieri

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it